UltraBeauty
10 consigli su come sembrare più giovane

Consigli su come sembrare più giovane di almeno 10 anni

Tutti vogliono vivere più a lungo, sentirsi meglio e sembrare più giovani della loro età. Ciò è particolarmente familiare alle donne che, alla ricerca dell’eterna giovinezza. Alcune sono pronte anche per interventi chirurgici seri e provano tutte le nuove procedure cosmetiche. Le altre cercano cosmetici “miracolosi” e non esitano a utilizzare editor grafici per modificare le loro foto, e postare i propri ritratti sui social network solo con filtri.  Ma gli esperti, nel frattempo, affermano che per mantenere la giovinezza e un bel aspetto non è affatto necessario andare agli estremi. E’ sufficiente procurarsi alcune utili abitudini quotidiane. Ecco i 10 consigli su come sembrare più giovane.

Dermatologa, professoressa associata Angela Lamb in un’intervista al portale “EatThis, NotThat!” elencato le regole, la cui osservanza prolungherà la giovinezza e permetterà avere un bell’aspetto nella vita reale in qualsiasi momento. Tra i consigli dati ci sono i classici come conservare la propria salute, farsi controllare periodicamente da un medico, mangiare bene e rinunciare agli eccessi dannosi è cosa ovvia. Ma ci sono anche una serie di consigli non ovvi.

Lascia stare gli occhi

In primo luogo, il medico consiglia di smettere di strofinarsi gli occhi. Questa abitudine è comune a molti, perché ci strofiniamo le palpebre con le dita quando gli occhi sono stanchi o quando vogliamo dormire. Non ci accorgiamo nemmeno di quanto spesso lo facciamo. Il risultato del continuo strofinamento è arrossamento, secchezza e irritazione degli occhi e persino un’eccessiva perdita di ciglia.

Sieri vitaminici

Il secondo consiglio di un dermatologo è quello di utilizzare sieri vitaminici per il viso (siero). A volte tali oli cosmetici costano molto, ma l’esperto sottolinea che non dovresti assolutamente risparmiare su questo.



Acqua

Terzo, bevi più acqua naturale. E qui parliamo di acqua, che non può essere sostituita da caffè, tè e altre bibite, perché il nostro corpo li percepisce come cibo liquido. Solo l’acqua naturale in quantità sufficiente è in grado di purificare il corpo, nutrire i tessuti, che si riflette sulla pelle del viso. Quest’ultima diventa più pulita e morbida, il suo colore è più sano. Con tempo asciutto o in inverno, durante il periodo di riscaldamento, il medico consiglia l’uso di umidificatori domestici. Allo stesso tempo, non è consigliabile fare una lunga doccia calda: paradossalmente, asciugherà solo la pelle.

Cura dei capelli

Il quarto consiglio riguarda la bellezza dei capelli. Il medico consiglia di risciacquare il balsamo per capelli con acqua fredda. I capelli così diventeranno più lucenti. Inoltre l’acqua fresca stimola il nervo vago.


Mani

Quinto: dovresti applicare una crema idratante sulla pelle delle mani ogni ora e mezza. Molte donne sanno che il gelo e il vento in inverno e il riscaldamento interno seccano istantaneamente la pelle delle mani, rendendola secca e arrossata. L’uso di una crema preverrà questi spiacevoli processi e conserverà la bellezza delle mani. Nel frattempo, le mani sono considerate uno degli indicatori dell’età di una donna insieme alla linea delle palpebre, all’ovale del viso, alla pelle del collo e del décolleté.

Puoi scoprire di piu sulla cura delle mani nel articolo “Le mani svelano la vera età“.



Riposo

E’ importante dormire abbastanza ore ogni giorno. Perché gli ormoni dello stress e la mancanza di sonno scompongono il collagene e accelerano l’invecchiamento”, sottolinea il dott. Lamb.

Sorridi alla vita!

Il settimo consiglio è sorridere, ridere e provare a godere anche delle piccole cose. Il medico spiega: la risata aumenta la funzionalità del sistema circolatorio e riduce lo stress, e questi sono due fattori importanti per mantenere la giovinezza.

Leggi anche “Affermazioni positive

Proteggi la pelle

Ottavo dei dieci consigli su come sembrare piu giovane riguarda la protezione dai raggi UV. Quando il tempo è soleggiato, indossa un cappello, il cui pavimento coprirebbe il tuo viso e usa la protezione solare. L’eccesso di abbronzatura invecchia la pelle e non è un segreto.

Punture antirughe si o no?

Il nono consiglio è per gli amanti delle procedure cosmetiche. Per le donne che non escludono l’uso di Botox e acido ialuronico, il medico consiglia di iniziare questa procedura il prima possibile. Il dermatologo spiega: “Se vuoi essere un passo avanti, inizia presto. È più facile prevenire le rughe che combatterle quando diventano profonde”.

Goditi la vita

L’ultimo di 10 consigli su come sembrare piu giovane riguarda il benessere psicofisico. Non preoccuparti troppo degli inevitabili processi di invecchiamento, perché non si tratta di una malattia, ma piuttosto di un corso naturale di eventi, che però può essere un po’ influenzato. Mangia bene, idrata la pelle, fai esercizio fisico e goditi la vita – e vedrai che inizierai a trasudare giovinezza, nonostante le rughe! Perché la giovinezza parte da dentro.

5 regole dell’amore

Cinque principi fondamentali per costruire un amore forte e duraturo

Per costruire un business vincente ci vuole una strategia. Così anche l’amore ha bisogno delle regole per durare a lungo e rimanere forte. Parleremo oggi di 5 regole fondamentali dell’amore.

1. Attenzione

Spesso in una relazione manca un elemento molto importante che è l’attenzione reciproca dei partner. Siamo sempre terribilmente occupati, costantemente in contatto con molte persone, ed è difficile trovare il tempo per una comunicazione normale per poter concentrarsi completamente sull’interlocutore. Siamo circondati da gadget che di solito vincono la battaglia per la nostra attenzione, e poi ci sono chiamate importanti e liste di cose da fare che cerchiamo di tenere nella nostra testa. 

Ma è l’attenzione che sta al centro delle relazioni. Per stabilire e mantenere l’intimità emotiva, non sono necessarie lunghe ore e enormi sforzi. In realtà è sufficiente prestare attenzione alla nostra metà per un po’ di tempo.

2. Vedere un bambino in un partner

L’infanzia lascia un’impronta nel carattere, nelle abitudini, nello stile di vita. Comprendere il passato infantile del tuo partner è la chiave per risolvere i conflitti, motivo per cui è bene parlare del passato in modo costruttivo. 

Sapere il suo passato da bambino ti aiuterà a comprendere meglio la realtà interiore del tuo partner e a passare dai giudizi alla curiosità ed empatia. Nella maggior parte delle coppie, ci sono periodi in cui uno non capisce affatto l’altro. Ma può succedere che a volte qualche azione del partner diventa un fattore scatenante. Capire la sua infanzia ti aiuterà a capire tutto il resto.



3. Dialogo

Spesso all’inizio di una relazione ci apriamo al nostro partner, lo ascoltiamo molto e non diciamo ciò che noi stessi vogliamo. All’inizio tutto fila liscio, ma col tempo si inizia a soffrire per l’incomprensione, perché pensiamo che il partner deve da solo accorgersi e capire quello che noi vogliamo. Invece di parlare con calma e apertamente, ci si arrabbia. Ma dobbiamo ricordare che nessuno può leggere nella mente, quindi, per costruire l’amore, è importante essere in grado di condurre un dialogo con il partner.

4. Mantenere la distanza

L’ultima delle 5 regole dell’amore riguarda lo spazio personale. Perché l’amore si basa su due pilastri: disponibilità alla resa e indipendenza. Vogliamo essere vicini al nostro partner e allo stesso tempo è importante per noi mantenere una certa distanza. Se la distanza è troppo grande, la comunicazione non può essere stabilita. Ma se non c’è alcuna distanza e i partner si uniscono, perdono la loro indipendenza

Quando l’intimità si trasforma in una fusione completa di due, il problema non è la mancanza di distanza, ma all’contrario sovrabbondanza di presenza che sopprime il desiderio sessuale. Puoi sapere tutto sul tuo partner, abbracciarti spesso, trascorrere del tempo insieme, ma non sentire la passione precedente. È utile avere uno spazio tra di voi per mantenere il fuoco della passione sempre acceso. Il desiderio regna sovrano solo se c’è sempre l’interesse di scoprire il partner.

Leggi anche:

Elasticità della pelle e come mantenerla

Cosa fare per mantenere la pelle tonica ed elastica

Uno dei fattori piu importanti che distingue una persona giovane da quella meno giovane è l’aspetto della pelle. La pelle giovane è tonica ed elastica. Ma cos’è esattamente elasticità della pelle e come mantenerla?

Elasticità della pelle

Le caratteristiche “elasticità” e “tonicità” sono strettamente correlate. In molti generalmente pensano che siano la stessa cosa. Ma in realtà si tratta di due aspetti ben distinti.

L’ elasticità è la capacità della pelle di allungarsi senza danneggiarne la struttura.

La tonicità è la capacità della pelle di resistere alla deformazione, di tornare alla sua forma originale quando viene tesa o schiacciata.

Le fibre di collagene sono responsabili della tonicità della pelle, che, come il telaio a molle di un materasso, ripristina la superficie dei tessuti dopo la compressione. E le fibre di elastina sono responsabili dell’elasticità, perché scorrono diagonalmente con diverse angolazioni, “stringendo” il derma e impedendo la separazione dei suoi componenti.

Sia le fibre di collagene che quelle di elastina sono sintetizzate dalle stesse cellule: i fibroblasti. Nel tempo, la loro attività rallenta e, quindi, ci sono meno elastina e collagene , il che porta a una perdita di tono, comparsa delle rughe e la flaccidità della pelle del viso e del corpo.

Da cosa dipende l’elasticità della pelle

L’elasticità dipende direttamente dal rapporto tra la sintesi delle fibre di collagene ed elastina e la loro distruzione. In giovane età, questo rapporto è 1:1. Ma a poco a poco le proporzioni cambiano perché si consuma più elastina e collagene di quanta ne venga prodotta. Non possiamo fermare del tutto questo processo, ma possiamo rallentarlo. Scopriamo come mantenere l’elasticità della pelle.

Se vuoi che la pelle sia tonica ed elastica, dovrai apportare alcune modifiche alla dieta e non trascurare le cure della pelle.

Protezione solare

I raggi ultravioletti di tipo A, che non sono trattenuti dalle nuvole o dai vetri delle finestre, sono distruttivi per la nostra pelle e giorno dopo giorno, riducono la capacità dei fibroblasti di sintetizzare collagene ed elastina.

Più responsabilmente affronti il ​​problema della protezione dai raggi UV, maggiori sono le possibilità che la tua pelle mantenga tono, compattezza ed elasticità.



Idratazione

La pelle con un livello di idratazione insufficiente a priori non può essere elastica. Immagina un filo d’erba secco che si rompe anche con un po’ di tensione. È tutta un’altra questione se i tessuti idratati, si allungano meglio e allo stesso tempo non vengono danneggiati. Presta attenzione ai cosmetici con i seguenti ingredienti: acido ialuronico, estratto di succo di Aloe, estratto di alghe marine, chitosano.

Leggi anche “Aloe perché fa bene alla pelle” e “Alghe marine anti-età

Ma ricordati che la pelle ha bisogno di essere idratata non solo dall’esterno, ma anche dall’interno. Dovresti bere l’acqua naturale non gassata 30 ml per ogni 1 kg di peso corporeo al giorno. Altrimenti, nessun cosmetico darà risultati tanto sperati.

Alimentazione

Se riduci l’assunzione di zucchero e idealmente lo abbandoni completamente, puoi prevenire un tale processo dannoso per la pelle, come la glicazione. Glicazione è l’incollaggio delle fibre di collagene ed elastina sotto l’influenza di molecole di glucosio, che mina la loro capacità di resistere alla deformazione. Quindi se vuoi la pelle giovane ed elastica dovresti dire addio allo zucchero.

Leggi anche “Cosa succederà se smetti di consumare lo zucchero

Quindi se vuoi aumentare o mantenere l’elasticità della pelle, la tua dieta deve essere ricca di frutta e verdura, pesce ma anche di oli vegetali non raffinati, ricchi di acidi grassi essenziali.


Integratori alimentari

Puoi nutrire il tuo corpo con integratori contenenti acido ialuronico e antiossidanti, sostanze che possono davvero influenzare l’elasticità della pelle. Ma bisogna seguire le regole fondamentali:

  • Costanza. Non aspettarti un miracolo da una capsula, per vedere i risultati hai bisogno di un corso della durata di 3-6 mesi. Dopo aver saturato gli organi interni, il corpo inizierà a fornire componenti utili alla pelle.
  • Approccio integrato. Per approccio integrato viene inteso l’assunzione di vitamine sia internamente che esternamente nei prodotti di bellezza.
  • Equilibrio. Cerca integratori alimentari con un complesso di componenti: glicosaminoglicani, licopene, vitamina C – oppure puoi assumere piu integratori contemporaneamente. Assicurati di consultare prima uno specialista.


Cosmetici

Come abbiamo già detto in precedenza, per migliorare e mantenere elasticità della pelle è necessario usare i prodotti di bellezza che stimolano la sintesi di collagene ed elastina.



7 cose che gli uomini apprezzano nelle donne

Come essere dannatamente attraenti negli occhi degli uomini

Come affascinare un uomo dal primo incontro e occupare i suoi pensieri per molto tempo? Troverai la risposta nella nostra nuova selezione di 7 cose che gli uomini apprezzano nelle donne.

Perché gli uomini si innamorano di alcune donne, mentre altre preferiscono stare a un miglio di distanza? Il punto qui non è affatto in aspetto fisico, ma nei modi di fare e nelle abitudini delle donne che attirano i rappresentanti del sesso opposto come una calamita. Ecco un elenco delle 7 cose più importanti che gli uomini apprezzano nelle donne .

Andatura

La prima cosa che gli uomini apprezzano nelle donne è la loro andatura. Tutti i dettagli sono importanti qui, dal movimento dei fianchi ai capelli fluenti, ma anche la leggerezza e la sessualità. Se fai tutto con la grazia di una gatta, puoi essere sicura che l’uomo ha già abboccato.

Lo sguardo

È molto importante per un uomo catturare l’attenzione di una ragazza. Se lo guardi sessualmente e con interesse, sarà catturato all’istante.

Sicurezza

Agli uomini piacciono le donne forti che sono assolutamente sicure di ciò che stanno facendo. Pertanto, puoi facilmente farlo impazzire con la tua capacità di tenere tutto sotto controllo.

Compassione

Se sei gentile e compassionevole, di sicuro gli piacerai. Gli uomini sono affascinati dalle donne che, tra loro impegni quotidiani, trovano il tempo per aiutare gli altri, che si tratti di anziani per strada o di una fondazione di animali abbandonati.



Amore per la vita

Gli uomini sono attratti dalle donne che amano la vita, amano quello che fanno e sanno come divertirsi ogni giorno. Perché una donna che ama la vita sprizza gioia da tutti i pori e gli uomini non riescono resistere ad una donna così solare.

Gentilezza

Non è un segreto che ogni uomo ama essere lodato e sostenuto in ogni cosa che fa. Le parole gentili di una donna lo motivano a continuare a muoversi verso i propri obiettivi e a crescere come persona.

Capacità di ascoltare

Il problema più comune per molte coppie è la mancanza di dialogo. Semplicemente non si ascoltano. Pertanto, è particolarmente prezioso per un uomo quando la donna al suo fianco coglie ogni sua parola e non è costantemente distratta dai messaggi con le sue amiche o dai social network.

Leggi anche:

Per chi ha più di 30 anni

5 segreti per rimanere giovani

Non è un segreto che il nostro corpo diventa meno efficiente con l’età. A partire dall’età di 30-40 anni, l’usura delle cellule porta al fatto che i tessuti e gli organi iniziano funzionare peggio. Ma abbiamo la buona notizia per chi ha più di 30 anni! Ci sono modi per combattere il processo di invecchiamento. Ne parla il nutrizionista sportivo James Collins nel suo libro “Energy Value”.

1. Attività fisica

Lo strumento chiave per combattere il declino dell’attività cellulare nei tessuti e negli organi legato all’età è l’esercizio. L’esercizio aerobico, come jogging, ciclismo o nuoto, migliora la funzione cardiaca, riducendo il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e protegge anche il cervello dal deterioramento cognitivo, come la demenza.

L’allenamento della forza aiuta a proteggere i muscoli dal deterioramento legato all’età. Qualsiasi tipo di esercizio aumenta anche il metabolismo accelerando il motore. Più sei attivo, più carburante ti serve per soddisfare le tue esigenze quotidiane. Le statistiche mostrano che l’attività fisica delle persone è in calo, ora è circa il 20% in meno rispetto agli anni ’60 .

Pertanto, il tuo primo passo è muoverti e fare qualcosa che porti gioia e piacere, e più le attività sono varie, meglio è.

2. Meno cibo nei giorni pigri

Se stai trascorrendo un tranquillo sabato a casa, riduci la quantità di cibo ricco di energia, come i carboidrati, nella tua dieta. In generale, è meglio ridurre l’assunzione di carboidrati a pranzo o a cena, poiché possiamo compensare la diminuzione aumentando l’assunzione di proteine ​​e verdure. Ma anche in questi giorni è necessario consumare le proteine. Pertanto, usa snack ricchi di proteine ​​come lo yogurt, noci o frullati proteici.

Per chi ha più di 30, 40 o anche più anni, allora devi consumare meno cibo rispetto a dieci anni fa. Questa è la regola fondamentale.

3. Energia giusta

Il tipo di carboidrato consumato è estremamente importante. Per un rilascio energetico stabile, prova ad aggiungere carboidrati a basso indice glicemico come patate dolci bollite, pane di segale, farina d’avena, riso basmati, quinoa, grano saraceno e lenticchie .

Dovresti invece ridurre i carboidrati ad alto indice glicemico come grano, patate, torte di riso, cracker, torte, ciambelle, croissant e la maggior parte dei cereali per la colazione.



4. Più frutta e verdura

Quando sei giovane, diabete, malattie cardiovascolari e cancro sono concetti quasi astratti e pensi che accadono alle persone anziane, insomma ad altre persone. Tuttavia, con l’età, queste cose diventano una dura realtà.

Mangiare frutta e verdura riduce la probabilità di sviluppare le malattie sopra elencate e i benefici qui sono davvero grandiosi. Uno studio su larga scala, che ha esaminato le abitudini alimentari di 65.226 persone, ha riscontrato una relazione significativa tra il consumo di frutta e verdura e la mortalità a qualsiasi età. Coloro che mangiavano 5-7 porzioni di frutta e verdura al giorno riducevano il rischio di morte del 36%, mentre coloro che mangiavano più di sette porzioni di frutta e verdura al giorno avevano un rischio di morte inferiore del 42%. E più recentemente, si è scoperto che dieci porzioni di frutta e verdura al giorno sono ancora più vantaggiose.

5. Giusto apporto di proteine

Per chi ha più di 30 anni ha la necessità di avere l’energia sufficiente per combattere il processo di invecchiamento. Per questo è necessario consumare le proteine. Quando il cibo viene digerito, le proteine ​​vengono scomposte in piccoli mattoni chiamati aminoacidi, che vengono quindi rilasciati nel flusso sanguigno e trasportati ai muscoli, dove vengono utilizzati per riparare e costruire nuovo tessuto muscolare. Chiamiamo questo processo crescita muscolare o sintesi proteica muscolare.

Ci sono molti modi per ottenere questo risultato: una porzione di carne magra o pesce, o pollame. Oppure includere più noci, semi o legumi nella tua dieta, ma anche yogurt o uova.

Leggi anche:

Fisico ideale con 10 minuti di esercizi al giorno

Come avere un bel fisico facendo solo 10 minuti di esercizi al giorno

Molte persone sognano di rimettersi in forma. Ma cosa succede se non hai voglia di andare in palestra oppure hai poco tempo da dedicare allo sport? Jennifer Ashton, medico e giornalista, ha trovato la soluzione come avere fisico ideale con 10 minuti di esercizi al giorno e l’ha condivisa nel libro The Year of Self Care.

Storia personale

“L’autrice del libro racconta la sua storia: “I miei pensieri correvano verso la forma fisica. Allo stesso tempo, non volevo essere legata alla palestra, all’orario delle lezioni, alla piscina o alla pista ciclabile. E un’altra condizione era quella di ottenere risultati dedicando non ore allo sport, ma solo pochi minuti al giorno. Quindi ho optato per flessioni e plank.”

