UltraBeauty
Perché le serie Tv sono sempre più popolari

Perché amiamo così tanto le serie Tv

Attualmente, le serie tv come fenomeno di cultura di massa, sono popolari come i lungometraggi. Quindi è molto difficile trovare qualcuno che non abbia visto almeno un episodio di una serie nella sua vita o non abbia sentito nulla su Doctor House o Il Trono di Spade. Va anche detto che il pubblico delle serie tv si è ampliato molto negli ultimi tempi. Perché i giovani ne sono coinvolti molto attivamente rispetto a prima, stabilendo i propri standard per il consumo e la produzione di questo prodotto audiovisivo. Ma perché è successo? Perché le serie TV sono diventati sempre più popolari, soprattutto tra i giovani? Proviamo a capirlo.

La nascita delle serie Tv

Per cominciare, ricordiamo esattamente come è nato questo tipo di prodotto multimediale. I precursori dell’avvento delle serie televisive furono i programmi comici e le cosiddette “telenovelas”. Questi programmi furono trasmesse alla radio negli anni ’20 in America e guadagnarono rapidamente popolarità. 

Si ritiene che la prima serie televisiva The Lone Ranger sia stata girata in America nel 1949. Ma in realtà la prima sitcom di mezz’ora fu Pinwright’s Progress, apparsa in televisione grazie alla BBC Television Service nel 1946

La serie “The Lone Ranger” ha avuto un discreto successo sugli schermi televisivi degli Stati Uniti e di alcuni paesi europei. Ma non era ancora un vero l’inizio di un boom delle serie TV. È successo molto più tardi, tra 1980-1990, grazie a serie come Hill Street Blues, Twin Peaks, ER, The West WingI Soprano e Il cliente è sempre morto

Inizialmente la maggior parte delle serie apparse sugli schermi erano dedicate al lavoro di determinati tipi di professionisti, come un poliziotto o un medico. Tuttavia, questa tendenza è ancora attuale oggi, come ad esempio la famigerata “Doctor House“. 

I contenuti seriali hanno iniziato rapidamente a conquistare il cuore degli spettatori. Anche la produzione di questo tipo di intrattenimento è diventata un settore separato con standard elevati stabiliti sia dall’intensa concorrenza che dal pubblico stesso. 

Evoluzione delle serie

Inizialmente furono stabilite due scuole di produzione in serie: britannica e americana, che perseguivano obiettivi completamente diversiLa società britannica “BBC” ha cercato di trovare alcuni modi per introdurre lo spettatore all’alta cultura, creando così contenuti di altissima qualità

L’industria della produzione seriale americana invece si è sviluppata in una direzione completamente opposta. Non erano fissati gli standard e non portavano lo spettatore a nulla, ma al contrario, si adattavano ai suoi gusti e preferenze. Ovviamente la qualità di questo tipo di prodotto era leggermente inferiore. 

Il processo di formazione dell’industria della produzione in serie non è stato ancora completato. Poiché questa direzione della cultura di massa è piuttosto giovane, è in continua evoluzione.



Giorni nostri

Nel tempo sono comparsi diversi tipi di serie TV, suddivisi in base al modo in cui è integrata la trama. 

Naturalmente, oltre a vari tipi di composizioni della trama, allo spettatore viene offerta una varietà di generi seriali in grado di soddisfare qualsiasi gusto, anche il più esigente come horror, dramma, commedia, thriller, film d’azione e molti altri. Non sorprende che il pubblico sia in continua espansione e che sempre più persone siano attratte dalle serie TV, perché ora le serie sono degne di competere per contenuto e qualità con lungometraggi a tutti gli effetti. 

Questo è uno dei motivi della popolarità delle serie TV tra i giovani, ma questo non è certo l’unico motivo per cui molti di loro non vedono l’ora che arrivino nuove stagioni o episodi.

Perché ci piace tanto guardare le serie TV

Perché le serie Tv sono sempre più popolari1
Perché le serie Tv sono sempre più popolari?

Ovviamente, ci sono anche altri motivi per cui la serie TV può essere definita popolare. In primo luogo, è una sorta di fuga dalla realtà. In questo caso, l’effetto sullo spettatore è equivalente, ad esempio, a ciò che accade a una persona quando gioca ai videogiochi. Inoltre, immergendosi in questa realtà creata, una persona si sente al sicuro, trovandosi in un altro mondo, ma allo stesso tempo rimanendo un osservatore. 