Un anno di cura di sé

Così Jennifer deciso di iniziare con 20 flessioni e un plank di 45 secondi e ho aumentato gradualmente il numero di ripetizioni e la durata. Entro la fine della seconda settimana, ho notato i primi cambiamenti nell’addome – era più elastico e sollevato. Inoltre ha osservato un aumento del tono muscolare delle braccia – bicipiti, tricipiti e deltoidi sembravano piu pronunciati e definiti.



Motivazione scientifica

Dunque per avere un fisico ideale con un allenamento di 10 minuti al giorno è necessario scegliere gli esercizi giusti. Flessioni e plank hanno un merito speciale, il che li rende una priorità per l’allenamento.

Le flessioni fanno lavorare quasi tutti i muscoli

Le flessioni non sono solo un buon esercizio per braccia e petto, perché oltretutto rafforzano i muscoli difficili della schiena da allenare, oltre ai muscoli dei fianchi, delle gambe e degli addominali. Funzionano sia con grandi gruppi muscolari che con muscoli secondari più piccoli, spesso deboli anche negli atleti allenati. Infine, le flessioni migliorano il senso di equilibrio.

Tutti possono fare le flessioni, ma devi saperlo fare correttamente

Se il pensiero di sdraiarti per terra per fare flessioni ti infastidisce, prova farle al muro: inclina il tuo corpo ad angolo rispetto ad esso, appoggiati sui palmi delle mani e piega e distendi i gomiti in modo che il tuo petto sia il più vicino possibile al muro. Eventualmente puoi provare le flessioni in ginocchio: mettiti a quattro zampe con la schiena piatta, i gomiti piegati in modo che il naso tocchi quasi il pavimento e usa le braccia e il petto per sollevarti. Oppure prova le flessioni standard, ma con le ginocchia a terra e i piedi leggermente sollevati.

Numerosi vantaggi

Le flessioni aumentano i processi metabolici e aiutano a perdere peso. Dopo l’allenamento di forza, il corpo brucia più calorie rispetto al cardio, perché deve riparare i muscoli. L’allenamento di forza stimola la produzione dell’ormone della crescita, che aiuta a migliorare la forma fisica, aumentare la perdita di peso e rallentare il processo di invecchiamento. Infine, le flessioni aiutano a stimolare la crescita e la riparazione ossea, prevenendo lo sviluppo dell’osteoporosi.

Planca miracolosa

Pensa alla plank come alla preparazione per le flessioni. Perché fornisce un allenamento completo del corpo che copre un’ampia gamma di muscoli: braccia, petto, gambe, cosce, parte bassa della schiena e addominali. In confronto, i tradizionali crunch e sit-up funzionano principalmente solo con gli addominali.

Problemi alla schiena?

La plancia aiuta a ridurre il rischio di malattie e lesioni alla schiena. Questo perché l’esercizio lavora per rafforzare i muscoli addominali profondi e i muscoli che circondano la colonna vertebrale, aiutando il corpo a sostenere la schiena quando ti alleni, cammini, in piedi o seduto.



Migliora il tuo plank

Fisico ideale con 10 minuti di esercizi al giorno
Fisico ideale con 10 minuti di esercizi al giorno

Con il plank classico, il corpo dovrebbe formare una linea retta dai talloni e dalle gambe, attraverso i glutei, la schiena e termina con il busto e la testa. Non inarcare la schiena e non lasciare che i fianchi cadano a terra. Per evitare che i fianchi “cadano”, contrai i muscoli glutei. Tieni i palmi delle mani sul pavimento, non lasciare che le scapole affondino in quanto ciò aggiungerà ulteriore tensione alla parte superiore del corpo e alle braccia. Ricorda di guardare il pavimento, non allo specchio: guardare avanti aumenterà la tensione nel collo e nella parte bassa della schiena. Assicurati che gli avambracci siano in linea con le spalle e che i piedi siano alla larghezza delle spalle. E non dimenticare di respirare durante il plank.

5 Raccomandazioni per una sessione efficace

Tenere plank e spingere in alto non è così facile. Ma ci sono modi per rendere gli esercizi più facili e divertenti. Ecco alcuni suggerimenti.

1. Esercizio al mattino

Fai gli esercizi subito la mattina. In questo modo non devi preoccuparti di trovare il tempo durante la giornata.

2. Accenditi!

Sappi che la musica e le colonne sonore possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi più velocemente. Che tu stia ascoltando la radio, utilizzando lo smartphone, ascoltando un podcast sul computer o guardando il tuo programma televisivo mattutino preferito, usa la musica per caricarti di energia positiva per raggiungere la tua forma fisica desiderata.

3. Trova un compagno di esercizi

Condividendo la sfida di questo mese con un collega, un amico o un familiare, potete controllarvi e motivarvi a vicenda.

4. Inizia con numeri comodi

Quando Jennifer Ashton ha pubblicato la sua sfida sui social media, donne e uomini le hanno scritto di aver iniziato con alcune flessioni. Altri hanno ammesso che potevano tenere il plank solo per pochi secondi. Così Jennifer è stata incoraggiata dal fatto che le persone sono disposte a migliorare se stessi anche senza avere una forma fisica di base.

5. Non aver paura di modificare la tavola

Se hai difficoltà a tenere un plank classico, se provi dolore o fastidio alla schiena, al collo, alle spalle, prova a fare un plank laterale. Oppure, se mantenere una certa posizione per un po’ di tempo è troppo difficile per te, prova a tenere il plank più volte per dieci secondi con brevi pause tra le serie.

Leggi anche:

Come capire meglio il tuo cane

Alcuni fatti che ti aiuteranno capire meglio il tuo amato cane

Se stai leggendo questo articolo è probabile che ami molto il tuo animale domestico e quindi vuoi sapere come capire meglio il tuo cane. La psicologa sociale e addestratrice di cani Zazie Todd ha scritto un libro sui cani, The Science of Making Your Dog Happy. Contiene suggerimenti che ti aiutano a capire meglio il tuo amico a quattro zampe. Abbiamo scelto alcuni fatti interessanti dal libro su questi splendidi animali.

Vista dei cani

Innanzitutto va detto che i cani hanno la vista molto differente dalla nostra. In pratica, quello che noi vediamo ad una distanza di 23 metri, i cani lo notano solo a 6 metri. Inoltre percepiscono il mondo nei colori giallo e blu. Quindi tutti quei giocattoli colorati per animali piacciono soprattutto a noi che ai nostri cani.

Udito

Forse avevi già intuito che i cani hanno l’udito molto piu sviluppato del nostro. Gli esseri umani sentono suoni a frequenze comprese tra 20 e 20.000 hertz, mentre i cani sentono suoni tra 67 e 45.000 hertz. A proposito, i cani possono percepire altri suoni acuti o il ronzio di apparecchiature elettroniche a noi inaccessibili e infastidirsi a causa loro.

Olfatto

Il senso più importante del cane è l’olfatto, e qui non si tratta solo del naso. Nei cani, il cosiddetto organo vomeronasale (VNO) nella regione del palato superiore è incredibilmente attivo. Questo organo è in grado di intrappolare le molecole, rilasciarle e intrappolarle nuovamente per aumentare le possibilità di riconoscimento dell’odore.

I cani hanno un incredibile senso dell’olfatto. La dottoressa e cinologa Alexandra Horowitz afferma che i cani possono persino sentire l’odore dell’ora del giorno, perché le molecole aromatiche sono influenzate dagli sbalzi di temperatura. Grazie al loro olfatto sensibile, i cani aiutano a trovare le erbe medicinali, droga, persone o altro. Esiste anche uno sport amatoriale in cui i cani devono trovare la fonte dell’odore.



Novità

A differenza dei gatti, i cani amano tutto ciò che è nuovo. Di conseguenza, nel tempo, gli animali perdono interesse per i giocattoli familiari, abituandosi a loro. Uno studio ha testato questo effetto offrendo ripetutamente lo stesso giocattolo ai cani dei canili. Quando è stato mostrato agli animali per la decima volta, la maggior parte di loro non era più interessata. Tuttavia, un cambiamento nel colore o nell’odore del giocattolo (o, soprattutto, entrambi contemporaneamente) ha risvegliato di nuovo la curiosità. Quindi, anche una piccola differenza è sufficiente per far sembrare una cosa diversa da quella conosciuta. Così puoi rendere i vecchi giocattoli più interessanti per il tuo cane, giocandoci tu stesso o alterandoli periodicamente.

Diversità

Diversificare l’esperienza significa cambiare l’ambiente in modo che il cane si senta meglio. Questo fa bene alla sua salute mentale perché la incoraggia a interagire con il suo ambiente e a comportarsi in modi caratteristici della sua specie.

Se non diamo ai cani tali opportunità, spesso le trovano loro stessi, ad esempio masticando oggetti per la casa. Questo tipo di comportamento è normale per i cani, ma è meglio fargli sfogare in un modo accettabile per i proprietari. La soluzione potrebbe essere quella di assicurarsi che il cane abbia sempre qualcosa da masticare e rosicchiare. Fortunatamente, ci sono molti giocattoli speciali.

Mangiare

Come capire meglio il tuo cane? Sapendo anche cosa gli fa bene e cosa no. I cani sono onnivori e possono digerire una grande varietà di cibi. La capacità di digerire l’amido (come riso e patate) è una delle differenze tra cani e lupi moderni. Ma ci sono prodotti umani che non sono sicuri per i cani. Ecco l’elenco:

  • alcol;
  • avocado;
  • cioccolato (il cioccolato fondente è il più tossico);
  • agrumi;
  • cocco (ma è improbabile che una piccola quantità faccia male);
  • caffè (e altre fonti di caffeina);
  • uva e uva passa;
  • latte e altri prodotti lattiero-caseari;
  • noci (tra cui macadamia, mandorle, noci pecan, noci);
  • cipolla e aglio;
  • carne, uova e ossa crude o poco cotte;
  • sale in eccesso;
  • xilitolo (dolcificante artificiale utilizzato nel burro di arachidi, caramelle, ecc.);
  • pasta lievitata.

Sonno

Per capire meglio il tuo cane è importante sapere come lui dorme. Innanzitutto, il sonno è essenziale per la salute ed è uno dei bisogni più importanti per i cani. Probabilmente hai notato che dormono molto. Ad esempio, cani giovani adulti dormono da 11 a 14 ore al giorno. E proprio come gli esseri umani, i cani dormono in fasi, alcuni con un rapido movimento degli occhi e altri no. Ma i modelli di sonno negli esseri umani e nei cani sono diversi. Ecco un fatto ovvio: i cani spesso fanno un pisolino durante il giorno. La maggior parte delle persone riposa di notte e rimane sveglia tutto il giorno, mentre i cani vanno a dormire e si svegliano molte volte durante il giorno.

In generale, secondo alcuni rapporti, i cani dormono dal 60 all’80% della notte e dal 30 al 37% della giornata.

Cane sul letto: si o no?

Come capire meglio il tuo cane
Come capire meglio il tuo cane. Il cane sul letto: si o no?

Alcuni addestratori di cani credono che ai cani non dovrebbe essere permesso di sdraiarsi sul letto dei proprietari, perché altrimenti si vizieranno e si comporteranno male. Ma in realtà non ci sono prove che lo confermano. L’indulgenza non ha nulla a che fare con i problemi comportamentali. Naturalmente, puoi decidere se far dormire il tuo cane sul letto oppure no, dipende tutto da te.

In uno studio dell’antropologa Dr. Christy Hoffman del Kanizia College nello Stato di New York, alle donne è stato chiesto se dormivano nello stesso letto con il proprio cane, un gatto o un essere umano e in che modo ciò influiva sul loro riposo notturno. Potresti essere sorpreso, ma i cani si sono rivelati i migliori partner per dormire insieme. Secondo i partecipanti, erano più a loro agio e più al sicuro che con una persona o un gatto. Inoltre, andando a dormire insieme al cane ti fa svegliare presto e quindi il ritmo del sonno è più regolare con lui che senza di lui.

Paura

Ci sono cani paurosi, proprio come le persone. Se il tuo cane è timido e pauroso, aiutalo a sentirsi al sicuro. Obbligandolo a superare la sua paura, molto probabilmente solo peggiorerai la situazione. Non puoi usare metodi di allenamento basati sulla punizione, perché questo aumenta lo stress. Puoi calmare il tuo animale domestico se pensi che possa essere d’aiuto, ma sappi che non tutti i cani lo vogliono, ma devi anche sviluppare una strategia a lungo termine. Potrebbe valere la pena lavorare sul comportamento e consultare il veterinario se è necessario assumere farmaci specifici.

Leggi anche:

Riescono tutti tranne me

Come la sindrome delle mancate possibilità ci rovina la vita

Hai mai avuto la sensazione che tutti tranne te vivano una vita ricca e interessante? Imparano costantemente qualcosa, viaggiano, incontrano amici, vanno a concerti e mostre. Quante volte hai pensato “riescono tutti tranne me“? Se questi pensieri ti sono familiari, probabilmente soffri di sindrome delle perse possibilità, chiamato anche sindrome FoMO.

La sindrome più antica

Il termine FoMO è stato utilizzato per la prima volta dallo studente della Harvard Business School Patrick McGinnis in un articolo del 2004 per la rivista The Harbus. FoMO è l’abbreviazione delle parole “paura di perdersi”, che si traduce come “paura di perdere qualcosa”. Ci sono voluti solo nove anni perché FoMO migrasse dalla rivista all’Oxford English Dictionary. FoMO è conosciuta anche come Lost Profit Syndrome.

Com’è FoMO? Alla persona che ne soffre sembra che tutti intorno a loro vivano una vita piena e sia immerso in un caleidoscopio di eventi interessanti, mentre lui stesso non riesce a far nulla e si impantana in una vita grigia senza volto.

Le manifestazioni di FoMO sono molto diverse. Ad esempio, pensieri diversi possono girare ossessivamente nella testa, a partire dalla frase: “Tutti tranne me”. Tutti, tranne me, viaggiano in altri paesi, escono per appuntamenti, guadagnano molto, vanno d’accordo con i bambini, vivono anima per anima con i coniugi, praticano sport, conducono uno stile di vita sano, crescono personalmente e così via.

Alcune persone con FoMO provano un desiderio ossessivo di comunicare con gli altri e sono pronte a qualsiasi invito, pronti a tutto pur di “buttarsi nella mischia” e sentirsi parte di qualcosa. Altri controllano costantemente i social network: al lavoro, durante il pranzo, a letto, in un salone di bellezza, a una riunione genitore-insegnante. Solo così si sentono coinvolti nella vita interessante “corretta”. Altri ancora, con dolorosa persistenza, cercano riconoscimento e cercano di diventare popolari.

Nonostante di FoMO si è iniziato discutere relativamente da poco, questa sindrome non è affatto giovane. Come spiegano gli psicologi, il bisogno di sapere cosa fanno gli altri e di prendervi parte è un meccanismo antico di sopravvivenza. Ma ora la strategia usata per salvarci si è trasformata in una paura che avvelena le nostre vite. 



Riescono tutti tranne me

Sicuramente i social network hanno cambiato il mondo. Perché ora possiamo monitorare costantemente quasi tutte le persone. Questo ha anche i suoi vantaggi, perché ora ognuno di noi è costantemente in contatto con i propri cari, apprendendo eventi significativi nelle loro vite entro 10 minuti dopo che si sono verificati. Ma allo stesso tempo, i social rendono le persone nervose, facendole pensare: “La vita degli altri è piu bella della mia”.

Sui social media, tutti si sforzano di mostrare la versione migliore di se stessi. Non ci sono foto di toast bruciati e salsicce economiche con purè di patate – solo frullati e bistecche, e non importa che finiscano in tavola una volta alla settimana. Tra una dozzina di selfie realizzati, le ragazze scelgono quello su cui l’angolazione si è rivelata più riuscita. Nessuno pubblicherà una foto da un autobus affollato nell’ora di punta, ma solo all inclusive a Dubai. Le persone vengono celebrate solo nei luoghi e negli eventi “giusti” e preferiscono parlare di successi, nascondendo i fallimenti.

La FoMO è più comune negli uomini che nelle donne, ma la differenza è piccola: rispettivamente 53,5% e 47,5%.

Inizia una corsa senza fine che non può essere vinta. Puoi pubblicare una foto con gli amici da un locale e vedere immediatamente nel feed l’immagine di un amico in piedi in cima all’Everest. Oppure informa tutti del tuo nuovo lavoro e scopri subito che un ex compagno di classe è stato appena assunto come leader nella più grande azienda del paese. Perdendo questa competizione più e più volte, inizi a pensare che qualcosa non va in te. Che sei troppo pigro per ottenere qualcosa e non sei in grado di spendere ogni secondo della tua vita in modo utile. Ci sono così tanti vividi esempi davanti ai tuoi occhi che la tua stessa vita inizia a sembrare grigia, noiosa e senza valore e non fai altro che pensare “riescono tutti tranne me”.

E poi inizi a credere che l’unica cosa che ti rimane è guardare i resoconti degli altri per rimanere in qualche modo coinvolti in qualcosa di interessante. Questo “monitoraggio” della vita degli altri può eventualmente sostituire tutto ciò che è vivo e reale. Il ritornello “riescono tutti tranne me” si trasforma in un assioma che non ha bisogno delle prove, e tu stesso sei diventato un FoMO sapiens, una persona che ha paura di perdersi qualcosa di nuovo, ma non può parteciparvi.

Come trattare con FoMO?

Riescono tutti tranne me
Riescono tutti tranne me o come la vita sui social ci condizioni la vita

La prima cosa da fare è capire che non si tratta di te. Ciò che gli altri mostrano sui social non è necessariamente una bugia, ma quasi sempre solo una parte della verità. Spesso, la bella casa su Instagram è solo un angolo della casa attrezzato apposta, mentre nel resto della casa ci sono le cose sparse dai bambini. Una donna con il viso scolpito, usa diversi filtri e miglioramenti delle foto per apparire tale, e se la incontri per strada molto probabilmente non la riconosceresti. Tra un concerto e un viaggio, quasi ogni persona ha la normale vita quotidiana tra casa e lavoro.

Quindi devi passare da FoMO a JoMO – Joy of Missing Out, le gioie della non partecipazione. Giovanna è sull’Everest? Che benedizione che non sono io! Gambe rotte, mancanza di ossigeno, stanchezza e freddo costante: quanto è bello perdersi tutto questo! Il mare mi aspetta in estate con la pineta, bagni di sole e spiagge sabbiose. Sara si è riqualificata come sviluppatore front-end? È un bene che ho avuto successo nella mia professione per molti anni e non devo ricominciare da capo!

Il terzo passo è trovare ciò che ti ispira. Le competizioni provocate dall’invidia non danno soddisfazione a nessuno, perché ci sarà sempre qualcuno che avrà più successo. Non dovresti essere ovunque, ma solo dove ti senti davvero bene. Lascia che le opportunità perse si trasformino in un bonus: tempo libero che puoi dedicare a ciò che ami. Non importa si tratta del ricamo e non della gara nella categoria Miss Bikini.

Leggi anche “L’importanza di avere un hobby

Meno social, piu vita reale

Riescono tutti tranne me
“Riescono tutti tranne me” o la sindrome FOMO, come liberarsi?

Riduci il tempo che trascorri sui social media. Meno guardi le cronache della vita “ideale” di altre persone, più consapevolmente tratti la tua. Tieni un diario di gratitudine e realizzazione, annotando ogni sera ciò per cui vale la pena dire “grazie” del giorno passato. Molto presto noterai quante cose meravigliose non hai mai visto prima solo perché tutti i tuoi pensieri ruotavano attorno ai risultati di altre persone.

Smetti di guardare sui social la vita “perfetta” degli altri pensando che “riescono tutti tranne me”, perché questo atteggiamento non porta a nulla. Vivi la tua vita, fai quello che ti piace e goditi quei momenti di felicità.

Sii te stesso

Impara a dire “no” non solo agli inviti alle feste, ma anche alle richieste della società. Sei quello che sei e non devi essere una madre perfetta, una impiegata del mese, una festaiola o un’atleta di successo che va in piscina solo per allenarsi per le gare di triathlon. Non permettere che i sogni e i desideri di altre persone ti vengano imposti, non importa quanto siano impressionanti. Cerca il tuo, perché solo ciò che piace vale la pena realizzare.

Ascolta te stesso e non rimpiangere le tue decisioni. Fai la tua scelta e sii orgoglioso di percorrere la tua strada, e non quella che sembrava così bella sulla pagina di qualcun altro. Ricorda che se commetti un errore, puoi sempre riprovare. Solo nella vita reale può iniziare quella vita molto interessante e movimentata, in cui non c’è posto per FoMO, ma dove ti confronti solo con te stesso.

Leggi anche:

Sesso dopo i 40 anni

7 cose che devi sapere sul sesso dopo i 40 anni

Sembra strano ma molte persone affermano che il piacere dall’intimità nell’età adulta aumenta. Dunque, il sesso dopo i 40 anni è bello? Quali sono le caratteristiche del piacere adulto? Vediamo insieme le 7 cose da sapere sul sesso dopo i 40 anni.