In terzo luogo, molti giovani mostrano una connessione emotiva con i personaggi, dalla semplice simpatia all’innamoramento o, al contrario, all’ostilità. Questo può essere definito particolarmente rilevante per coloro che mancano di comunicazione e contatti sociali. A differenza del film, la serie è più prolungata e consente di creare qualche illusione della continua presenza di eroi nella vita di una persona. Inoltre, la visione quotidiana dà un senso di stabilità, catapultando lo spettatore per certo periodo di tempo in un mondo illusorio in cui tutto è piacevole e familiare. 

Infine, guardando una serie TV, una persona può cercare risposte a domande che lo riguardano. In altre parole, la serie TV può contribuire al processo di socializzazione. Questo processo può riguardare aree completamente diverse della vita di una persona, come costruzione di relazioni con altri o la questione dell’autodeterminazione, oppure la scelta di una particolare professione.

In un mondo caotico e incerto in cui stiamo vivendo oggi, le serie TV permettono alle persone di evadere la realtà almeno per un po’. Ecco perché le serie Tv sono sempre più popolari.

Leggi anche:

Come sopravvivere alla guerra da civile

Questa è la storia di un uomo che insieme al suo “clan” sopravvissero per un anno in una città di 60.000 abitanti durante la caduta della Bosnia nel 1992. L’esempio di come sopravvivere alla guerra da civile.

E, nonostante si tratti della descrizione di un’emergenza, tutto ciò che ha detto può aiutare ad anticipare certe realtà e tenerne conto nel prepararsi ad esse.

“Vengo dalla Bosnia dove è stato l’inferno dal 1992 al 1995. Per un anno ho vissuto e sono sopravvissuto in una città di 60.000 persone senza acqua, elettricità, benzina, assistenza medica, protezione civile, un sistema di distribuzione alimentare e altri servizi municipali, senza alcuna forma di governo centralizzato.

La nostra città è stata bloccata dall’esercito per un anno intero e la vita in essa era una vera merda. Non avevamo polizia, né esercito, c’erano gruppi armati e coloro che erano armati difendevano le loro case e le loro famiglie. Quando tutto è cominciato, alcuni di noi erano più preparati, ma la maggior parte delle famiglie del quartiere aveva cibo solo per pochi giorni. Alcuni di noi avevano pistole e solo pochissimi di noi avevano AK47 e fucili. Dopo 1-2 mesi, le bande hanno iniziato a operare in città, hanno distrutto tutto, ad esempio, gli ospedali si sono trasformati molto presto nelle carneficine. La polizia non esisteva più e l’80% del personale ospedaliero non andava al lavoro.

Sono stato fortunato che la mia famiglia fosse numerosa in quel momento: 15 persone in una grande casa, 6 pistole, 3 AK-47. Ecco perché siamo sopravvissuti, almeno la maggior parte di noi.

Gli americani ci consegnavano razioni secche ogni 10 giorni per aiutare la città accerchiata, ma questo non bastava. Alcune, pochissime case avevano orti. Dopo 3 mesi, si diffusero le prime voci sulla morte per fame e freddo.

Abbiamo rimosso tutte le porte e gli infissi delle case abbandonate, smantellato il nostro parquet e bruciato tutti i mobili per stare al caldo.

Molti sono morti per malattie, soprattutto per l’acqua (due della mia famiglia), perché abbiamo bevuto principalmente acqua piovana. Ho anche dovuto mangiare piccioni e persino topi.

La moneta divenne ben presto carta straccia e tornammo al cambio del baratto. Le donne si davano per una conserva di carne. È difficile parlarne, ma è vero: la maggior parte delle donne che si sono vendute erano madri disperate.

Armi da fuoco, munizioni, candele, accendini, antibiotici, benzina, batterie, cibo: questo è ciò per cui abbiamo combattuto come animali. In una situazione del genere, tutto cambia: la maggior parte delle persone si trasforma in mostri. Era disgustoso.

La forza era nei numeri. Se vivi da solo in una casa, era solo questione di tempo prima che venissi ucciso e derubato, non importa quanto bene fossi armato.