1. Il sesso non scomparirà

Secondo la ricerca sul comportamento sessuale un terzo delle persone negli Stati Uniti continua ad avere rapporti vaginali fino all’età di 70 anni. A 40 anni, questa cifra è del 70% per le donne e del 74% per gli uomini.

2. La sicurezza è sempre al primo posto

Nessuna età protegge la sessualità dalle malattie sessualmente trasmissibili. Quindi a qualsiasi età rimane il rischio di contrarre le malattie come sifilide, gonorrea, infezione da clamidia, herpes genitale, epatite B, verruche genitali e tricomoniasi.

Anche il rischio di contrarre l’HIV non diminuisce con l’età. Negli Stati Uniti, la metà di coloro che sono sieropositivi ha più di 50 anni. Questo perché la qualità della medicina moderna aiuta le persone con il virus a vivere più a lungo.

Quindi non trascurare i preservativi con i nuovi partner. E non smettere di sottoporti regolarmente a test per le malattie sessualmente trasmissibili nel corso degli anni .

3. Piacere auto procurato

La ricerca scientifica ha mostrato che la percentuale di donne che si masturbano non diminuisce con l’età e rimane entro il 60% nelle tra 16 e 59 anni. Un terzo delle donne con più di 70 anni si masturba. In media, il 70% degli uomini si masturba prima dei 69 anni. Poi l’indicatore inizia a scendere fino al 46%.

4. Alcune difficoltà

Ciò è dovuto ai cambiamenti fisiologici nel corpo che abbiamo ereditato dalle persone primitive. Raramente qualcuno viveva fino a 40 anni e l’idea era quella di avere il tempo di produrre prole prima della morte. L’evoluzione non vedeva il punto nel lasciare un sistema riproduttivo funzionante per coloro che sarebbero presto morti, quindi le donne ora attraversano la menopausa praticamente nella mezza età, cosa prima impensabile.

Donne

In premenopausa, un periodo tra i 40 e i 50 anni, i livelli di estrogeni iniziano a diminuire, le mestruazioni diventano meno regolari, la vagina può restringersi e le sue pareti possono diventare più sottile. La maggior parte delle donne inizia a secernere meno lubrificazione vaginale, che può causare dolore durante il sesso. Le pareti assottigliate della vagina dopo la penetrazione possono sanguinare e questo aumenta il rischio di infezioni. I lubrificanti a base d’acqua aiuteranno a risolvere questo problema.

Se una donna usa la terapia ormonale per trattare vari sintomi della menopausa, come le vampate di calore, la sua libido può aumentare.

Dovresti informare il tuo medico di tutti i cambiamenti nel corpo che ti disturbano e influenzano la tua vita sessuale. Ti aiuterà a scegliere il modo migliore per risolvere i problemi.



Uomini

Tra i 40 ei 50 anni, negli uomini iniziano i cambiamenti di erezione. Solo le fantasie erotiche non bastano piu per favorire l’erezione. Bisogno aiutare la situazione con le carezze sui genitali.

Il giornalista Michael Castleman, che scrive di sesso da 36 anni, dice che le erezioni negli uomini sopra i 40 anni possono essere molto meno stabili.

Se i cambiamenti in atto ti danno ancora fastidio, vai dal medico prima di assumere i farmaci per l’erezione o di ricorrere alla medicina alternativa. Molto probabilmente, il tuo problema è facilmente risolvibile e non hai alcuna disfunzione erettile.

5. Qualità del sesso migliora con tempo

Molte donne sopra i 40 anni sono più soddisfatte del proprio sesso rispetto a quando erano più giovani. Perché sia le donne che uomini hanno piu esperienza, sono meno frettolosi ed egoisti e si concentrano sul piacere del partner. Inoltre in età adulta i timori e le insicurezze scompaiono e questo rende il godimento piu facile.

Il giornalista Michael Castleman osserva che il dolore durante l’intimità nelle donne e l’erezione insufficiente negli uomini stanno costringendo molti partner a riconsiderare il loro approccio al sesso e a diversificarlo in modo significativo.

Castleman sostiene che questa età rivela davvero l’intimità, perché le coppie si stanno allontanando da questa percezione unica del sesso “corretto” e stanno iniziando a sperimentare. Il sesso orale, i giocattoli e i giochi di ruolo stanno diventando normali.

6. Erezione e orgasmo maschile sono legati?

In realtà gli uomini non hanno bisogno di un’erezione per avere un orgasmo. Anche con un pene flaccido, un ambiente confortevole, fantasie erotiche e carezze energiche di una donna sono sufficienti per raggiungere l’orgasmo. Sarà piacevole come prima.

7. Malattie cardiache contro il godimento

Nell’età avanzata il restringimento e l’indurimento delle arterie colpisce i vasi sanguigni e rende difficile la circolazione del sangue nel corpo. Di conseguenza, uomini e donne potrebbero avere problemi con orgasmi. Potrebbe anche volerci più tempo per eccitarsi e gli uomini potrebbero avere più difficoltà a mantenere l’erezione .

A 40 anni questo ancora non ti minaccia, ma è meglio prendersi cura della propria salute in anticipo. Cerca di mangiare bene, sii attivo fisicamente e non tardare ad andare dal medico se il tuo cuore comincia a darti fastidio.

Risultato

Ricerca ha dimostrato che la maggior parte degli orgasmi si verificano nelle donne di età superiore ai 36 anni. E le donne a 67 anni sperimentano l’orgasmo più spesso che a24. Ma non c’è una ragione fisiologica per questo.

Il punto è che le donne acquisiscono fiducia in se stesse e iniziano a esprimere i propri desideri o le proprie critiche. E gli uomini adulti percepiscono le critiche meglio che a 20 anni e sono più pronti a dedicare più tempo ai preliminari. Sia gli uomini che donne sono pronti per esperimenti e nuove sensazioni.

Secondo l’evoluzione, le persone dopo i 40 anni non avrebbero dovuto fare sesso, ma come si è visto questo periodo è divenuto il migliore nella vita sessuale.

Quindi non aver paura del sesso dopo i 40 anni, perché esso sarà migliore di prima. Ma ricorda, tutto dipende da te, tu stesso deciderai se farai il miglior sesso della tua vita.

Leggi anche:

Dillo con i fiori

Il linguaggio dei fiori, significato e simbologia

La storia del simbolismo delle piante è apparsa molto tempo fa in Oriente. Era lì che le donne non potevano comunicare liberamente e così hanno avuto l’idea di creare mazzi di fiori, dove ogni pianta e il suo colore denotavano un certo evento o avvertivano di qualcosa. Quindi perché non usare questa antica sapienza per comunicare qualcosa di importante. Dillo con i fiori per essere originale!

In questo articolo, ti diremo come scegliere i fiori in base al significato delle piante e dei colori.

Simbolismo dei fiori

dillo con i fiori1
Dillo con i fiori! Significato segreto delle piante.

Fare un bouquet è un’arte e in paesi diversi i fiori possono avere significati differenti.

Ad esempio, in Germania , un giglio è considerato un fiore dei suicidi, perché presumibilmente cresce sulle tombe di persone morte in modo violento. Quindi non è consuetudine donarlo. In Francia invece, al contrario, tutti saranno felici di ricevere in regalo un giglio, perché questo fiore è considerato una manifestazione di profondo rispetto.

Un altro esempio simile sono le viole del pensiero, che in Inghilterra sono riconosciute come segno di fedeltà, amore, devozione, ma i francesi le considerano i fiori della morte e di solito vengono piantate nei cimiteri e nei vari memoriali.

Jasmine in India è tradotto come chiaro di luna degli innamorati. Dando a una ragazza un tale bouquet, un uomo sottolinea la sua femminilità e sensualità.

Le orchidee vengono spesso regalate ai propri cari; in Cina , questo fiore è considerato un simbolo dell’infanzia.



Non è consigliabile regalare fiori secchi, sono riconosciuti come un segno della fine di una relazione.

I mughetti non vanno regalati alle ragazze amate, perché in molti paesi un regalo del genere significa una separazione ravvicinata.

Fiordaliso può significare il desiderio di un’offerta di amicizia.

Regalando le gardenie alla donna si vuole trasmettere il messaggio di vederla come una creatura bellissima, divina.

I giacinti significano fascino, sicurezza e calma, ma se è giallo, significa sfiducia e gelosia.

L’ortensia nel bouquet allude ai ricordi della persona che ha regalato fiori. I gladioli significano pace e sicurezza.

Le iridi parlano del valore dell’amicizia tra le persone.

Calla può parlare di ammirazione per la donna. Le camelie sottolineano la perfezione e la segreta ammirazione della donna che ha ricevuto i fiori.

Crocus suggerirà momenti indimenticabili e caldi della vita.

Le margherite sono considerate un fiore talismano, perché secondo la leggenda, una corona di tali fiori può proteggere un bambino dagli spiriti maligni.

Un bouquet di lavanda simboleggia gli sforzi per proteggersi dai fallimenti e i desideri per la realizzazione di un sogno.

Un loto esotico viene dato solo alle persone care, sottolineando i sentimenti amichevoli o familiari.

La magnolia viene aggiunta a un bouquet quando vogliono accennare alla devozione.

Le rose spesso esprimono le emozioni più forti come amore, gioia, sincerità e profondo rispetto.

La camomilla è il fiore più semplice e delicato, simbolo di famiglia e di benessere tra gli sposi. Non molto tempo fa, questo fiore è diventato un simbolo del giorno della famiglia, dell’amore e della fedeltà.

Quando vogliono interrompere i rapporti con qualcuno, regalano dei ciclamini.

Zinnias parlerà della costanza delle relazioni e dei ricordi frequenti di una persona.

Significato anche in base ai colori

I garofani oltre a tutto dovrebbero essere scelti considerando il colore:

  • il bianco per un augurio di successo nel raggiungimento di qualsiasi obiettivo, buona fortuna in tutte le cose;
  • giallo significa il risentimento;
  • il rosso promette vittoria e leadership;
  • il rosa è considerato un simbolo di amore materno.

I tulipani colorati simboleggiano quanto segue:

  • giallo– un bel sorriso;
  • rosso – spiegazione dell’amore;
  • multicolore – orgoglio e desiderio di una vita meravigliosa.

Dando crisantemi rossi, parlano di amore, bianche – di veridicità, gialle – di relazioni fragili.

Anche il colore è importante

Quando si sceglie una composizione di fiori già pronta o la si crea, è importante prestare attenzione anche alla combinazione di colori che dei fiori. 

Dillo con i fiori, dillo con colori:

  • bianco – giovinezza, tenerezza, purezza, innocenza;
  • rosso – forte amore appassionato, libertà;
  • rosa – considerato universale, adatto a varie occasioni, può essere regalato a ragazze di qualsiasi età;
  • arancione – orgoglio, potere, forza;
  • giallo – focolare familiare, benessere, prosperità;
  • verde – grazia e tranquillità;
  • blu – un simbolo di felicità familiare;
  • azzurro – speranza e fede;
  • lilla – tenerezza, ma non è consigliabile darlo per le vacanze e le feste di matrimonio;
  • viola e viola – grandezza, lusso;
  • viola – esprime umiltà;
  • sfumature colorate – adatte anche a qualsiasi celebrazione;
  • il nero è il colore del lutto.

È anche importante ricordare la corretta selezione di piante di diverse sfumature. Le combinazioni di verde-rosso, arancio-blu, giallo-viola sono considerate le più originali. La cosa principale è evitare transizioni brusche, il bouquet dovrebbe apparire naturale.

L’uso dei toni cromatici vicini è molto utilizzato, perché dà spazio all’immaginazione e non ci sono praticamente restrizioni per la composizione dei fiori. Una composizione monocromatica (in un colore) sembra sorprendente, ma l’uso di una tavolozza policromatica (multicolore) renderà il bouquet unico. Dillo con i fiori!

Perché mangiamo troppo

Spiegazione del perché a volte si mangia troppo

Perché mangiamo troppo? Come gestire la quantità di cibo consumato? Il conteggio delle calorie e la restrizione rigorosa sono l’unico modo per mangiare di meno? Cechiamo di capirlo insieme.

Perché l’eccesso di cibo è dannoso?

Il nostro corpo sa adattarsi alla malnutrizione. A livello di fisiologia, ha reazioni adattive come rallentamento del metabolismo, modificazione della combustione dei grassi e regolazione del comportamento. Ma allo stesso tempo, non sa affatto cosa fare con l’eccesso di cibo, perché non ha alcun meccanismo di contenimento per questo. Pertanto, l’eccessivo apporto calorico diventa la causa di molte malattie da abbondanza di cibo.

Ma non si tratta solo di essere in sovrappeso. L’eccesso di cibo accelera l’invecchiamento cellulare del corpo e aumenta il rischio di molte malattie. Inoltre, il grasso più pericoloso non è quello che vediamo, ma quello nascosto agli occhi: nel fegato, nel cuore, nelle anse intestinali. Aumenta anche il rischio di malattie pericolose come diabete e malattie cardiache. Non è un caso che esista l’espressione “falso magro”. Si tratta di persone che, nonostante abbiamo il peso normale, possono avere un eccesso di grasso interno.

Motivi del perché si esagera con il cibo

Esiste un termine che descrive il consumo di cibo in eccesso – iperfagia. Adesso, scopriamo quali trigger esistono e cosa possiamo fare con loro. Eliminando le cause, elimineremo il desiderio di cibo in eccesso e l’abitudine di mangiare troppo.

Iperfagia da stress e voglie di “cibo consolatore”

Perché questo meccanismo è così rilevante? Nel mondo di oggi c’è molto stress cronico, le nostre situazioni di vita stanno diventando più complesse e meno prevedibili. E per il corpo sotto stress, c’è una soluzione ben nota: mangiare. Da qualche parte a livello cellulare, qualsiasi stress cronico è percepito come fame. La risposta naturale a questa situazione è mangiare di più.

A livello dei geni gli organismi che mangiano di più e immagazzinano più grasso hanno maggiori probabilità di sopravvivere.

E molti altri meccanismi sono incorporati in noi a livello di geni. Ad esempio, perché lo zucchero ci fa mangiare troppo? Il fatto è che la maggior parte dei frutti matura in autunno e contiene molto zucchero. Per sopravvivere, l’uomo ha imparato a mangiare più dolci e a trasformarli in grasso. Ma ora questo meccanismo difensivo sta lavorando contro di noi. Perché desideriamo cibi ipercalorici? Perché nella stessa pizza la densità calorica specifica è maggiore, e quindi con uno sforzo minore si ottengono più calorie. In passato questo fatto era molto importante per la sopravvivenza.



Privazione del sonno e iperfagia circadiana

Il motivo successivo è l’iperfagia circadiana, l’eccesso di cibo associato a disturbi del ritmo circadiano, la mancanza di sonno, l’andare a letto tardi, la luce eccessiva la sera. Quando l’orologio interno del corpo si spegne, invece di dormire, si va verso il frigorifero.

La via d’uscita è la sincronizzazione quotidiana. I pratica devi regolare i ritmi diurni e notturni e prestare attenzione al sonno. Vedrai che poi mangerai di meno. Sappi che 1 ora di mancanza di sonno sono 250 calorie in più che mangerai il giorno successivo, 2 ore di mancanza di sonno sono 550 calorie in più che mangerai il giorno successivo. L’autocontrollo è difficile perché la mancanza di sonno indebolisce la forza di volontà e aumenta l’impulsività.

Iperfagia edonistica

Edonistico significa “associato al piacere”. Perché succede? Se in generale ci sono pochi piaceri nella tua vita, non ti piace il tuo lavoro, non hai un hobby che ti piace, il corpo vuole compiacere se stesso in qualche modo. Le prime cose che vengono in mente sono semplici fonti di dopamina: alcol, cibo o forse entrambi. Qui è importante trovare modi sani per divertirsi, alleviare lo stress, ricevere ricompense.

Leggi anche “Perché è importante avere un hobby

Iperfagia endocrina

Tale eccesso di cibo è associato a disturbi endocrini. Questo è meno comune di quanto pensiamo.

Iperfagia speculare

Esiste un tipo di comportamento psicologico chiamato “mangiatore negligente”. Questa è una persona che riproduce e copia come mangiano gli altri. Tutti intorno mangiano molto – e lui mangia molto, tutti intorno a lui hanno iniziato a perdere peso – e lui perde peso automaticamente.

Il consumo di cibo in eccesso è davvero contagioso. Gli scienziati hanno scoperto che se i tuoi amici hanno guadagnato qualche chilo, hai un rischio maggiore di ingrassare.

Ma è vera anche un’altra cosa: se hai amici più magri intorno a te, aumenta la probabilità di perdere peso. Ciò è dovuto al fatto che copiamo inconsciamente le abitudini comportamentali delle persone emotivamente significative.

3 modi per mangiare di meno

Come puoi risolvere il problema del consumo delle calorie in eccesso? Esistono diversi metodi in realtà. Ma qualunque cosa sia, l’importante è ridurre l’apporto calorico.

1. Usa il metodo delle proporzioni

Controlla le proporzioni nel tuo piatto. Cerca di non mangiare solo cereali, evita molti cibi ipercalorici, aggiungi più verdure ed erbe aromatiche. Questi semplici cambiamenti possono aiutare a influenzare la quantità di cibo che mangi e quante calorie mangi.

Puoi dividere il tuo piatto in zone e modificare facilmente le proporzioni tra cibi ipercalorici e ipocalorici. Quindi mangerai automaticamente di meno e visivamente la quantità di cibo che disponi praticamente non cambierà. Prova anche mettere su un piatto un po’ meno formaggio e mangia meno pane. E la differenza di calorie sarà una volta e mezza in meno.

2. Scegli cibi integrali

Sicuramente hai sentito cosa dicono i nutrizionisti sui benefici degli alimenti integrali. Ma cos’è un prodotto integrale? In pratica è un prodotto che non viene lavorato, macinato, coltivato naturalmente e non contiene additivi. Al contrario, i prodotti moderni sono ultra-lavorati perché sono stati sottoposti a macinazione meccanica, miscelazione, formatura, aggiunta di aromi. I cibi ultra-lavorati devono essere masticati e mangiati automaticamente.

Quando scegliamo cibi integrali rispetto a quelli trasformati, mangiamo 500 calorie in meno. Questa è il metodo ideale per chi vuole iniziare a perdere peso.

Gli scienziati hanno condotto un esperimento. Hanno preso un prodotto ultra-elaborato e uno intero. Questi due prodotti contenevano la stessa quantità di macronutrienti, fibre, grassi, zuccheri e calorie. Ma le persone mangiavano 500 calorie in più di alimenti trasformati. Come mai? Perché erano più facili da mangiare: non dovevano masticarli, si disintegravano automaticamente in bocca. Da questo punto di vista, una bistecca o un bollito è meglio di una cotoletta. I cereali integrali sono migliori dei fiocchi trasformati. E il pesce è meglio dei bastoncini di pesce.



3. Ridurre le dimensioni dei piatti

Perché mangiamo troppo? Perché oltre tutto siamo fortemente influenzati dall’ambiente alimentare. Prendiamo ad esempio i piatti. Più grandi sono le loro dimensioni, più piccolo sembra il cibo e più forte è il nostro desiderio di mangiare.

Ciò che conta è il colore e il contrasto. Se mangiamo spaghetti bianchi su un piatto rosso, mangiamo di meno. Lo stesso vale per gli spaghetti al concentrato di pomodoro su un piatto bianco. E quando non c’è un netto contrasto, il cervello non capisce dove si trova il cibo e mangiamo di più. Un po’, ma conta. Da piatti e bicchieri più pesanti si mangia e si beve meno. Anche le posate più pesanti ti aiutano a mangiare di meno. Prendi l’atto e metti in pratica questi consigli e scrivi nei commenti come è andata.

Leggi anche:

Tre cose che aiutano la creatività

Tre trucchi per trovare l’ispirazione e lavorare con piacere

Capita che sembriamo pronti ad agire, perché c’è un’idea, un piano e il desiderio, ma poi le cose non si muovono. Manchiamo le scadenze, annulliamo gli obiettivi dell’anno, perché il lavoro non è finito. Passa un altro anno, ma non cambia nulla. Scopriamo tre cose che aiutano la creatività e la realizzazione degli obiettivi prefissati.

L’ispirazione, dove trovarla?

Ecco le tre cose principali che ti aiutano trovare la creatività. Questi trucchi sono usati dagli scrittori, attori, pittori e altri per sbloccare il processo creativo. Niente di impossibile, tutto è molto semplice ma funzionale. Provare per credere.

1. Ispirazione ama la routine

Spesso il lavoro creativo è percepito come qualsiasi cosa, ma non come una routine. Ma in realtà l’ispirazione ama la routine, un processo calmo, chiaro e ben costruito.

Funziona piu o meno così: alzati tutti i giorni la mattina presto sempre alla stessa ora e inizia a lavorare. Dopo un po’ ti abitui ad alzarsi e lavorare sempre alla stessa ora diventerà un’abitudine. Dopo di che in automatico l’ispirazione arriverà mentre stai lavorando.

La famigerata ricerca dell’ispirazione funziona raramente. In realtà spesso accade il contrario: ti siedi al lavoro e ti viene l’ispirazione. Il processo può essere fantastico o abbastanza calmo.

Al lavoro, in realtà non abbiamo sempre bisogno di ispirazione. Quando stiamo solo definendo e correggendo le cose, non abbiamo bisogno di ispirazione. Ci sediamo in silenzio e facciamo il nostro lavoro. E quando hai bisogno di un’idea o di un’immagine, come confezionare e presentare questa idea, l’ispirazione ti tornerà utile. Ma in un modo o nell’altro, la routine dà un effetto sorprendente.

Quindi un buon consiglio di iniziare impostando una routine. Più questa routine è calma e familiare, maggiore è la probabilità che esattamente in questo momento, come programmato, arrivi l’ispirazione desiderata.

2. Musa ispiratrice ama camminare

Tre cose che aiutano la creatività
Tre cose che aiutano la creatività. Musa ispiratrice ama camminare.

C’è una ricerca scientifica che dimostra che camminare stimola il processo creativo. Se sei uno scrittore, vai a fare una passeggiata, e porta sempre con te un taccuino e una penna. Ti renderai conto che la modalità della camminata porta idee nuove e fresche che non sarebbero mai arrivate dietro ad una scrivania.

Cioè, fai solo una passeggiata e il lavoro continua in background.

3. Musa ispiratrice ama compagnia

Quando si lavora su un compito, è importante trovare qualcuno con cui discuterlo, mostrarlo e vedere la reazione. Può essere qualsiasi persona a cui mostri il risultato del lavoro e chiedi: “È chiaro cosa volevo dire qui?” Lui risponde e tu capisci: “Sì, ma qui ha considerato un significato diverso, il che significa che devi ancora lavorare”.

Idealmente, questo dovrebbe essere un professionista che annoterà i punti importanti e darà un feedback costruttivo e utile.

Quando è coinvolta un’altra persona, il processo creativo passa a un livello completamente diverso e diventa qualcosa di più di un semplice lavoro.

Inoltre quando mostri e chiedi un parere alle persone il lavoro creativo è più entusiasmante e fluido. Altre persone stimolano, portano idee e ti fanno credere nel tuo lavoro. Se invece sei solo, potresti disperdere l’energia in cose che non funzionano e il lavoro rimarrà ad un punto fermo.



Leggi anche:

Moda 2022 – Stile Clean

Tutti pazzi per lo stile Clean – semplicità adesso è di moda

La moda va di pari passo sempre con le tendenze generali del mondo, si sa. Quindi anche le ultime tendenze rispecchiano lo stile di vita degli ultimi tempi. Si, lo stile Clean è molto più profondo e utile di quanto può sembrare. Vediamo capi di moda nel 2022 dello stile Clean.

Clean Style

La pandemia non occupa più le prime pagine, non è più l’argomento numero uno. L’emergenza è stata ufficialmente dichiarata sconfitta in molti paesi, ma il suo impatto si fa ancora sentire. E non stiamo parlando dei problemi globali, ma di ciò che ci preoccupa ogni giorno. Forse non hai notato questa trasformazione, perché non è successo in un giorno, ma è successo veramente. Forse ci hai fatto caso che i social network hanno affrontato il tema della salute mentale e i designer hanno iniziato a introdurre nelle collezioni i capi simili a quelli comodi che ci mettevamo a casa. Lo stile Clean infatti permette di sentirsi al proprio agio in questo nuovo mondo che continua a cambiare velocemente.

Lo stile Clean è nato dal desiderio di aggiungere ordine, calma e minimalismo armonioso alla vita. Ma vediamo le caratteristiche principali di questo stile Clean.



 

Denim

Moda 2022 - Stile Clean
Moda 2022 – Stile Clean. Jeans denim. Photo by Anastasia Shuraeva by Pixels

I jeans larghi sono la base di uno stile “pulito”. Di moda nel 2022 sono le tonalità chiare, niente piu jeans aderenti. Inoltre, i jeans larghi sono incredibilmente comodi e anche facili da indossare e abbinare. Nell’estetica Clean, tra l’altro, sono particolarmente apprezzati i modelli allungati che coprono parte della scarpa. Sono da preferire i tessuti naturali e in estate i pantaloni di lino torneranno di moda, perché si adattano perfettamente all’estetica “pulita”.

Giacca oversize

Le “sneakers di papà” sono ancora di moda e ora si è unita a loro una giacca oversize del guardaroba dei genitori. Di questo passo, inizieremo a fare acquisti solo nei reparti uomo. Ma le tendenze 2022 comprendono le giacche non solo della taglia oversize, ma anche la mancanza di accessori extra, polsini e applicazioni. Quindi per essere di moda nel 2022 e rispecchiare lo stile Clean la giacca dovrebbe essere semplice, dritta e di colore neutro come nero, grigio e beige.

Top e cardigan

Un altra tendenza della moda 2022 è indossare insieme top corti e cardigan larghi. Qui la logica è la stessa: manteniamo una tavolozza di colori neutra e preferiamo un taglio semplice. Cioè, i top devono essere per lo più di cotone, maglia e seta. I cardigan invece sono sicuramente a maglia larga, simili ai plaid. In questo modo cardigan rende il look rilassato e si armonizza con i jeans, mentre un top corto o una camicia annodata in vita aggiungono dettagli femminili.

Gioielli

I gioielli, nello stile Clean sono minimi. Più precisamente, si sceglie tra due sole categorie: orecchini e collanine in oro o gioielli “per bambini” a forma di girocolli multicolori e anelli con sigillo. Si perché, tutto è subordinato al comfort e quindi gli accessori non devono dar noia. Nello stile Clean tutto è pulito e sostenuto con colori puri e neutri. Less is more – meno è meglio. Lo stile Clean non è innovativo in termini di moda, ma ti insegna ad amarti e accettarti negli abiti più semplici e nel cosiddetto trucco senza trucco. Perché dopotutto è importante rimanere se stessi, perché è la cosa principale.

Leggi anche:

Come capire se gli piaci?

Segnali del corpo che indicano che gli piaci veramente

Se hai aperto questo articolo, molto probabilmente hai qualche uomo al quale sei interessata e vuoi scoprire se gli piaci. In seguito troverai una serie di segnali che il suo corpo invia inconsciamente mentre siete insieme. Non sempre è necessario osservare il comportamento di qualcuno per capire se c’è del interesse, perché molto spesso gli uomini lo dichiarano apertamente. Ma ci sono alcune situazioni non molto chiare e vogliamo capire se la simpatia è reciproca per sapere come comportarsi. Quindi come capire se gli piaci?

Premesso che tutte le persone sono diverse e quindi i modi e i gesti di un uomo significheranno che gli piaci, del altro invece che vuole venderti il suo corso di yoga. Osserva quindi i segni che abbiamo raccolto sul linguaggio del corpo, ma ricorda che tutto è relativo e dipende anche dalle circostanze nelle quali vi trovate.

Postura aperta

Le gambe sono alla larghezza delle spalle, le spalle sono rilassate, le braccia e le mani non sono incrociate e la mascella è aperta. Una postura aperta è un segno che è a suo agio con te.

Respirazione rilassata

Un altro segnale che indica che accanto a te si sente calmo e a suo agio.

Mani in bella vista

L’oggetto dell’osservazione ha le mani in tasca o dietro la schiena? Molto bene. Questo è un altro segno di apertura.



La testa inclinata

Di solito incliniamo la testa quando ascoltiamo qualcosa di interessante o guardiamo qualcosa di piacevole. Quindi se lui inclina la testa mentre ti guarda, è un buon segno.

Contatto fisico “casuale”

Capire se gli piaci si può anche osservando se ti tocca inavvertitamente. Ti ha appena sfiorato mentre ti stava porgendo qualcosa, oppure mentre ti faceva passare accanto? Si, può sembrare un tocco casuale, ma molto probabilmente non lo è. Più spesso cerca di toccarti “casualmente”, più è probabile che gli piaci.

Gioca con i vestiti

Quando siamo nervosi, le mani non riescono a stare fermi. Iniziamo a sistemare la frangia sulla sciarpa, giochiamo con la punta della cravatta, raddrizziamo i risvolti della camicia e così via. Quindi se l’uomo lo fa o gli piaci oppure è semplicemente molto pignolo.

Mani sudate

Anche le mani sudate possono indicare il nervosismo. Ma può anche darsi che abbia le mani sudate sempre, oppure si è appena lavato le mani. Ma se questo accade solo in tua presenza, questo potrebbe indicare una simpatia nascosta.

Perde filo del discorso

Sai vero che quanto siamo nervosi la lingua inizia a comportarsi in modo strano e si “scollega” dal cervello. Anche per gli uomini vale lo stesso discorso. Se gli piaci lui si perde il filo del discorso, la sua lingua inciampa. Se con tutti gli altri parla in modo normale ma si perde solo con te, allora gli piaci sicuramente.

Faccia a faccia

Ovunque siete, in un centro commerciale, al cinema o in un bar, lui durante una conversazione non può resistere e vuole avvicinare sempre il suo viso al tuo? Vuole essere sempre piu vicino a te? Un buon segnale di simpatia, vuol dire che non resiste starti lontano.

Gli occhi non mentono

Osserva i suoi occhi mentre ti guarda. Perché le pupille dilatate sono la reazione del cervello alle cose che ci attraggono. Ma attenzione, le pupille possono dilatarsi semplicemente perché è buio, oppure perché ha esagerato con i caffè.

Sopracciglia alzate

Se alza le sopracciglia è perché potrebbe essere interessato a quello che stai dicendo, se non è la sua solita espressione.

Un sorriso smagliante

Un sorriso aperto come quello di un bambino piccolo, con gli occhi socchiusi dal piacere, è un segno che lui sta bene con te e che trova davvero divertente quello che stai dicendo.

Si lecca le labbra

Quando siamo attratti da qualcosa, il nostro corpo inizia a produrre una grande quantità di saliva. Questo potrebbe significare due cose: o gli piaci oppure è affamato e sta pensando alla bistecca con patate.

Ti guarda negli occhi

Come capire se gli piaci
Come capire se gli piaci? Ti guarda negli occhi.

In un’epoca in cui tutti noi guardiamo costantemente gli schermi, uno sguardo dritto negli occhi è un lusso. Se lo fa spesso con te, allora sei sicuramente il suo tesoro.

Si sporge in avanti mente ti parla

Probabilmente, in un bar chiassoso non c’è alternativa, e comunque vi siederete, sporgendovi l’uno verso l’altro per poter parlare. Ma se siete seduti in un luogo tranquillo, ma lui si sporge comunque in avanti, probabilmente gli piaci. Oppure ha problemi di udito.

Sporge i gomiti mettendo le mani sui lati

L’oggetto dell’osservazione mette le mani sui fianchi sporgendo i gomiti? In pratica, con una tale posa, una persona cerca di occupare più spazio come per dire “Questo è mio spazio e questa donna è mia”.

Gambe allargate

S siede di fronte a te, spingendo in avanti il ​​bacino e allarga le gambe significa che gli piaci. Questa è una posa sexy che espone le parti più tenere del corpo. Stai sicura che non vengono mostrati a tutti.

Punta verso di te con i piedi

Questo segnale del corpo è vecchio come il mondo. Se le punte dei suoi piedi puntano nella tua direzione, allora potrebbe essere interessato a te. Ma attenzione, questo è un trucco così conosciuto che molti uomini lo usano di proposito per far credere che gli piaci. Osserva anche altri segnali per capire se gli piaci veramente.

Si tocca il collo

Il collo è una parte vulnerabile e sensibile, e se un uomo tocca il suo pomo d’Adamo, potrebbe voler essere baciato lì. Ma può anche darsi che la pelle tira dopo la rasatura. Comunque ma un fatto non esclude l’altro.



Si prende sul avambraccio

Se ancora non avete molta confidenza non oserebbe toccarti le mani, perché è un gesto molto intimo. Ma se gli piaci potrebbe darti dei piccoli colpetti sulla e prenderti per avambraccio. Si tratta di un passaggio intermedio tra il nessun contatto fisico e il contatto pelle a pelle.

Dimentica del suo cellulare

Se un uomo ti ascolta senza essere distratto da messaggi e chiamate, ha sicuramente una cotta per te.

Voce bassa

Probabilmente vuole apparire più mascolino e una voce bassa e vellutata è uno dei segni della mascolinità. Tuttavia, per eccitazione e nervosismo, la sua voce può anche essere alta e squillante.

Ricordati che per capire se gli piaci non basta solo uno dei segnali sopra descritti, dovrebbero essere diversi. Inoltre, come abbiamo già detto bisogno valutare anche la situazione in qui vi trovate, perché le circostanze influenzano il comportamento sia tuo che suo.

Leggi anche:

Perché la perdita di peso si è fermata?

Cosa fare se durante la dieta il peso si è fermato

Tutti quelli che devono perdere molti chilogrammi di peso in eccesso prima o poi si imbattono in seguente paradosso: maggiore è il peso, più velocemente cadono gli odiati chilogrammi. Ma molti guerrieri a dieta si trovano ad affrontare una situazione in cui la perdita di peso si è interrotta senza una ragione apparente. Questa condizione è chiamata plateau dietetico. Scopriamo perché durante la tua dieta la perdita di peso si è fermata.

Plateau dietetico

Plateau dietetico è caratterizzato da un temporaneo blocco della perdita di peso sullo sfondo della normale attività fisica e dell’aderenza alla dieta abituale. Quali sono le cause di questa condizione e come affrontarla?

Cosa succede durante la dieta

La prima comparsa dell’effetto plateau è possibile 3-4 settimane dopo l’inizio della dieta. Se il regime ipocalorico si prolunga per più di 3-6 mesi, questa condizione può essere ripetuta nuovamente.

Il blocco della perdita di peso è una delle fasi psicologiche più difficili della della dieta. Continuando a limitarsi e non vedendo il risultato, molte persone perdono fiducia nel successi e smettono di combattere. In seguito questa situazione si trasforma in una rapida serie di chili di troppo. In alcuni casi, sullo sfondo del ritorno del peso corporeo in eccesso, si sviluppa depressione, aumento dell’ansia, in situazioni particolarmente difficili può sfociare anche in bulimia e anoressia.

Ecco alcuni dei motivi del perché la perdita di peso si è fermata durante la dieta:

  • Il metabolismo è rallentato. Quando si cambia la dieta abituale, ricca di grassi e proteine, per cibi ipocalorici, il corpo inizia a bruciare attivamente le riserve di grasso. E quando si esauriscono, il cervello riceve un segnale sulla mancanza di risorse. Questo è accompagnato da tentativi da parte del corpo di fornire almeno un apporto minimo di grasso attraverso una diminuzione del metabolismo.
  • Patologie ormonali. Si può sospettare uno squilibrio ormonale nel corpo se tutti i tentativi di perdere peso falliscono. In questo caso, la causa può risiedere in una malattia della tiroide, nella diminuzione o nell’aumento della produzione di ormoni sessuali, nello sviluppo del diabete. Senza l’aiuto di un endocrinologo in questa situazione non si può fare nulla.
  • Diminuzione dell’attività fisica. Anche le diete più rigide non funzionano senza l’aiuto dell’attività fisica anche minima. Uno stile di vita sedentario e una mobilità ridotta vanificano tutti gli sforzi dietetici.
  • Disidratazione. La carenza di liquidi porta all’interruzione di tutti i processi vitali e la combustione attiva dei grassi è accompagnata da un aumento della sudorazione. Se non c’è abbastanza acqua, il processo metabolico rallenta.
  • Stress. Questo stato può essere fisico, quando il corpo è sottoposto a un allenamento intenso sullo sfondo di un digiuno prolungato, e mentale, in cui il cervello segnala ai sistemi di mobilitare tutte le risorse per conservare le fonti di energia.

Anche l’età gioca un ruolo importante, perché più una persona è giovane, più è facile combattere l’eccesso di peso ed è meno probabile che si imbatte in un plateau dietetico.

Altri motivi del blocco della perdita di peso

Ci sono anche altri motivi molto comuni perché si ferma la perdita di peso durante una dieta. Questi errori nella dieta includono:

  • Consumo di cibi troppo calorici;
  • Dipendenza da piatti contenenti molti grassi vegetali e animali;
  • Libagioni alcoliche;
  • Dieta irregolare;
  • Dieta squilibrata e troppo povera, con un minimo di calorie.

Avendo deciso fermamente di perdere i chilogrammi odiati, è necessario selezionare attentamente una dieta, contare le calorie e fare l’esercizio fisico, quindi il rischio di incontrare l’effetto plateau sarà minimo.



Cosa fare se la perdita di peso si interrompe

Il primo compito è visitare un medico e identificare la causa. Se non ci sono cause in termini di salute, la fonte dovrebbe essere cercata negli errori personali.

Dunque se hai notato che la perdita di peso si è fermata, dovresti fare:

  • La cosa principale è non rinunciare a dieta ed esercizio fisico. Soprattutto se prima di questo stop il peso andava sistematicamente diminuendo, il che significa l’impatto positivo della tattica precedentemente scelta. Puoi provare a ridurre leggermente il contenuto calorico degli alimenti consumati senza cambiamenti drastici.
  • Aumenta l’attività fisica. Questo consiglio è particolarmente utile se non c’era alcuna attività fisica prima del blocco della perdita di peso o se gli esercizi erano minimi. Prova a camminare, fare gli esercizi mattutini, nuoto, ciclismo. Anche gli allenamento su una cyclette o tapis roulant sono efficaci.
  • Mantieni l’equilibrio di liquidi e sali. Se non c’è abbastanza acqua per i bisogni dell’organismo, tenderà ad accumulare liquidi “in riserva”. Un effetto simile è prodotto dal consumo eccessivo di sale, che trattiene l’acqua. Questo fenomeno riduce il tasso metabolico e rallenta la combustione delle cellule adipose.
  • Riposa abbastanza. Il sonno completo dovrebbe durare almeno 6-8 ore. La mancanza di riposo notturno comporta un carico aggiuntivo su tutti i sistemi vitali.
  • Tieni un diario alimentare. Tale misura aiuterà a controllare l’assunzione giornaliera di calorie, liquidi e ad adeguare la dieta in tempo.

Un trucco psicologico

Esiste inoltre una tecnica psicologica che alcuni nutrizionisti adottano per liberare il corpo dallo stress che una dieta comporta. Puoi organizzare una sorta di giorno di relax una volta alla settimana. Durante questa giornata puoi mangiare qualsiasi cibo tu voglia indipendentemente dalla dieta, ma con un approccio ragionevole. Non esagerare con le quantità e con cibi dolci e grassi e non bere alcolici. Il segreto sta nel godere il cibo “proibito” in piccole quantità e senza sensi di colpa. Il giorno dopo continua il tuo regime dietetico alimentare scelto.

Cosa da evitare se la perdita di peso si è fermata

Con l’inizio dell’effetto di un plateau dietetico, alcune azioni errate possono portare a ulteriori problemi. Se la perdita di peso si è fermata durante la dieta, cosa non si deve fare assolutamente:

  • Cambiare drasticamente la dieta e i principi della dieta;
  • Soffrire la fame allenandosi in contemporanea fino allo stremo con gli allenamenti potenziati e di esercizi di forza durante il giorno;
  • Fare subito il digiuno completo;
  • Ridurre drasticamente le calorie assunte;
  • Assumere integratori alimentari, vitamine e prodotti dimagranti in modo incontrollabile.

Tutto ciò può comportare un aumento dello stress e un rallentamento ancora maggiore del metabolismo. Inoltre i farmaci possono causare allergie o lo sviluppo di reazioni imprevedibili del sistema nervoso, digerente e endocrino.

Integratori alimentari utili

Lo scopo principale dell’assunzione degli integratori alimentari è normalizzare il metabolismo a causa dell’afflusso di ulteriori oligoelementi che aiutano il corpo. Si consiglia di selezionare formulazioni che contengano iodio, calcio, magnesio, potassio, ferro, vitamine dei gruppi A, B, C, D, P e K.

Alcuni vantaggi degli integratori:

  • Ridotto fabbisogno di cibo;
  • Stimolazione della motilità intestinale;
  • Abbassamento del livello di colesterolo “cattivo”;
  • Mantenimento del tono generale del corpo;
  • Aumento della combustione dei grassi;
  • Normalizzazione dei livelli ormonali.

Ma è importante capire che nessuna vitamina e integratore funzionerà senza un’adeguata attività fisica e restrizioni dietetiche razionali.