Oggi io e la mia famiglia siamo ben preparati: abbiamo provviste, sono ben armato e ho esperienza. Non importa cosa potrebbe succedere: terremoto, guerra, tsunami, alieni, terroristi, scarsità, collasso economico o rivolte. Ciò che conta è che qualcosa accada.

La conclusione della mia esperienza è che non si può sopravvivere da soli, la forza è nei numeri, nella giusta scelta di amici affidabili, nell’unità della famiglia e nella sua preparazione.”

Domande e risposte

1. Si poteva spostarsi tranquillamente nella città?

La città era divisa in comunità che corrispondevano alle strade. C’erano 15-20 case sulla nostra strada e ogni sera organizzavamo pattuglie di 5 uomini armati per tenere d’occhio le bande e i nostri nemici.

Tutti i baratti avvenivano solo per strada. C’era un’intera strada per lo scambio di cose a 5 chilometri da noi, tutto era organizzato, ma a causa dei cecchini era troppo pericoloso andarci.

come sopravvivere alla guerra da civile

Inoltre, lungo la strada, si poteva imbattersi in banditi ed essere derubati. Io stesso ci sono andato solo 2 volte quando avevo bisogno di qualcosa di veramente speciale e importante (farmaci, principalmente antibiotici).

Nessuno usava le auto: le strade erano bloccate da macerie, spazzatura, auto abbandonate e il carburante era al prezzo dell’oro.

Se era necessario andare da qualche parte, lo si faceva solo di notte. Non si poteva andare da soli, ma nemmeno in un gruppo troppo grande, solo 2-3 persone. Tutti dovrebbero essere ben armati, muoversi molto rapidamente, all’ombra, tra le rovine delle case e non lungo le strade.

C’erano molte bande di 10-15 persone, a volte il loro numero arrivava a 50. Ma c’erano anche molte persone normali – come te e me, padri, nonni, che uccidevano e derubavano. Non c’erano “eroi” e “cattivi”. La maggior parte era la gente normale pronta a tutto per sopravvivere.

2. E gli alberi, mi sembra che ci siano molte foreste intorno alla città, perché hai detto di aver bruciato i mobili e le porte per scaldarsi?

Non c’era una grande foresta intorno alla mia città. Era una città molto bella, con ristoranti, cinema, scuole, un aeroporto e centri culturali. Avevamo un parco in città, alberi da frutto, ma tutto questo è stato abbattuto in meno di due mesi.

Quando non c’è elettricità per cucinare e riscaldarsi, devi bruciare tutto ciò che ti capita: mobili, porte, parquet. E tutto brucia molto rapidamente.

Non avevamo accesso alla periferia e alle fattorie suburbane: c’era un nemico in periferia, eravamo circondati. E in città non sai mai chi è il tuo nemico.

3. Quali conoscenze ti sono state utili in quel periodo?

Devi immaginare che questo sia stato in realtà un ritorno all’età della pietra! Ad esempio, avevo una bombola del gas. Ma non l’ho usato per riscaldare e cucinare, era troppo costoso! L’ho adattato per ricaricare gli accendini: gli accendini non avevano prezzo! Gli altri mi ha portavano un accendino vuoto, io lo caricavo e in cambio prendevo una lattina di cibo in scatola o candele.

Io stesso sono un paramedico di professione e in queste condizioni le mie conoscenze erano il mio capitale. In questo momento, le conoscenze e le abilità, come la capacità di aggiustare le cose, sono valutate più dell’oro. Cose e scorte finiranno, è inevitabile, e le tue conoscenze e abilità sono un’opportunità per guadagnarti da vivere.

Voglio dire, impara a sistemare cose, scarpe o persone. Il mio vicino, per esempio, sapeva fare il cherosene per le lampade. Non ha mai avuto fame.

4. Con le conoscenze di oggi avendo 3 mesi di anticipo cosa faresti?

3 mesi per prepararsi? Correrei all’estero! (scherzo)

Oggi so che le cose possono cambiare molto velocemente. Ho una scorta di cibo, prodotti per l’igiene, batterie, etc. Insomma stock per 6 mesi. Vivo in un appartamento con un buon livello di sicurezza, ho un casa con un bunker in un villaggio a 5 km dal mio appartamento, anche nella casa in campagna c’è una scorta per 6 mesi. Questo è un piccolo villaggio, la maggior parte dei suoi abitanti è ben preparata, hanno esperienza dalla guerra.