Un ultimo consiglio

Adesso sai perché la perdita di peso può fermarsi durante una dieta e cosa fare per superare questo periodo. Sappi che la durata di questo spiacevole fenomeno in media non supera le 2-3 settimane. La cosa principale è non farsi prendere dal panico e continuare la lotta competente contro l’eccesso di peso, quindi tutti gli sforzi saranno sicuramente ripagati nel prossimo futuro.

Leggi anche:

Photo by SHVETS production

Abbronzarsi fa male o no?

Prendere il sole è davvero così pericoloso come dicono?

Sarai sorpresa scoprire che prendere il sole non è così pericoloso come molto spesso ci raccontano. Secondo una nuova ricerca, la radiazione solare non è la principale causa di cancro della pelle. Quindi abbronzarsi fa male o no?

Contrariamente alla credenza popolare tra le persone attente alla salute, i raggi del sole non sono poi così pericolosi e l’esposizione al sole non è la causa principale delle forme più pericolose di cancro della pelle.

Gli scienziati che hanno rilasciato questa dichiarazione sostengono che i numerosi avvertimenti sui pericoli delle radiazioni solari spesso sono infondate.

I ricercatori, sostengono che il fattore di rischio più importante per la formazione del melanoma è il numero di nei sul corpo.

Raggi solari e melonoma

Gli autori dell’articolo di ricerca sostengono che abbronzarsi non fa poi così male, perché in realtà la radiazione solare è la causa solo di una piccola percentuale di tutti i casi di melanoma. Ritengono che sarebbe più vantaggioso se le autorità sanitarie raccomandassero un controllo regolare dei nei alle persone hanno ne hanno più di 100 sul corpo. Un esame periodico dei nei per controllare i cambiamenti nella loro forma, dimensione e colore aiuta a prevenire lo sviluppo del melanoma.

Il melanoma può essere curato in una fase iniziale. Tuttavia, questa malattia è ancora la forma più pericolosa di cancro della pelle perché può diffondersi ad altri organi. I processi oncologici possono iniziare con un neo di vecchia data sulla pelle che sembra abbastanza sana. A volte iniziano in quelle persone che non hanno affatto i nei, ma hanno le lentiggini sulla pelle chiara.

Il melanoma è una malattia relativamente rara, che rappresenta solo il 10% di tutti i tumori della pelle, ma è la causa della maggior parte dei decessi per tali malattie.



Genetica e numero dei nei

Un team internazionale di ricercatori provenienti da Australia, Canada e Stati Uniti, guidato da scienziati del King’s College di Londra, ha identificato due geni che determinano il numero di nei che ogni persona ha e il rischio di cancro della pelle.

Tim Spector, professore di genetica epidemiologica al King’s College di Londra, afferma che il numero di nei sulla pelle è un importante fattore di rischio per il melanoma, più importante della luce solare.

Dunque, abbronzarsi fa male o no? La dermatologa Veronica Bataille, sempre del King’s College London, afferma che sopravvalutiamo i pericoli dell’esposizione al sole: “In qualità di dermatologo con 20 anni di esperienza nella ricerca sul melanoma, credo fermamente che il ruolo della radiazione solare sia costantemente sopravvalutato. Si legge spesso che “la luce solare provoca il melanoma , ma non ci sono prove documentate di ciò. Più ricerche facciamo, più ci convinciamo che la luce solare è solo un piccolo pezzo di questo puzzle”.

Allo stesso tempo, Bataille aggiunge: “Tuttavia, non scartiamo del tutto il pericolo dei raggi UV, perché provoca rughe e invecchiamento cutaneo prematuro – non lo abbiamo mai negato. Ma smettiamola di spaventare le persone dicendo che se escono al sole, moriranno di cancro.”

Mancanza di Vitamina D

Abbronzarsi quindi non fa così male come dicono, ma forse evitare di esporsi al sole fa peggio. Gli scienziati, tra le altre cose, sostengono addirittura che il desiderio “maniacale” di proteggersi dal sole abbia portato ad una massiccia carenza di vitamina D. La mancanza di luce solare – la principale fonte di vitamina D – può portare ad un aumento della mortalità per altre forme di cancro, nonché un aumento dei casi di osteoporosi, depressione e invecchiamento precoce.



Leggi anche:

Aprire i chakra con la meditazione

Come e perché aprire i chakra con la meditazione e altre pratiche

La parola chakra è sanscrito. In pratica, significa il centro energeticoQuindi il chakra, come l’energia, è invisibile ed è concentrato, raccolto attorno ad un certo centroIl corpo fisico è circondato da un corpo sottile invisibile , chiamato anche corpo eterico o vitale. Questo corpo energetico è costituito da molte linee sottili che circondano l’intero corpo fisico. Sono loro che collegano il corpo con l’energia del Cosmo e della Terra, lo nutrono e lo rivitalizzano. Ma a volte può succedere che i chakra si bloccano. Questo blocco si manifesta sul corpo fisico inizialmente con qualche disturbo e in seguito in vere e proprie malattie. Scopriamo come aprire i chakra con la meditazione e altre pratiche.

Cosa sono i chakra

Ci sono sette centri del nostro corpo in cui la concentrazione di energia è molto più alta. Questi sono chiamati centri energetici maggiori, o chakraSi trovano lungo la colonna vertebrale, partendo dal coccige e terminando con la sommità della testa. Sono collegati al corpo fisico attraverso le rispettive ghiandole. Naturalmente, queste ghiandole sono estremamente importanti per il corretto funzionamento energetico dell’intero corpo umano. Apertura del chakra permette di stabilire la connessione energetica il chakra e la ghiandola situata sotto di esso. 

L’apertura dei chakra ha un effetto benefico sulla salute, poiché un chakra che lavora attivamente armonizza tutti gli organi che si trovano nel campo della sua attività. Inoltre, l’apertura dei chakra porta alla crescita spirituale e alla scoperta delle capacità psichiche. L’apertura dei chakra è un processo piuttosto complicato, che richiede molti mesi di lavoro su se stessi. Per fare questo, devi prepararti fisicamente e imparare a sentire il flusso di energia nel corpo. I chakra principali sono sette.

Tutti i chakra vibrano a velocità differenti. La velocità della vibrazione del ogni singolo chakra dipende dalla sua posizione nel corpo. I chakra piu alti hanno le vibrazioni piu alte e anche l’impatto sul nostro essere maggiore. Dobbiamo ricordare che ognuno di noi ha un’enorme riserva di energia e che può essere accesa in qualsiasi modo. Puoi usare questa energia per soddisfare i tuoi bisogni e vivere nell’amore e nella salute. Ma attenzione, può anche farti del male, perché può ridurre la nostra vitalità e persino causare malattie.

Quando tutto va bene e ci sentiamo felici, ascoltiamo i nostri bisogni e costruiamo una vita piacevole, vivendo in armonia con tutto ciò che ci circonda, allora la nostra energia circola liberamente e tutto il nostro essere è pieno di vitalità. Ma se viviamo, violando le leggi dell’armonia, blocchiamo l’energia in determinati punti del nostro corpo – e sentiamo in seguito corpo indebolirsi. Perché altri centri non vengono riforniti di energia in modo naturale e ci sentiamo stanchi, malati e infelici.

Prova Chakra Test per vedere se i tuoi chakra sono sballati

Aprire i chakra con la meditazione e l’ipnosi

I saggi antichi, per aprire i chakra, utilizzavano la pratica di risveglio della cosiddetta energia Kundalini. La parola “kundalini” deriva dalla parola “kundala” che significa “avvolto”. Questo potere è simboleggiato da un serpente addormentato che si morde la coda, un simbolo dell’infinito. 

Kundalini yoga, la meditazione, le preghiere, una dieta speciale e la pulizia del corpo si usano per risvegliare l’energia della Kundalini. Perché l’apertura dei chakra non è questione di un giorno e richiede una pratica lunga e regolare

Per aprire i chakra con la meditazione, infatti, è necessario entrare in uno stato di trance, che può essere ottenuto anche con l’autoiponosi. Bisogno concentrarsi sul proprio obiettivo.

Chakra umani, descrizione dei chakra

Aprire i chakra con la meditazione1
Aprire i chakra con la meditazione

Muladhara

È il primo chakra più importante del corpo umano. È anche chiamato centro del coccige e si trova alla base della colonna vertebrale, due dita sotto i testicoli e due dita sopra l’ano. Nelle donne, questo chakra si trova vicino all’apertura dell’uretra. Questo chakra è largo quattro dita e ruota a destra. Il nome “Muladhara” è composto dalle parole “mula” che significa “radice” e “adhara” che significa “base”.

Muladhara costituisce la base della colonna vertebrale e di altri chakra del corpo. Sotto la sua influenza c’è l’intera parte inferiore del corpo dal coccige ai piedi. Questo chakra dà la capacità di base di annusare. Il Muladhara ha le proprietà della terra. Questo gli conferisce un colore rosso scuro. L’animale cosmico di questo chakra è Airavat, un elefante bianco con sette proboscidi. Questo enorme animale veloce incarna energia, necessario per mantenere la salute e le forze creative creative dell’uomo. 

Su Airavata siede il dio Indra, il re ribelle degli dei, che gode delle donne, del vino e del lusso. Allo stesso modo, i sentimenti inconsci di una persona sono capricciosi e cercano di trascinarlo lontano dal raggiungimento della pace mentale e della felicità spirituale, dandogli l’avidità per tutti i piaceri terreni. Solo chi sa controllare i sensi può raggiungere il settimo chakra (Sahasrara). 

Le informazioni principali su questo chakra arrivano attraverso l’olfatto, cioè attraverso il naso. Fisicamente, questo chakra corrisponde all’ano. È il centro della sopravvivenza umana, ed è connesso con il corpo fisico attraverso le ghiandole surrenali. Una persona che si concentra su questo chakra è benedetta con salute, felicità e tutti i bisogni terreni.

Svadhisthana

Il prossimo chakra, Svadhisthana, chiamato anche “centro sacrale”, si trova alla base del coccige, sopra l’osso pubico e alcune dita sopra il Muladhara chakra. La parola “Svadhisthana” significa “sotto il proprio controllo“. Il colore attribuito a questo chiakra è rosso-arancio brillante. Questo chakra è responsabile di tutti i sistemi urinario, escretore, riproduttivo e di tutti i bisogni del corpo legati all’acqua. Come sappiamo, la Terra è composta per il 75% da acqua e il resto è terra. Allo stesso modo, il nostro corpo è composto per il 75% da acqua. Questo chakra è responsabile del mantenimento del corretto livello dell’acqua, nonché del livello di viscosità del sangue. 

Il centro sacrale governa la capacità di una persona di creare la propria vita, così come la sua attività sessuale, cioè la capacità di procreare. Questo centro è connesso con il corpo fisico attraverso le ghiandole sessuali, o gonadi (testicoli negli uomini, ovaie nelle donne). 

Il dio di questo chakra è il dio Vishnu, insieme alla dea Saraswati, che ha tre occhi e quattro braccia. I tre volti di questa dea simboleggiano i tre tempi: passato, presente e futuro. Dea Saraswati è considerata la madre di ogni conoscenza. Chi medita su questo chakra accede alla conoscenza del passato, presente e futuro e viene liberato dalla lussuria, dalla rabbia, dall’avidità e da tutti i desideri materialistici superflui. Questo chakra immagazzina il karma di una persona. Qualsiasi atto compiuto di una persona è conservato nello Svadhisthana chakra. 

Quando una persona si sottopone ad una hipnosi verso le vite passate, la sua mente si rivolge a questo chakra per avere informazioni. Ecco perché questo chakra è considerato un blocco sulla strada per ottenere l’integrità, e quindi, quando si apre il chakra Swadhisthana, una persona ha molti problemi, psicologici e fisici dopo l’apertura. In pratica, una persona deve superare la prova, quando questo chakra lo tenta con il lusso materiale. Chiunque abbia la forza di tenere a bada gli impulsi e resistere a tentazioni può controllare questo chakra. Anche Dio Gesù e Dio Buddha hanno affrontato la tentazione di questo chakra.

Manipura

Chakra Manipura, o “centro del plesso solare”, si trova alla base dello sterno. È il centro del desiderio e dell’intelletto. È connesso con il corpo fisico attraverso il pancreas. Il nome di questo chakra significa “deposito di pietre preziose”. L’apertura di questo chakra dona al corpo dinamismo ed energia. È responsabile dell’apparato digerente, visceri piccoli e grandi, appendice, pancreas, duodeno, stomaco e fegato. 

Il colore di questo chakra è giallo, la sua forza può essere paragonata a quella di Agni (fuoco) e si muove verso l’alto con piena forza. Nel corpo, il fuoco aiuta a mantenere la temperatura e aiuta nel processo di digestione. 

Il risveglio diretto dell’energia cosmica (Kundalini) nel corpo umano inizia solo con il Manipura chakra. Questo perché Muladhara e Svadhisthana rappresentano le tendenze animali del corpo umano. Finché il chakra Manipura non viene ripulito e risvegliato, l’energia non può salire completamente. Il Manipura chakra funziona come punto energetico per risvegliare l’energia Kundalini. La meditazione su questo chakra aiuta a sbarazzarsi di tutte le malattie fisiche. Il risveglio di questo chakra dà anche alla persona il potere di guarire gli altri. 

Nello stato risvegliato, questo chakra fornisce calore ed energia al corpo. Dall’apertura di questo chakra, una persona riceve la piena conoscenza del proprio corpo, sia etereo che fisico, il controllo sulla paura della morte e del fuoco.

Anahata

Chakra Anahata è chiamato il “centro del cuore” e si trova nella regione del cuore. Significa amore e pace senza fine. Controlla l’intera parte toracica del corpo fino al collo, oltre alle braccia, ed è responsabile del corretto funzionamento del cuore e dei polmoni. Il colore di questo chakra è verde. Ecco la fonte dell’amor proprio. È collegato al corpo fisico attraverso il timo (ghiandola del timo). 

Il dio dell’Anahata chakra è Ishan Rudra e la dea Shakti Kakini. Il dio ha tre occhi, il terzo occhio è chiuso, il che simboleggia l’amore e il perdono che Dio dà a una persona che medita su questo chakra. Questo amore può essere paragonato all’amore di una madre che perdona un figlio anche dopo un crimine. La dea Shakti Kakini è una bellissima dea a quattro braccia che trasmette il nostro amore e compassione a coloro a cui sono destinati. 

Quindi questo chakra è responsabile dell’attaccamento di una persona alla sua famiglia, amici e parenti. La meditazione su di esso rende una persona umile, nobile e onnisciente. L’apertura del chakra Anahata conferisce a una persona lo splendore della spiritualità. Una persona del genere ha molti seguaci che lo considerano un guru. Le donne aprono facilmente questo chakra. Per aprire questo chakra, devi imparare ad essere pienamente consapevole e gestire i tuoi sentimenti ed emozioni.



Vishuddha

Il Vishuddha chakra, o “centro della gola”, si trova nella gola, proprio nel punto in cui si incontrano le clavicole. Questo chakra è responsabile del corretto funzionamento della gola, delle corde vocali, dei polmoni superiori, della bocca e del naso. È di colore azzurro ed è associato alla creatività, più precisamente, alla loro espressione, e alla capacità di comunicare. È collegato con il corpo fisico attraverso la ghiandola tiroidea. Una persona che medita su questo chakra acquisisce il potere di controllare le persone attraverso la parola e la scrittura.

Ajna

L’ Ajna chakra, o “centro frontale”, è anche chiamato Terzo Occhiosituata sopra il naso, tra le sopracciglia e di colore blu. Governa l’energia dell’amore universale, la compassione per le altre persone e, inoltre, lo sviluppo del dono, delle capacità paranormali e dell’intuizione. È collegato al corpo fisico attraverso la ghiandola pituitaria. 

Fisiologicamente, questo chakra è responsabile del corretto funzionamento di occhi, orecchie e naso. È abbastanza difficile aprirlo, perché forma una barriera tra questo mondo e la dimora del dio Shiva. Dopo aver aperto questo chakra, anche la natura apre i suoi cancelli e ti permette di incontrare l’anima universale nella sua forma completa. Questo chakra contiene le chiavi dell’inizio della natura e del significato dell’anima.

Sahasrara

Aprire i chakra con la meditazione
Aprire i chakra con la meditazione

Il Sahasrara chakra o “centro parietale” si trova sulla sommità della testa. Non è affatto un chakra, ma è la connessione con l’energia dell’universo. È il centro della grande illuminazione, il centro dell'”IO SONO”. Collegato al corpo fisico attraverso la ghiandola. 

“Sahasrara” significa “loto dai mille petali”. Questo chakra non ha un colore è ed rappresentato da molti bellissimi fiori unici. Solo il Sahasrara chakra è chiamato la “fontana del nettare” – il nettare della conoscenza spirituale e universale. Quando una persona raggiunge lo stadio di apertura del Sahasrara chakra, acquisisce la conoscenza del passato, del presente e del futuro.

Leggi anche:

Perché le serie Tv sono sempre più popolari

Perché amiamo così tanto le serie Tv

Attualmente, le serie tv come fenomeno di cultura di massa, sono popolari come i lungometraggi. Quindi è molto difficile trovare qualcuno che non abbia visto almeno un episodio di una serie nella sua vita o non abbia sentito nulla su Doctor House o Il Trono di Spade. Va anche detto che il pubblico delle serie tv si è ampliato molto negli ultimi tempi. Perché i giovani ne sono coinvolti molto attivamente rispetto a prima, stabilendo i propri standard per il consumo e la produzione di questo prodotto audiovisivo. Ma perché è successo? Perché le serie TV sono diventati sempre più popolari, soprattutto tra i giovani? Proviamo a capirlo.

La nascita delle serie Tv

Per cominciare, ricordiamo esattamente come è nato questo tipo di prodotto multimediale. I precursori dell’avvento delle serie televisive furono i programmi comici e le cosiddette “telenovelas”. Questi programmi furono trasmesse alla radio negli anni ’20 in America e guadagnarono rapidamente popolarità. 

Si ritiene che la prima serie televisiva The Lone Ranger sia stata girata in America nel 1949. Ma in realtà la prima sitcom di mezz’ora fu Pinwright’s Progress, apparsa in televisione grazie alla BBC Television Service nel 1946

La serie “The Lone Ranger” ha avuto un discreto successo sugli schermi televisivi degli Stati Uniti e di alcuni paesi europei. Ma non era ancora un vero l’inizio di un boom delle serie TV. È successo molto più tardi, tra 1980-1990, grazie a serie come Hill Street Blues, Twin Peaks, ER, The West WingI Soprano e Il cliente è sempre morto

Inizialmente la maggior parte delle serie apparse sugli schermi erano dedicate al lavoro di determinati tipi di professionisti, come un poliziotto o un medico. Tuttavia, questa tendenza è ancora attuale oggi, come ad esempio la famigerata “Doctor House“. 

I contenuti seriali hanno iniziato rapidamente a conquistare il cuore degli spettatori. Anche la produzione di questo tipo di intrattenimento è diventata un settore separato con standard elevati stabiliti sia dall’intensa concorrenza che dal pubblico stesso. 

Evoluzione delle serie

Inizialmente furono stabilite due scuole di produzione in serie: britannica e americana, che perseguivano obiettivi completamente diversiLa società britannica “BBC” ha cercato di trovare alcuni modi per introdurre lo spettatore all’alta cultura, creando così contenuti di altissima qualità

L’industria della produzione seriale americana invece si è sviluppata in una direzione completamente opposta. Non erano fissati gli standard e non portavano lo spettatore a nulla, ma al contrario, si adattavano ai suoi gusti e preferenze. Ovviamente la qualità di questo tipo di prodotto era leggermente inferiore. 

Il processo di formazione dell’industria della produzione in serie non è stato ancora completato. Poiché questa direzione della cultura di massa è piuttosto giovane, è in continua evoluzione.



Giorni nostri

Nel tempo sono comparsi diversi tipi di serie TV, suddivisi in base al modo in cui è integrata la trama. 

Naturalmente, oltre a vari tipi di composizioni della trama, allo spettatore viene offerta una varietà di generi seriali in grado di soddisfare qualsiasi gusto, anche il più esigente come horror, dramma, commedia, thriller, film d’azione e molti altri. Non sorprende che il pubblico sia in continua espansione e che sempre più persone siano attratte dalle serie TV, perché ora le serie sono degne di competere per contenuto e qualità con lungometraggi a tutti gli effetti. 

Questo è uno dei motivi della popolarità delle serie TV tra i giovani, ma questo non è certo l’unico motivo per cui molti di loro non vedono l’ora che arrivino nuove stagioni o episodi.

Perché ci piace tanto guardare le serie TV

Perché le serie Tv sono sempre più popolari1
Perché le serie Tv sono sempre più popolari?