Inoltre ho 4 tipi di armi da fuoco e ho 2000 colpi per ciascuno. Ho una bella casa con orto e giardino e so coltivare l’orto.

Inoltre, non voglio più sentirmi una merda – quando tutti intorno a te dicono che andrà tutto bene, so già che tutto crollerà.
Ora ho la forza di fare di tutto per sopravvivere e proteggere la mia famiglia. Quando tutto sta andando in pezzi, devi essere pronto a fare cose spiacevoli per salvare i tuoi figli. Voglio solo che la mia famiglia sopravviva.

Non c’è quasi nessuna possibilità di sopravvivere da solo (questa è la mia opinione), anche se sei armato e preparato, alla fine, se sei solo, morirai. L’ho visto molte volte. I gruppi numerosi e le famiglie ben preparati con competenze e conoscenze diverse sono l’opzione migliore.

5. Di cosa dovrebbe essere composta la scorta?

Dipende. Se vuoi sopravvivere al saccheggio, tutto ciò di cui hai bisogno sono molte armi e munizioni.

Oltre alle munizioni, cibo, prodotti per l’igiene, accumulatori, batterie, prestare attenzione alle cose semplici da scambiare: coltelli, accendini, sapone, pietre focaie. E un altra cosa, l’alcol che può essere conservato a lungo: il whisky (il marchio non ha importanza), anche il più economico, è un ottimo prodotto per lo scambio.

Molti sono morti a causa di condizioni igieniche pessime. Avrai bisogno di cose molto semplici, ma in quantità molto grandi, ad esempio molti sacchi della spazzatura. E del nastro adesivo. Piatti e bicchieri usa e getta, di plastica o di cartone, ve ne serviranno molti. Lo so per esperienza, perché non li avevamo. La mia opinione è che una scorta di prodotti per l’igiene sia più importante di una scorta di cibo.

È facile sparare a un piccione, trovare piante commestibili, ma è impossibile trovare o sparare un disinfettante, ad esempio. Occorre munirsi di tanti detersivi, disinfettanti, saponi, guanti, mascherini. Tutto monouso ovviamente.

Inoltre, hai bisogno di abilità di primo soccorso, devi sapere come pulire ferite, ustioni o anche una ferita da arma da fuoco, perché non c’è un ospedale. E anche se trovi un medico, potrebbe non avere antidolorifici oppure potresti non avere nulla per pagarlo. Impara a usare gli antibiotici e fai scorta di essi.

Le armi dovrebbero essere semplici. Ora porto una Glock.45 perché mi piace, ma questo calibro non è comune qui, quindi ho altri due TT russi da 7,62 mm. Ci sono molte di queste armi e munizioni. Non mi piace un Kalashnikov, ma tutti ne hanno uno, quindi… Hai bisogno di cose piccole e poco appariscenti, ad esempio, è bene avere un generatore, ma è meglio avere 1000 accendini BIC. Il generatore è rumoroso e attira l’attenzione, e 1.000 accendini sono economici, occupano poco spazio e possono sempre essere scambiati con qualcosa.

Abbiamo usato principalmente acqua piovana: l’abbiamo raccolta in 4 grandi botti e poi l’abbiamo fatta bollire. C’era un fiume nelle vicinanze, ma l’acqua al suo interno divenne ben presto sporca. Anche i serbatoi d’acqua sono molto importanti. Dovresti avere barili, secchi e contenitori per conservare e trasportare l’acqua.

6. L’oro e l’argento ti hanno aiutato?

Sì. Personalmente, ho cambiato tutto l’oro per le munizioni. A volte potevamo usare denaro (marchi e dollari) per comprare alcune cose, ma questi casi erano rari ei prezzi erano esorbitanti. Ad esempio, una lattina di fagioli costava 30-40 $. La valuta locale è crollata rapidamente, in altre parole, usavamo il baratto continuamente.

7. Il sale era costoso?

 Costoso, ma più economico di caffè e sigarette. Io avevo molto alcol e l’ho scambiato senza problemi. Il consumo di alcol è aumentato più di 10 volte rispetto al solito.

Ora