Ovviamente, ci sono anche altri motivi per cui la serie TV può essere definita popolare. In primo luogo, è una sorta di fuga dalla realtà. In questo caso, l’effetto sullo spettatore è equivalente, ad esempio, a ciò che accade a una persona quando gioca ai videogiochi. Inoltre, immergendosi in questa realtà creata, una persona si sente al sicuro, trovandosi in un altro mondo, ma allo stesso tempo rimanendo un osservatore. 

In terzo luogo, molti giovani mostrano una connessione emotiva con i personaggi, dalla semplice simpatia all’innamoramento o, al contrario, all’ostilità. Questo può essere definito particolarmente rilevante per coloro che mancano di comunicazione e contatti sociali. A differenza del film, la serie è più prolungata e consente di creare qualche illusione della continua presenza di eroi nella vita di una persona. Inoltre, la visione quotidiana dà un senso di stabilità, catapultando lo spettatore per certo periodo di tempo in un mondo illusorio in cui tutto è piacevole e familiare. 

Infine, guardando una serie TV, una persona può cercare risposte a domande che lo riguardano. In altre parole, la serie TV può contribuire al processo di socializzazione. Questo processo può riguardare aree completamente diverse della vita di una persona, come costruzione di relazioni con altri o la questione dell’autodeterminazione, oppure la scelta di una particolare professione.

In un mondo caotico e incerto in cui stiamo vivendo oggi, le serie TV permettono alle persone di evadere la realtà almeno per un po’. Ecco perché le serie Tv sono sempre più popolari.

Leggi anche:

Cosa succede se rinunci ai dolci?

Endocrinologi raccontano cosa succede se smetti di mangiare dolci

Secondo gli endocrinologi la causa dell’insonnia e della carie è da ricercare nei dolci. Vediamo cosa raccontano gli esperti su cosa succede quando i dolci vengono esclusi dalla dieta. Dunque, cosa succede se rinunci ai dolci?

Per molte persone sarà una vera rivelazione scoprire che i dolci non sono solo zucchero semolato, dolci e torte. Perché gli alimenti che finiscono sulla nostra tavola spesso contengono zuccheri aggiunti, dagli yogurt alla frutta e cagliata alla salsa al peperoncino. Pertanto, è quasi impossibile rinunciare completamente ai dolci. Ma è realistico ridurne la quota nella dieta quotidiana, affermano gli endocrinologi. Per ridurre il consumo di zucchero dovrai leggere le etichette. perché i prodotti con più di 22,5 grammi di zucchero per 100 grammi sono troppo dolci

Inoltre è utile sapere che i produttori etichettano lo zucchero in modo diverso sulle confezioni. Può apparire sotto diversi nomi, come amido idrolizzato, melassa, fruttosio, maltosio, zucchero a velo e così via.

Dopo un giorno di rinuncia

Rinunciare ai dolci di punta in bianco non è facile, perché per l’organismo lo zucchero è come una droga, crea dipendenza. Pertanto non devi smettere da un giorno all’altro di consumare lo zucchero. Inizialmente riduci la quantità di zucchero, diminuendola dopo alcuni giorni.

Inoltre non metterti a dieta ipocalorica mentre stai rinunciando allo zucchero, altrimenti rischi di essere sempre stanco, affamato e arrabbiato. La cosa piu utile da fare se decidi di rinunciare ai dolci è fare i pasti principali normali, non devi patire fame.

Per fare questo, includi carboidrati ad assorbimento lento nella tua dieta, si tratta di cereali integrali come riso integrale, orzo e grano saraceno. Non dimenticare molta verdura. Un buon pasto ti garantirà il senso di sazietà per molto tempo ed eviterà il desiderio di fare uno spuntino.

Già il primo giorno di una tale dieta, la sera ti sentirai più vivace del solito. La giornata passerà senza cali dei livelli di glucosio e l’umore sarà stabile.



Dopo tre giorni

Dopo due o tre giorni l’appetito diventerà più stabile. Noterai che la dipendenza psicologica dal cibo comincerà a calare e smetterai cercare qualcosa da “masticare per noia” o mangiare per placare lo stress. 

Il sonno migliorerà, perché il dolce non solo dà un aumento a breve termine della dopamina (l’ormone del piacere), ma stimola anche la produzione di cortisolo (l’ormone dello stress). Se ti senti sempre assonnato durante il giorno, ma hai difficoltà ad addormentarti di notte, dovresti controllare la quantità dei dolci che consumi durante la giornata.

Cinque giorni dopo

Dopo circa cinque giorni le tue papille gustative diventeranno più sensibili. Ad esempio, il gusto di frutta e verdura sarà più pronunciato e anche il caffè avrà un gusto più pronunciato senza lo zucchero. La condizione dell’intestino migliorerà, perché il dolce scuote l’equilibrio della microflora, provocando gonfiore, e lo sviluppo di disbatteriosi, interferendo nel processo di assorbimento di vitamine e minerali. In particolare si riduce l’assorbimento di ferro, calcio, magnesio, fosforo, vitamine A, D, E e molte altre sostanze utili, affermano gli specialisti.

Miglioreranno anche le condizioni della pelle, perché lo zucchero è la causa della distruzione del collagene, una proteina che rende la pelle più elastica e previene la formazione delle rughe in anticipo.

Leggi anche “Trattamenti anti-età a casa

Una settimana

Cosa succede se rinunci ai dolci
Cosa succede se rinunci ai dolci

Sarai sorpreso di scoprire che dopo una settimana senza zucchero il tuo peso diminuirà di 800 grammi – un chilogrammo, anche se il numero di calorie consumate rimane lo stesso. Il motivo è che l’insulina sarà sotto controllo e il tuo corpo non cercherà di trattenere i liquidi. Senza lo zucchero nella dieta il tuo corpo inizierà a utilizzare le proprie riserve di grasso per produrre l’energia.

Un mese

Alla scadenza di un mese, vedrai che tutti questi cambiamenti diventeranno più pronunciati – il rifiuto dei dolci interesserà tutti i sistemi corporei – dal tratto gastrointestinale allo sfondo ormonale. Il metabolismo sarà migliore, l’insonnia scomparirà, perderai fino a quattro chilogrammi di peso e in generale, la qualità della tua vita migliorerà.



Dopo un anno

Cosa succede dopo un anno se rinunci ai dolci? Dopo un anno senza dolci non solo perderai molti chili di peso in eccesso, ma sarai anche in grado di mantenere il tuo peso forma stabile, senza alti e bassi. Inoltre anche il tuo sistema immunitario migliorerà, ti ammalerai molto meno rispetto a prima.

Il tuo dentista ti darà per disperso, perché lo zucchero in bocca forma un acido che danneggia la superficie dei denti, che a lungo termine porta alla carie, non consumando i dolci non avrai questi problemi. In generali tutti i cambiamenti positivi dovuti al rifiuto dei dolci saranno molto più evidenti.

Leggi anche:

Patch per occhi fai da te

Come fare i patches sotto gli occhi in casa

Si sa che zona peri orbitale è delicata e richiede cure specifiche. Evidenzia a tradimento la stanchezza e, peggio ancora, l’età della donna. In passato, le donne usavano per combattere questo problema i rimedi casalinghi come rondelli di cetrioli e impacchi di tè, che venivano applicati sulla pelle intorno agli occhi.  Oggi, la cosmetologia non solo si è fatta avanti, ma fa anche veri miracoli, quindi oggi in commercio esistono diverse varietà di patch. Ogni donna che si rispetti ha patches nella sua beauty-case. Ma molte donne si sono interessate a come realizzare patch per gli occhi fai da te. Ciò non sorprende, poiché l’effetto di tali cosmetici fatti in casa è paragonabile all’uso di patch costosi di marchi noti.

Prima di capire come realizzare patches per gli occhi con le tue mani, parliamo delle regole per l’utilizzo di questo strumento cosmetico per ottenere il massimo effetto.

Di cosa si tratta

I patch per gli occhi sono una mini-maschera, un’applicazione progettata per la cura rapida dell’area intorno agli occhi. L’uso regolare del prodotto di bellezza leviga le zampe di gallina, rimuove lividi, segni di affaticamento e normalizza l’equilibrio idrico della pelle.

Di solito, la forma dei patch ricorda un petalo o una fetta di mandarino. Come base di patch vengono utilizzati materiali in grado di trattenere l’umidità.

Come applicare patch

Ecco un piccolo manuale su come applicare cerotti per gli occhi di qualsiasi tipo:

  • Prima di tutto la pelle deve essere riposata, pulita e senza tracce di trucco. Per detergere l’epidermide, utilizza l’acqua miscelare o olio idrofilo;
  • E’ molto utile fare un leggero massaggio in quest’area. Tuttavia, non esagerare, ricorda che la zona del contorno occhi è la più delicata del viso;
  • In genere si consiglia di applicare i cerotti in modo che il loro lato stretto sia più vicino al ponte del naso. Dalla palpebra inferiore dovrebbero allontanarsi di 2 mm;
  • Dopo aver applicato il prodotto sulla pelle, è consigliabile sdraiarsi per alcuni minuti in modo che la soluzione attiva possa essere assorbita dalla pelle;
  • Infine devi rimuovere i patches usando le dita o una spatola speciale, nella direzione dal ponte del naso alle tempie. Dopo la procedura, non è necessario pulire l’epidermide, il prodotto rimanente può essere fatto assorbire dalla pelle con l’aiuto delle dita picchiettando leggermente. Dopo un quarto d’ora, puoi usare una crema per contorno occhi.

Come fare patch per occhi in casa

Patch per occhi fai da te
Patch per occhi fai da te, ricette casalinghe.

Per creare patch con le tue mani, non è necessario possedere abilità speciali o acquistare materiali costosi. I patch a forma di mezzaluna si possono creare con mezzi improvvisati che possono essere trovati in casa di ogni donna.

Come base puoi utilizzare un normale batuffolo di cotone, tagliato a metà. Una volta che hai la base puoi impregnare i tuoi patch per occhi fai da te con una soluzione arricchita con vitamine e altre sostanze utili, preparata in anticipo e raffreddata nel frigo per un quarto d’ora.

In seguito troverai le ricette più popolari. Seguendo le istruzioni, potrai effettuare applicazioni tenendo conto delle caratteristiche della tua pelle, oltre che costi economici e di tempo minimi.

Patch lenitivi

Il componente principale dei cerotti, la cui azione è mirata a idratare in profondità e alleviare le irritazioni, è l’aloe vera. Le foglie di questa pianta contengono molte vitamine e minerali, quindi puoi tranquillamente includere l’ingrediente nelle applicazioni fatte in casa.

Ingredizneti:

  • Polpa di foglie di Aloe Vera tritata finemente o succo pronto;
  • Olio d’oliva.

Gli ingredienti vengono presi in parti uguali, mescolati bene. I dischetti di cotone vengono inumiditi nella composizione ottenuta. I cerotti fatti in casa vengono raffreddati in frigorifero e applicati sulle aree problematiche. L’uso regolare dei patch di questo tipo aiuta e levigare le rughe sottili, lenire e rinfrescare il derma, donando un colorito sano alla pelle.



Ringiovanimento e nutrizione

Fare patch per occhi fai da te a casa è facile. Il modo più semplice è acquistare gel, che includono aloe vera o bava di lumaca. Questi due prodotti possono essere usati da soli o insieme. Mescola i prodotti in parti uguali.

Ingredienti:

  • Un paio di cucchiaini di glicerina vegetale;
  • 2-3 cucchiaini di un qualsiasi olio per il viso, che può essere di mandorla, Argan, vinaccioli, ecc.;
  • Puoi utilizzare anche le erbe tritate e in polvere, come ad esempio, foglie di prezzemolo, tè nero o verde, petali di rosa e così via.

I dischetti di cotone pre-preparati vengono immersi nella composizione risultante e disposti con cura in un contenitore con coperchio. Facoltativamente, ogni strato è cosparso di erbe aromatiche. I patch per occhi fai da te vengono impregnati per diversi giorni.



Patch anti-rughe fai da te

La comparsa delle rughe sotto gli occhi crea sempre la preoccupazione nelle donne. Per far fronte a questo problema, prepara i patch per occhi fatti in casa, utilizzando la gelatina.

Ingredienti:

  • Gelatina e acqua da bere (o tè verde) in rapporto 1:10;
  • 3 cucchiaini di glicerina;
  • 2 cucchiaini prezzemolo secco in polvere;
  • Un cucchiaino di olio vegetale a scelta, ma non raffinato.

La composizione deve essere preparata in anticipo in modo che venga infusa per almeno alcune ore prima dell’uso. Gelatina, liquido, glicerina ed erbe essiccate sono mescolati insieme e messe in un contenitore. Da ultimo aggiungere l’olio e mescolare bene di nuovo. Chiudere il coperchio e mettere la soluzione in frigorifero.

La massa risultante dovrebbe assomigliare a un gel. La composizione viene spalmata su un batuffolo di cotone e applicata sugli occhi. Lasciare agire per 7-10 minuti, dopo il lavaggio, se lo si desidera, applicare una crema antirughe. L’effetto ti sorprenderà. Già dopo la prima applicazione di questi patch per occhi fai da te, la pelle risulterà notevolmente rinfrescata e ringiovanita.



Anti-età 2

Per sbarazzarti delle rughe odiate, puoi usare un’altra ricetta collaudata.

Ingredienti:

  • Olio di Jojoba, olio di semi d’uva, olio di ricino (1 cucchiaino ciascuno);
  • Un paio di gocce di olio essenziale di sandalo;
  • 2-3 gocce di vitamina A ed E.

Mescolare bene tutti gli ingredienti, immergere nella composizione i batufoli di cotone. Queste patch vengono applicate sotto gli occhi per un quarto d’ora. Trascorso il tempo specificato, rimuovere i resti del prodotto con un tovagliolo di carta. L’uso regolare di cerotti leviga solchi e pieghe, idrata la pelle e la nutre con sostanze utili.



Patch tonificanti

Qualsiasi pelle, indipendentemente dal tipo, necessita di tonificazione di tanto in tanto, come ad esempio subito dopo la detersione, al mattino o durante la stagione calda. Se vuoi evitare problemi come occhiaie, secchezza, zampe di gallina, affrettati a preparare patch per occhi fai da te secondo la seguente ricetta.

Ingredienti:

  • Tè verde;
  • Cetriolo.

Preparare l’infuso di tè verde, raffreddarlo. Tritare il cetriolo usando un frullatore o una grattugia. Unire entrambi gli ingredienti, mescolare bene. Immergere i dischetti di cotone e applicarli sotto gli occhi. Tempo di posa 15-20 minuti.

Defaticanti e anti-stress

In una situazione in cui sono visibili tracce di affaticamento e stress sulla pelle sotto gli occhi, i patch ti aiuteranno senz’altro e ora vedremo come preparali in casa.

Ingredienti:

  • Camomilla in bustine;
  • L’acqua bollente.

Versa l’acqua bollente su due filtri di camomilla. Dovrebbe essere un infuso molto forte. I dischetti di cotone vengono inumiditi nel liquido e raffreddati in frigorifero. Dopo che si sono raffreddati, applicare sugli occhi. I patch ti aiuteranno a rilassarti, dopo un quarto d’ora ti sentirai riposata e la pelle sotto gli occhi acquisirà un colore bello e sano.

Patch anti-edema

Questo è un rimedio salvavita per il gonfiore intorno agli occhi. La ricetta è stata provata da tantissime donne. Vedremo come preparare una composizione miracolosa per i nostri patch per occhi fai da te.

Ingredienti:

  • Caffè espresso (15 ml);
  • Panna acida o panna ad alto contenuto di grassi (un paio di cucchiai).

Mescola accuratamente gli ingredienti, immergi i patch improvvisati in questa composizione. Metti i patch sotto gli occhi e tieni per 15 minuti, quindi rimuovi i resti del prodotto con un panno pulito e asciutto. 



Per l’edema, aiuteranno anche i patch preparate sulla base di zucchina fresca. Per farlo devi schiacciare un pezzetto di zucchina, dopodiché aggiungi un paio di gocce di vitamina E o A, i componenti vengono mescolati bene. I dischetti di cotone impregnate in questa composizione vengono applicati sulle aree problematiche e mantenuti per un quarto d’ora.

Le soluzioni per patch per occhi fai da te possono essere preparati in anticipo. L’unica condizione è che tutte le soluzioni devono essere conservati nel frigorifero o nel congelatore. I dischetti di cotone vengono immersi nella composizione per almeno 1-2 minuti per ottenere il massimo effetto.

Leggi anche:

Fossetta sul mento cosa significa

Sapevi che la fossetta sul mento può raccontare molto sulla persona?

La fossetta sul mento è una caratteristica fisica insolita, un particolare che attira attenzione, ma cosa significa? Cosa ci può raccontare la fossetta sul mento sulla personalità del suo possessore?

Caratteristiche principali

La caratteristica principale dei proprietari della fossetta sul mento è la brama di fama, infatti queste persone amano essere al centro dell’attenzione. Non sorprende quindi trovare questa caratteristica fisica sui visi delle star di Hollywood. Infatti puoi vedere una fossetta sul mento di Sandra BullockJessica SimpsonJohn TravoltaRussell Crowe e alcuni altri famosi attori e attrici. 

Oltre alla brama di fama, queste persone hanno anche altre caratteristiche:

  • Grande senso dell’umorismo;
  • La capacità di flirtare;
  • Potente energia sessuale;
  • Forti manifestazioni di emozioni, per cui non possono nascondere le lacrime se sono tristi e ridono contagiosamente se sono divertite;
  • Amore per il dominio e la superiorità;
  • Spirito e bellezza esteriore.

Tuttavia, queste persone hanno anche alcuni tratti caratteriali negativi. Questi includono negligenza, fretta e mancanza di pazienza, che li ostacolano notevolmente nella vita.

Fossetta sul mento delle donne

Fossetta sul mento cosa significa
Fossetta sul mento della donna cosa significa. Tratti del carattere

La natura ha dotato le donne con fossette di un potere speciale che le distingue dagli altri rappresentanti del gentil sesso. Hanno qualità di leadership e non hanno paura di assumersi la responsabilità. Superano facilmente le difficoltà, raggiungendo spesso il successo nelle loro carriere professionali. Queste donne attirano gli uomini per la loro forza interiore e mistero che le circonda.

Tuttavia, non tutti gli uomini possono rimanere a lungo con queste giovani donne, poiché la loro natura impulsiva può impedire loro di raggiungere un compromesso con un partner durante i litigi. Dopotutto, le donne con le fossette sul mento sono spesso piuttosto egoiste e sono spesso considerate quelle che non sanno ascoltare le opinioni degli altri. È molto difficile per gli uomini costruire con loro una vita familiare pacifica a causa della loro sete di dominio in una coppia. Tuttavia, se una donna ama veramente il suo partner, allora può imparare ad affrontare le sue debolezze e quindi creare una famiglia forte e unita.



Fossetta sul mento degli uomini

Fossetta sul mento cosa significa
Fossetta sul mento del uomo cosa significa

La fossetta sul mento di un uomo significa che è una persona forte, coraggiosa, carismatica, ambiziosa e coraggiosa. Una donna accanto a lui si sentirà sempre al sicuro. Un uomo simile in qualsiasi momento è pronto ad assumersi la responsabilità e prendere decisioni, anche molto difficili.

In situazioni stressanti, agisce con freddezza, ma con attenzione, senza correre rischi inutili. Allo stesso tempo, gli uomini con una fossetta sul mento hanno un carattere piuttosto vivace, quindi è difficile per loro rimanere fedeli a una sola donna. Sono molto affascinanti tanto che il gentil sesso semplicemente li adora.

Ma se vedono tra tutte le donne quella che farà battere il cuore, potranno sistemarsi, tuttavia, questa prescelta non avrà la vita facile, perché tutte le altre donne brameranno ancora l’attenzione del uomo con la fossetta.



Talloni morbidi e vellutati

Come rendere talloni morbidi e vellutati in pochi giorni

La stagione dei sandali è in arrivo e dobbiamo preparare i nostri talloni per le passeggiate estive. Oggi vedremo il metodo per rimuovere la pelle indurita e rendere i talloni morbidi e vellutati come quelli di un bambino.

Il problema dei talloni ruvidi in realtà riguarda non solo molte donne, ma anche gli uomini. E liberarsene non è così facile. Con questi consigli utili potrai liberarti della pelle ruvida sui talloni in 1-4 giorni, a seconda della gravità del problema.

Occorrente

1. Crema per gambe e piedi, qualsiasi, ma meglio grassa, alla canfora

2. Una limetta, ma non pietra pomice!

3. Dieci minuti di tempo il primo giorno e 5 minuti nei restanti giorni.

Prima di tutto alcuni avvertimenti importanti:

  • Non tagliare mai la pelle dei talloni induriti con la lama. Perché crescerà molto rapidamente e diventerà ancora più ruvida.
  • Utilizzare una crema per i talloni senza rimuovere la pelle morta è uno spreco di tempo e di prodotto.
  • Non rimuovere la pelle ruvida dopo il bagno. Altrimenti, insieme alle aree ruvide, rimuoverai anche la pelle normale. Questo farà crescere sempre più velocemente la pelle in eccesso. È necessario rimuovere le particelle cheratinizzate PRIMA delle procedure in acqua.

Operazione “Talloni di velluto”

Ora passiamo alla procedura vera e propria. Da dire subito che in un giorno, non porterai i tuoi talloni nella forma perfetta, ma comunque vedrai i primi risultati. Ma anche se hai i talloni in uno stato terribile, il loro aspetto in 5 giorni ti sorprenderà piacevolmente.



Primo giorno

Trattamento del primo giorno. Prima di una doccia o di un bagno, lubrificare i talloni con la crema e camminare un po’. Quindi bagnare leggermente la limetta con l’acqua. La limetta dovrebbe essere solamente leggermente umida. Con questa lima umida inizia a lavorare sui talloni asciutti. In nessun caso non devi bagnare i talloni, altrimenti non ci sarà alcun effetto.

Dopo alcuni secondi, di solito da 10 a 20, la vecchia pelle inizierà a gonfiarsi e cadere. Se il processo si è interrotto, inumidire di nuovo leggermente la limetta e continuare la procedura. Vedrai la vecchia pelle cheratinizzata cadere. Ripeti l’intero processo 2-3 volte. E per oggi basta. I tuoi talloni staranno molto meglio dopo la prima volta.

Ora fai una doccia, metti la crema e lasciali in pace. E se fossero solo leggermente ruvidi, hai già fatto tutto ciò che è necessario per loro e tutto dovrebbe andare bene.



Secondo giorno

Secondo giorno e quelli successivi dovresti fare seguenti mosse: se i talloni non sono ancora in ordine, allo stesso modo trattare i talloni asciutti con una limetta leggermente umida prima della doccia o del bagno, fino a quando la vecchia pelle non rotola via. Oggi fai la procedura una sola volta, se ancora senti la pelle dei talloni ruvida, lascia stare, tornerai il giorno successivo.

Applica la crema sui talloni dopo la doccia. Se i tuoi talloni non sono ancora perfetti, ripeti il ​​​​giorno successivo. Valuta di quante procedure hai bisogno. Ma di solito entro 4-5 giorni i tuoi talloni saranno morbidi e vellutati è sarà piacevole accarezzarli.

E’ semplice

In realtà tutto è molto semplice. In 5 minuti al giorno con un po’ di crema, una limetta i tuoi talloni saranno morbidi e vellutati senza più problemi.

In futuro, basta monitorare le condizioni dei talloni e ripetere la levigatura leggera, se necessario. E, naturalmente, non dimenticare di spalmare la crema al mattino e dopo la doccia.

Leggi anche:

Effetto anti-età

5 ingredienti naturali responsabili dell’effetto anti-età nei cosmetici

Oggi nel mercato cosmetico puoi trovare tanti prodotti che promettono di rendere la pelle liscia, elastica e luminosa e giovane. Tuttavia, non dovresti scegliere i cosmetici anti-età solo per un brand famoso, perché è più utile studiare la composizione e capire quali componenti in essa sono responsabili dell’effetto anti-età.

Oggi vedremo cinque ingredienti naturali che hanno un effetto anti-età e trasformano i cosmetici per la cura della pelle in quelli anti-età. 

Acido ialuronico

L’acido ialuronico è un potente idratante naturale. Il suo compito principale è trattenere l’umidità nelle cellule e mantenere l’equilibrio idrico ottimale necessario per mantenere la giovinezza e l’elasticità della pelle.

L’acido ialuronico, tra l’altro, fa parte delle nostre cellule della pelle, ma con l’età la sua sintesi diminuisce, provocando secchezza e rughe. In questa situazione possono venire in soccorso i prodotti cosmetici arricchiti con acido ialuronico, perché non solo saturano la pelle di idratazione, ma ne impediscono anche l’evaporazione, e stimolano anche i processi di rigenerazione, contribuendo al rinnovamento cellulare. Di conseguenza, l’incarnato migliora, la pelle diventa più liscia, elastica e le rughe sono meno evidenti.

Va inoltre aggiunto che l’acido ialuronico nei cosmetici può essere presente sotto forma di molecole di diverse dimensioni. Il basso peso molecolare penetra facilmente negli strati più profondi della pelle, saturandoli di umidità. L’acido ialuronico ad alto peso molecolare, invece, agisce sulla superficie della pelle creando un film protettivo idratante.



Acidi AHA (frutta)

Questo è un intero gruppo di componenti, che includono acidi malico, citrico, lattico e glicolico. Non penetrano in profondità nella pelle, agiscono nello strato superiore dell’epidermide, ma questo non ne riduce minimamente l’efficacia.

Gli acidi hanno un duplice effetto: esfoliante e antinfiammatorio, quindi sono adatti anche per pelli problematiche. Per quanto riguarda l’effetto anti-età, qui gli acidi della frutta agiscono in più direzioni contemporaneamente: illuminano delicatamente la pelle, attenuano le macchie senili e combattono le rughe sottili.

Importante sapere che gli acidi AHA aumentano la sensibilità della pelle ai raggi UV. Quindi, se usi cosmetici con acidi, non dimenticare la protezione solare.



Antiossidanti

Si tratta di sostanze che aiutano a neutralizzare l’azione dei radicali liberi (molecole di ossigeno attivo). 

Normalmente, i radicali liberi si trovano nell’organismo in piccola quantità e sono coinvolti nelle reazioni redox. Tuttavia, a causa di fattori esterni come raggi solari, vita in una metropoli inquinata, cattive abitudini, stress e superlavoro, alimentazione squilibrata, la loro produzione aumenta. Quando la concentrazione di queste molecole diventa troppo alta, l’equilibrio viene turbato, si verifica il cosiddetto stress ossidativo. Provoca danni alle cellule della pelle e, di conseguenza, il suo invecchiamento precoce: rughe, pigmentazione e disidratazione.

Per calmare l’attività dei radicali liberi, la natura ha fornito una difesa naturale contro di essi, gli antiossidanti che il nostro corpo stesso produce. In gioventù, tale protezione interna può essere sufficiente, ma con l’età questo processo richiede ulteriori sforzi del corpo. Per aiutarla, puoi aggiungere alla tua dieta cibi ricchi di antiossidanti e sostenere la tua pelle con cosmetici contenenti queste sostanze benefiche.

Le vitamine hanno proprietà antiossidanti, come la provitamina A (beta-carotene), E (tocoferolo), C (acido ascorbico), oli naturali, tra cui argan, germe di grano, semi d’uva, crusca di riso, sesamo e altri, alghe brune e anche estratti vegetali di uva, tè verde, caffè, melograno, ginkgo biloba.

Gli antiossidanti, che fanno parte dei cosmetici, non solo proteggono la pelle dagli effetti dannosi dei radicali liberi, ma aiutano anche a ripristinare, rinnovare e migliorare la pelle, rafforzando i suoi meccanismi di difesa naturali.



Peptidi

I peptidi sono molecole proteiche costituite da amminoacidi legati da legami peptidici. I peptidi sono di piccole dimensioni, per cui forniscono sostanze benefiche agli strati più profondi della pelle.

In cosmesi, molti peptidi vengono utilizzati per svolgere diverse funzioni. Ad esempio, favoriscono la rigenerazione della pelle, rafforzano la sua barriera protettiva, stimolano la formazione di collagene, forniscono un buon effetto idratante, riducono le rughe, migliorano la carnagione

Forse la proprietà più importante per noi dei peptidi è che non interferiscono con i processi fisiologici che avvengono nella pelle, ma li “riaccendono”, ripristinando il meccanismo di rinnovamento cellulare e favorendone il naturale ringiovanimento. Inoltre, i peptidi sono considerati efficaci non solo per combattere i cambiamenti legati all’età esistenti, ma anche per la prevenzione dell’invecchiamento.



Collagene

Questo componente è il principale “materiale da costruzione” del tessuto connettivo. Non c’è da stupirsi che sia chiamata la proteina della giovinezza, perché dipende dalla quantità di collagene quanto sarà soda ed elastica la pelle.

Una diminuzione delle fibre di collagene (ed è inevitabile nel corso degli anni, anche lo stress, la mancanza di sonno e il fumo non hanno l’effetto migliore) porta al fatto che la pelle perde il suo tono, diventa flaccida, cade, compaiono le rughe. I cosmetici con collagene aiuteranno a migliorare le condizioni della pelle. Collagene non è in grado di ripristinare le fibre di collagene della pelle distrutte, ma aiuta all’idratazione e rende la pelle più liscia e piena, prevenendo la comparsa di nuove rughe.

In cosmesi si utilizza collagene di varia origine: animale (dalla cartilagine o dalla pelle di bovini e suini), marino (dalla cartilagine, dalla pelle o dalla vescica natatoria dei pesci) e il cosiddetto vegetale (proteina idrolizzata che si ottiene dal grano).

Nei cosmetici naturali, dove non vengono utilizzati ingredienti di origine animale, è la proteina del grano che si trova più spesso. È simile al collagene che contiene la nostra pelle, quindi è ben assorbito dalle cellule, nutre e tonifica la pelle in modo complesso, uniforma il microrilievo, combatte cedimenti e rughe. 



Cosa dovresti sapere

Con l’età, i meccanismi protettivi della pelle si indeboliscono, smette di produrre abbastanza sostanze necessarie per mantenere tono ed elasticità. Fattori esterni, come cattive condizioni ambientali, alimentazione scorretta, stress, mancanza di sonno, abbronzatura, cattive abitudini, hanno una grande influenza sulla condizione della pelle.

Per sopperire alla carenza di nutrienti e stimolare i meccanismi naturali di rinnovamento della pelle, dovresti inserire nel tuo arsenale di bellezza cosmetici con effetto anti-età.

Prestare attenzione ai seguenti ingredienti naturali nella composizione dei prodotti: acido ialuronico, acidi della frutta, antiossidanti, peptidi e collagene. Inoltre, quando si scelgono cosmetici anti-età, dare la preferenza a prodotti con una composizione naturale: non dovrebbero contenere SLS, parabeni, conservanti artificiali e coloranti. Queste sostanze possono causare irritazioni, allergie e altri effetti sgradevoli sulla pelle.

Esiste un fattore come l’intolleranza individuale, quindi per alcune persone anche oli o estratti vegetali possono essere allergenici. Ricorda che con qualsiasi nuovo prodotto di bellezza di cui hai dei dubbi, devi fare un campione di prova su una piccola area della pelle e solo dopo applicarlo su tutto il viso o sul corpo.

Leggi anche:

Cantare fa bene alla salute

Gli scienziati hanno spiegato perché cantare fa bene alla salute fisica e mentale

Portal Medical Xpress ha parlato dell’impatto positivo del canto sul corpo umano, quindi scienziati hanno fatto le scoperte interessanti che spiegano perché cantare fa bene alla salute.

Oltretutto c’é un numero crescente di ricerche a sostegno dei benefici del canto per la salute. Ma la cosa bella è che non è necessario essere in grado di cantare in modo professionale – anche solo cantare dietro al brano del tuo interprete preferito può avere un effetto positivo.

Benefici per la mente

Prima di tutto, cantare fa bene alla salute mentale. Durante l’esecuzione di una canzone conosciuta che piace, nel corpo viene prodotta dopamina, che migliora l’umore. Un altro ormone del benessere associato al canto è l’ossitocina. Inoltre, le canzoni possono aiutare ad alleviare lo stress, ecco perché le persone in tutto il mondo hanno cantato in autoisolamento per sbarazzarsi dell’ansia.

Secondo uno studio condotto nel giugno 2019, le persone che hanno perso i propri cari sono state in grado di affrontare meglio la perdita attraverso il canto. E uno studio del 2016 ha dimostrato che cantare in un coro migliora il senso di appartenenza della persona alla società.



Benefici per il corpo

Il canto ha l’effetto più forte sul funzionamento dei polmoni e del cervello. Lo speciale tipo di respirazione utilizzato quando si canta aiuta a combattere l’asma o la bronco pneumopatia cronica ostruttiva.

Secondo l’analisi di numerosi studi scientifici, il canto aiuta anche nei casi di demenza, perché grazie ad esso, una persona può ricordare alcune cose.

Dopo un ictus, cantare frasi o parole da parte dei pazienti accelera il recupero. I neuroscienziati ritengono che questo effetto sia dovuto al fatto che il canto stimola l’attività in diverse aree del cervello.

Leggi anche:

Bagni di trementina: benefici e controindicazioni

Tutti i benefici di trementina per l’organismo

I classici bagni di trementina sono uno dei metodi fisioterapici più popolari per il trattamento di vari disturbi, perché hanno mostrato risultati molto soddisfacenti. Il classico bagno di trementina si basa sull’aggiunta di composizioni speciali a base di trementina, che è una sostanza che contenente terpeni e oli essenziali, all’acqua calda. I bagni di trementina agiscono attraverso la pelle, migliorando la microcircolazione, la nutrizione del corpo e, di conseguenza, stabilizzando il lavoro di tutti i suoi sistemi e tessuti. Scopriamo quali sono i benefici e le controindicazioni dei bagni di trementina.

Un po’ di storia

Il fondatore del metodo di trattamento “trementina” è stato lo scienziato russo, dottore in scienze mediche A.S. Zalmanov. Nel 1904 sviluppò un metodo per emulsionare la trementina e creare composizioni medicinali da essa. Ha presentato due tipi di soluzioni con abilità diverse, ha formulato raccomandazioni e controindicazioni per l’assunzione di bagni di trementina.

Nuovi fatti a favore dell’efficacia della tecnica furono ottenuti nel 1920 dallo scienziato danese August Krogh. Ha condotto ricerche approfondite, studiando gli effetti dei bagni di trementina sul corpo. Per il suo lavoro, Krogh è stato insignito del Premio Nobel. Un riconoscimento così forte ha portato popolarità incondizionata ai bagni di trementina. Sono ancora attivamente utilizzati come metodo di trattamento fisioterapico.



Cos’è la trementina e come si ottiene?

Bagni di trementina: benefici e controindicazioni1
Bagni di trementina: benefici e controindicazioni.

Ma cos’è esattamente la trementina che è alla base delle soluzioni curative? In pratica, è una miscela di oli essenziali isolati dalla resina di pino.

In natura, questa sostanza viene rilasciata solo su aree danneggiate della corteccia. Tappando le aree danneggiate, l’albero elimina la possibilità di penetrazione di batteri e parassiti.

Nella medicina ufficiale è chiamato olio terpenico, per la presenza di trementine e terpeni nella sua composizione.

Come funzionano i bagni di trementina?

I benefici dei bagni di trementina sono dovuti alle proprietà della trementina, una sostanza la cui efficacia è riconosciuta non solo dalla gente, ma anche dalla medicina ufficiale. Questo componente aiuta:

  • espandere e pulire i vasi sanguigni, accelerare la circolazione sanguigna;
  • alleviare l’infiammazione, perché oltretutto ha un effetto disinfettante e anti-putrefattivo;
  • accelerare la rigenerazione della pelle e la guarigione delle ferite;
  • prevenire la penetrazione dei microbi nella pelle;
  • avere un effetto riscaldante.

I bagni di trementina sono anche ottimi antistress. Avendo un effetto calmante, contribuiscono alla guarigione del sistema nervoso.

Bagni di trementina

La trementina è un componente di molti gel farmaceutici, unguenti e balsami. 

Emulsione gialla

La composizione originale di Zalmanov comprendeva resina di trementina, acido oleico e olio di ricino.Queste tre sostanze insieme aiutano a purificare il sistema vascolare dalle tossine.

Emulsione bianca

Emulsione bianca invece favorisce l’apertura dei capillari e migliora il flusso sanguigno. Aiuta a preparare il corpo alla detersione e aumenta la suscettibilità agli elementi benefici. 

Sebbene i bagni di trementina non siano una panacea per tutti i disturbi, migliorano notevolmente la salute. Possono essere utilizzati come parte di procedure fisioterapiche e preventive durante il corso del recupero.

Controindicazioni

I bagni con emulsione bianca aumentano la pressione sanguigna, quelli gialli la riducono. Le persone che soffrono di ipertensione o ipotensione dovrebbero utilizzare una formulazione mista tra le due emulsioni.

Leggi anche:

Perché camminare fa bene?

Camminare è come un’attività fisica ideale. Benefici della camminata per la salute.

Camminare è un ottimo modo per migliorare la forma fisica e la salute generale. I movimenti della camminata risultano per noi sicuri, quasi senza impatto, accessibili alla stragrande maggioranza delle persone e l’effetto è paragonabile a tipi più vigorosi di allenamento cardio . Ma la cosa principale è che la camminata è facile da includere nella solita routine quotidiana. Ma perché camminare fa bene? Ecco alcuni dei benefici:

– Benefici per il cuore , i polmoni e la circolazione;
– Aiuta a perdere peso;
– Aumenta il tono muscolare nella parte inferiore del corpo;
– Aumenta la forza ossea nella parte inferiore del corpo.

Inoltre camminare è un’attività semplice, comoda e varia. Perché puoi passeggiare nel parco, girovagare nella foresta, fare escursioni in montagna. In caso di maltempo invece, un tapis roulant è al tuo servizio. Puoi camminare per andare al lavoro, fare shopping e fare altre faccende domestiche.

L’esercizio fisico regolare rafforza i muscoli, le ossa e le articolazioni, riducendo il rischio di lesioni, comprese le fratture. Camminare migliora l’umore, aiutando a far fronte alla depressione e all’ansia.

Camminare a un buon ritmo sviluppa cuore e polmoni . È stato dimostrato che più persone camminano, minore è il tasso di mortalità, a qualsiasi età. Inoltre, è un ottimo modo per perdere peso . Percorrendo solo 1,6 km, puoi bruciare fino a 100 kcal.

Come camminare correttamente

Si consiglia di dedicare almeno 30 minuti al giorno a camminare a passo svelto, il più spesso possibile. Tuttavia, anche 10 minuti di camminata vigorosa al giorno migliorano la forma fisica. La velocità ottimale non è difficile da determinare: è la velocità massima alla quale puoi portare avanti una normale conversazione senza perdere il fiato.

Un errore tipico quando si accelera un passo è aumentarne la lunghezza. Questo porta a un carico d’urto eccessivo sulla caviglia e sul ginocchio ed è irto di muscoli doloranti che corrono lungo la parte anteriore della parte inferiore della gamba. Il tuo compito è fare passi normali, ma a un ritmo più veloce. Lo sforzo principale quando si cammina è sviluppato dai muscoli della parte posteriore delle gambe, quindi cerca di spingere il più possibile i piedi da terra, lavorando con il piede e la parte inferiore della gamba.



Evoluzione della camminata

Una volta abituato alla camminata, aumenta l’intensità allungando la distanza o scegliendo un percorso più difficile. Per rendere i muscoli più tesi, non è necessario fare un passo più lungo o più veloce del solito. È sufficiente camminare in salita, salire le scale o su un terreno soffice, come sabbia o neve.

È vero, camminare su superfici irregolari aumenta il rischio di lesioni, in particolare la distorsione della caviglia. Pertanto, scarpe stabili e ben calzate sono molto importanti. Opta per stivali in pelle resistente con una tomaia alta fino alla caviglia. Se fai un’escursione con uno zaino, le sue cinghie dovrebbero essere morbide, con lunghezza regolabile. Dal basso, è desiderabile una cintura aggiuntiva, allacciata in vita.

Camminata nordica

Questo stile sempre più popolare è nato in Scandinavia. In pratica, si cammina spingendo da terra con due bastoni alti. La tecnica è la stessa di quando si scia o si fa esercizio su una ellittica quando le braccia si muovono in anti fase con le gambe.

I bastoni ci costringono ad aumentare la lunghezza dei passi e allo stesso tempo a sforzare maggiormente l’intera metà superiore del corpo. Ciò fornisce un allenamento più armonioso e intenso con un maggiore consumo di calorie. Allo stesso tempo, i bastoncini creano un supporto che allevia la tensione in eccesso dalle articolazioni del ginocchio e dell’anca.

Compra un conta-passi

Conta-passi aiuta a mantenerti in forma, perché contando costantemente i passi, tieni traccia del tuo livello di attività, distanza percorsa, calorie bruciate (alcuni modelli calcolano automaticamente consumo di calorie). Questo non solo ti consente di regolare il carico in tempo, ma ti prepara anche al successo del allenamento. Puoi trovare le App gratuite che contano i passi.

Quanti passi dovresti fare ogni giorno? I medici raccomandano 10.000 – circa 8 km. La maggior parte delle volte svolgerai attività quotidiane, ma devi aggiungervi almeno 30 minuti di camminata effettivamente curativa.

Tecnica per lavorare sul tapis roulant

  1. Dovresti stare su tapis roulant con la testa e il mento in alto. Raddrizza il petto. Puoi tenerti ai corrimano per stabilità, ma non stringere le mani.

2. Far partire la macchina a bassa velocità. Quando cammini, fai un passo sul tallone e spingi con la punta del piede, portando l’altra gamba in avanti. Con le braccia leggermente piegate.

3. Aumentare gradualmente la velocità. La respirazione dovrebbe diventare più veloce, ma non così tanto da interferire con il mantenimento di una conversazione. Se vuoi appoggiarti alle maniglie, probabilmente il carico di allenamento è troppo grande e devi rallentare.

4. Verso la fine della sessione, riduci gradualmente la velocità, fino al passo tranquillo. Riprendi il normale respiro e riposa camminando così per 5 minuti.

Leggi anche:

Perché Aloe fa bene alla pelle

Aloe Vera e benefici per la pelle

L’aloe vera è una pianta medicinale che è utilizzata sia per scopi medici che in cosmetologia per molti decenni. E tutto questo grazie alle straordinarie proprietà. Scopriamo perché Aloe fa bene alla pelle.

Innanzitutto, le foglie  di Aloe Vera contengono molta l’acqua. Contengono anche minerali, vitamine e aminoacidi, insomma tutto ciò ha un effetto benefico sulla pelle del viso e del corpo, nonché sui capelli. Ecco perché molti prodotti per la cura contengono questo particolare componente.

Benefici dell’Aloe Vera per la pelle del viso

I benefici del succo di aloe per il viso sono molteplici perché l’aloe ha molte proprietà curative:

  • contiene polisaccaridi che aiutano le cellule a rinnovarsi. I prodotti cosmetici con Aloe sono usati per curare le ferite dell’acne e anche per prevenire il verificarsi delle cicatrici e smagliature. Di conseguenza, usando aloe vera si può ottenere una pelle pulita e bella;
  • la composizione contiene fitormoni gibberellina e auxina che hanno proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. Ecco perché i cosmetici con questo componente mirano a combattere l’acne e i brufoli. Aloe è adatto quindi per pelli problematiche e grasse;
  • se hai macchie dell’età, il succo di Aloe Vera può schiarirle notevolmente in breve tempo;
  • l’aloe in cosmetologia e medicina è usata perché ha un effetto curativo sulla pelle con varie problematiche;
  • succo di aloe ha il potere rigenerativo e aiuta le cellule “vecchie” a esfoliare più facilmente e le cellule “nuove” a formarsi più velocemente;


  • un altro beneficio dell’aloe è l’idratazione profonda. Come già stato accennato prima, la polpa della pianta è costituita da molta acqua con una grande quantità di sostanze utili. La pianta appartiene alla famiglia dei Cactus, quindi è in grado di accumulare e trattenere molto bene l’umidità. Il gel di aloe penetra nel derma molte volte più velocemente dell’acqua normale, fornendo un effetto idratante su di esso. Gli estratti penetrano in profondità nell’epidermide, riempiendola di umidità e prevenendone la disidratazione. Tali prodotti sono particolarmente necessari per la pelle secca;
  • azione anti-età. Come sai, con l’età, la pelle diventa più secca e fragile e quindi perde l’elasticità. Questo processo può essere interrotto se le fornisci le cure giuste. L’estratto di aloe per il viso aiuta la produzione di collagene e acido ialuronico che aiutano la pelle ad essere più giovane e bella e prevengono anche la comparsa precoce delle rughe;
  • Azione calmante e antinfiammatoria. Se hai una pelle molto sensibile soggetta a irritazioni, arrossamenti, prurito, dovresti assolutamente usare l’Aloe Vera per il viso. Se il viso o il corpo iniziano a prudere dal sole, una crema con succo di Aloe aiuterà a risolvere il problema. Inoltre, Aloe è utile anche nei casi di ustioni e persino tagli;
  • Protezione. L’aloe per la pelle è una barriera invisibile che protegge il derma dagli effetti negativi dell’ambiente esterno.

Sempre a portata di mano

Come puoi vedere, ci sono molte ragioni per usare Aloe Vera per la cura della pelle. Puoi comprare i prodotti a base di Aloe oppure creare maschere naturali fai da te. Con l’aiuto di Aloe puoi eliminare rapidamente la secchezza, prurito e irritazione. Puoi anche idratare rapidamente la pelle dopo aver preso il sole. Vedrai che il risultato non tarderà ad arrivare.

Precauzioni

L’aloe vera ha molti benefici, ma in alcuni casi non si può utilizzarlo, perché il gel contiene molti principi attivi naturali che in alcune persone particolarmente sensibili possono causare allergie. Prima di spalmare una crema, un tonico o un altro prodotto con questo ingrediente, è necessario eseguire un test cutaneo. Se la parte dove hai spalmato il prodotto ha iniziato ad arrossarsi, gonfiarsi o prudere, non dovresti usare tali prodotti.

Leggi anche:

Stranezze al colloquio di lavoro

Perché fanno domande strane o offrono una tazza di caffè ai colloqui? Trucchi complicati dei datori di lavoro

Molto spesso, le persone non superano i colloqui di lavoro a causa dei trucchi che usano i responsabili del personale. Parliamo di stranezze al colloquio di lavoro che possono capitare.

Perché certe volte i trucchi dei addetti alle risorse umane che incontrano i candidati per la posizione sono davvero strani. Scoprili per essere preparato al prossimo colloquio.

Test di resistenza allo stress

Il responsabile delle risorse umane inizia il colloquio con calma, poi improvvisamente cambia il tono della conversazione, diventa aggressivo e persino urla? Lo fa perché vuole metterti alla prova per la resistenza allo stress. Mantieni il sangue freddo e rispondi con calma, come se non stesse succedendo nulla di speciale.



Venire ignorati

Un’altra tecnica malefica è quella di ignorare il candidato. Il responsabile che ti stava parlando all’improvviso dimentica di te e inizia a parlare al telefono o controllare la posta, riferendosi a questioni importanti. Forse ti sembrerà strano il nostro consiglio, ma questo comportamento non dovrebbe essere tollerato. Devi chiedere con gentilezza di spostare il colloqui a un altro giorno. In questo modo dimostrerai che apprezzi il tuo tempo e quello degli altri.

Domande strane

Ai colloquio può capitare di sentire domande strane che non c’entrano nulla con il lavoro. Ad esempio, ad un colloquio di lavoro un boss daltonico ha chiesto ai candidati di descrivergli il colore rosso. Un altro invece ha chiesto cosa farebbe il candidato se avesse un arco con solo una freccia, mentre venisse attaccato da due orchi. La cosa più importante in questi casi è non perdersi e non tacere e dare almeno una risposta.

Incontro con futuri colleghi

Ti chiamano e dicono che sei passato allo step successivo e devi incontrare i futuri colleghi? In un momento del genere, può sembrare che tu abbia già ricevuto un posto, perché altrimenti presentare il candidato ad altri dipendenti? Ma non ti devi rilassare. L’incontro con i colleghi viene fatto per ascoltare la loro opinione. Quindi significa che il colloquio continua.

Test segreti

I controlli segreti potrebbero essere diversi. Ad esempio, un datore di lavoro era solito ad invitare tutti i candidati in cucina per un caffè. Ma sceglieva solo coloro che hanno lavato la tazza dopo di sé, credendo che solo una persona del genere non avrebbe spostato il suo carico di lavoro sugli altri.

Come riconoscere tali trucchi dei datori di lavoro ai colloqui? Purtroppo non si può prevedere le stranezze al colloquio di lavoro in anticipo. Perché ogni datore di lavoro ha il suo carattere ed è impossibile prevedere tutto. Cerca di essere naturale e comportati come meglio credi, perché d’altronde hai bisogno di una squadra e di un capo i cui valori siano compatibili con i tuoi.

Leggi anche:

Maschera viso purificante fai da te

Maschera viso purificante per acne e punti neri per diversi tipi di pelle

Il segreto di bellezza delle donne più belle del mondo è la pelle del viso perfetta. Quindi, la pulizia della pelle è importantissima. Quindi per splendere, basta pulire i pori, liberarsi dall’acne e dalla lucentezza grassa con una maschera viso purificante fai da te a base di ingredienti naturali. Ma prima di scegliere gli ingredienti, è necessario determinare il tuo tipo di pelle: grassa, secca o mista.

Dunque, per la pelle grassa vengono utilizzate maschere purificanti a base di componenti leggermente essiccanti, che regolano la secrezione di sebo.

La pelle secca invece richiede la nutrizione. Per un tipo di pelle misto, è necessario tenere conto di entrambe queste caratteristiche, combinando con competenza i prodotti per una maschera fai da te.

Qualsiasi maschera viso purificante dovrebbe avere almeno un ingrediente esfoliante al suo interno.

Maschera purificante per la pelle problematica

I punti neri e l’acne possono essere affrontati creando una maschera detergente utilizzando componenti che alleviano l’infiammazione, ma anche agiscono delicatamente sul viso. Questi ingredienti includono principalmente l’argilla. L’argilla bianca o scura è adatta per la pelle grassa, invece quella rosa è adatta per la pelle secca. E’ utile sapere che l’argilla è alla base di molte ricette per le maschere detergenti, perché ha le proprietà purificanti e restringenti:

  • diluire un cucchiaio di polvere di argilla con acqua a temperatura ambiente. Quindi applicare la maschera sul viso. Dopo aver atteso che il composto si solidifichi completamente, rimuoverlo con una spugna morbida inumidita;
  • versare un cucchiaio abbondante di olio di mandorle e 8 gocce di olio essenziale di lavanda nell’argilla diluita con acqua, dunque mescolare bene per ottenere un composto omogeneo e applicare sul viso;
  • versare l’acqua bollente su un cucchiaio di fiori di camomilla, quindi lasciare riposare per 2-3 ore. Successivamente, filtrare con una garza e diluire un cucchiaio di polvere di argilla nel liquido risultante. Dopodiché versare un cucchiaino di miele fuso e 5 gocce di olio essenziale di limone.


Altri rimedi contro i brufoli

Esistono anche altri rimedi che possono seccare i brufoli sul viso e fermare l’infiammazione della pelle del viso:

  • macinare un cucchiaio d’avena in un frullatore, preparando così la farina d’avena. Quindi aggiungere le bacche di ribes nero tritate, dopodiché aggiungere un po’ d’acqua per fare un composto omogeneo;
  • mescolare un cucchiaio di miele fuso con tuorlo crudo e un cucchiaio di farina di riso (puoi farla anche macinando il riso con un frullatore o macina caffe;
  • dimexide che può essere acquistato in farmacia, diluito in proporzioni uguali con acqua. È uno dei migliori detergenti per il viso utilizzato come unico ingrediente di una maschera o come componente aggiuntivo, perché accelera le reazioni ed esalta tutte le qualità positive dei restanti ingredienti.


Eliminare punti neri

Diciamo la verità, i punti neri sono davvero antiestetici. Ma per eliminare questo inconveniente, qualsiasi maschera purificante deve essere applicata su un viso pulito per migliorare la penetrazione dei componenti detergenti. Insieme alla pulizia, è necessario asciugare un po’ la pelle, ma non dovresti esagerare con i componenti che “bruciano” la pelle e devi applicare questo tipo di maschera non molto spesso, soprattutto se hai la pelle secca, un paio di volte a settimana sono sufficienti:

  • versare un cucchiaio di fiori di calendula e coprirli con vodka o alcol. Quindi lasciare fermentare per 3 o 4 giorni. Trascorso il tempo, aggiungere 5 grammi di acido borico e glicerina. Devi applicare questa maschera in una stanza con umidità moderata, altrimenti la glicerina stringerà e asciugherà il viso;
  • i punti neri si eliminano molto bene anche con la maschera al kefir. Si applica sul viso e attende la completa asciugatura, dopodiché si arrotola in piccoli grumi, creando un leggero effetto abrasivo. Il miglior risultato può essere ottenuto lavando via i resti della maschera detergente al kefir con un decotto di camomilla.


Pulizia dei pori

Una maschera purificante fai da te che restringe i pori dovrebbe basarsi sull’uso di ingredienti che possono detergere in profondità e prevenire l’intasamento. D’altra parte, un’esposizione aggressiva può provocare la formazione attiva di un nuovo strato dell’epidermide, e anche questo dovrebbe essere evitato. Puoi pulire a fondo i pori anche con l’aiuto di erbe medicinali. Gli ingredienti anche in questo caso, dovrebbero essere scelti in base al tipo di pelle del viso:

  • il tipo di pelle grassa del viso può essere pulito a casa se si prepara un decotto di una miscela di erbe come fiori di camomilla e calendula, achillea, salvia, erba di San Giovanni;
  • Per nutrire e detergere il più possibile la pelle secca del viso, senza creare l’effetto di oppressione, puoi usare un decotto di fiori di tiglio, camomilla medicinale, petali di rosa, rosa canina e foglie di menta.

In ognuno di questi decotti, puoi aggiungere alcune gocce di oli essenziali che hanno proprietà purificanti. Le essenze utili sono:

Beauty ricette di maschere fai da te

Dunque, tutti i componenti per la preparazione delle maschere devono essere presi freschi e le composizioni devono essere preparate alla volta per ottenere il miglior effetto possibile. Ricorda che gli ingredienti vengono mescolati in un contenitore di vetro o ceramica, perché i metalli possono provocare reazioni indesiderate tra i componenti. Le maschere purificanti devono essere applicate sul viso pulito e vaporizzato e dunque lasciate in posa per 20 minuti. Se la composizione della maschera include gli ingredienti che pizzicano o seccano, il tempo di posa viene ridotto a 10 minuti.

Maschera purificante all’argilla

Per ogni tipo di pelle del viso, dovresti scegliere il tipo di argilla appropriato. Se hai la pelle mista e secca è meglio usare l’argilla rosa. Per pelle grassa invece vanno bene le argille nera e blu. Per la pelle matura invece la soluzione ideale sarebbe quella di utilizzare polvere di argilla gialla.

Una qualsiasi delle polveri elencate viene diluita secondo una ricetta: versare acqua tiepida, mescolando accuratamente, fino a ottenere la consistenza della panna acida.



Argilla bianca

In primo luogo, l’argilla bianca viene utilizzata allo stesso modo degli altri: diluito con acqua. Nella sua forma pura, può essere utilizzato solo su pelli grasse.

Ma questo tipo di argilla potrebbe essere utilizzato anche su altri tipi di pelle insieme agli altri componenti naturali, basta aggiungere ingredienti emollienti alla maschera detergente:

  • un cucchiaio di argilla bianca diluito con acqua viene integrato con olio di jojoba e con qualche goccia di olio essenziale di geranio e tuorlo crudo;
  • kefir grasso, tuorlo e argilla bianca mescolati bene insieme.

Carbone attivo

Sapevi che basta una compressa di carbone attivo per conferire a qualsiasi maschera detergente proprietà antinfiammatorie? Ecco alcune ricette:

  • mescolare il carbone schiacciato con il decotto di camomilla e la gelatina, accuratamente mescolata all’acqua;
  • per la pelle secca del viso: sciogliere il carbone attivo nel kefir ad alto contenuto di grassi, aggiungere un cucchiaio di farina di riso bianco;
  • per pelle grassa e mista: mescolare un cucchiaio di argilla blu in 2 cucchiai di olio di albicocca, aggiungere una pastiglia di carbone tritato e mezzo cucchiaino di zenzero in polvere.


Maschera purificante al miele

Maschera viso purificante fai da te
Maschera viso purificante fai da te. Maschera al miele.

Il miele è ideale per qualsiasi tipo di pelle del viso. È in grado di sbarazzarsi dell’acne, alleviare il rossore e pulire in modo significativo i pori. Prima di applicarlo sul viso, il miele deve essere portato allo stato liquido. Puoi integrarlo con ingredienti collaterali che ne potenziano le proprietà curative:

  • il miele è in grado di eliminare la lucentezza oleosa in combinazione con sale marino e succo appena spremuto di mezzo limone. Un decotto di camomilla medicinale e fiori di salvia può aumentare l’efficacia di una tale maschera detergente;
  • la seguente composizione aiuterà a sbarazzarsi dell’epidermide secca scrostata ed eliminare l’acne: mescolare un cucchiaio di miele con bianco d’uovo, versare un cucchiaio di olio di jojoba e aggiungere la ricotta ricca di grassi.

Avena nella maschera per pelli miste

Immergere un cucchiaio di avena per mezz’ora nella panna acida. Versare il succo di limone spremuto da mezzo agrume. Aggiungere un cucchiaio di aceto di mele o di vino. Questa maschera purificante migliora anche l’incarnato sbiancandolo ed eliminando le macchie pigmentate.

Bicarbonato nella maschera purificante

Questa maschera viso purificante fai da te prevede l’utilizzo di bicarbonato di sodio. Prima di applicare il bicarbonato sul viso, è necessario assicurarsi che la pelle sia intatta e che non ci siano malattie dermatologiche sulle zone del viso interessate. Non dovresti spesso fare una maschera detergente con il bicarbonato, una volta alla settimana è sufficiente. Risciacquare dopo 10 minuti.

  • diluire un cucchiaino di bicarbonato con acqua e applicare il composto sulla pelle, prima del risciacquo massaggiare delicatamente;
  • mescolare sale marino, bicarbonato di sodio e 6 gocce di olio essenziale di bergamotto. Diluire il tutto con l’acqua per ottenere un composto omogeneo;
  • preparare la farina d’avena o di riso, aggiungere un cucchiaino di bicarbonato. Diluire la composizione con acqua;
  • lievito, mescolato nella stessa proporzione con il bicarbonato, mescolare in acqua.

Leggi anche:

Balsamo viola per capelli

A cosa serve balsamo viola e perché le bionde dovrebbero usarlo

Molte persone sognano capelli biondi belli e lucenti, ma non tutti sanno che capelli decolorati richiedono un’attenta cura. Uno dei prodotti per la cura del biondo più importanti sono i prodotti per mantenere il bel colore ed eliminare il pigmento giallo. I capelli biondi devono essere curati molto a casa. Inoltre bisogno fare tonificazione e colorazione regolari delle radici. Tra i vari prodotti per la cura per capelli esiste un balsamo viola. Vediamo a cosa serve.

Perché capelli diventano gialli

I proprietari di capelli biondi tinti spesso vedono i capelli ingiallirsi con il tempo. Ma gli stilisti ci rassicurano di non preoccuparsi di questo, perché in pratica è il colore naturale che rimane dopo aver schiarito le ciocche. I capelli impeccabilmente bianchi dopo lo schiarimento suggeriscono che durante la procedura tutta la melanina è stata lavata via dai capelli, quindi nel tempo i capelli inizieranno a danneggiarsi, si spezzeranno lungo la lunghezza e sembreranno secchi e fragili.

In ogni tintura per capelli ci sono pigmenti di tutti i colori. Se per colorare i capelli è stata utilizzata una tinta con un sottotono freddo, ad esempio cenere, grigio o madreperla, significa che la tinta contiene più pigmenti blu e viola. Ma particelle di questi pigmenti sono di dimensioni più piccole rispetto alle altre e quindi vengono lavati via più velocemente degli altri, lasciando una familiare tonalità calda sui capelli.

Rimedio viola per capelli

Puoi sbarazzarti di un tono giallo sgradevole dei capelli con l’aiuto del balsamo viola. Gli stilisti propongono neutralizzare il giallo con le apposite tinte o usando regolarmente uno shampoo o un balsamo viola speciale. Tale strumento funziona sulla base della teoria classica dei colori: il tono viola è direttamente opposto al giallo, quindi, durante l’applicazione, il prodotto copre le sfumature indesiderate di giallo, rosso, arancione e sottolinea favorevolmente i toni freddi del biondo.

Gli stilisti consigliano di utilizzare lo shampoo viola per tutte le bionde. Lo strumento può aiutare se il giallo appare dopo la tintura, le sfumature del platino iniziano a sbiadire o devi dare ai tuoi capelli una leggera tonalità argento fredda.



Quanto balsamo usare?

Il consumo di balsamo viola è limitato, perché basta utilizzarlo sui capelli una volta alla settimana. Gli stilisti non consigliano di usare lo shampoo più spesso di così, spiegando che la tinta può seccare i capelli decolorati già secchi dopo il trattamento.

Affinché lo shampoo o il balsamo funzioni in modo più efficiente, è meglio lavare i capelli in due fasi:

1. Prima devi applicare lo shampoo per detergere i capelli e il cuoio capelluto: puoi scegliere il tuo prodotto di cura preferito per capelli trattati;

2. Dopo aver lavato i capelli usa il balsamo viola per aggiungere lucentezza e pigmento freddo – tienilo sui capelli per circa cinque minuti.

Per mantenere la luminosità e la durata del colore biondo, dovresti dare la preferenza a prodotti riparatori speciali per capelli trattati.

Leggi anche: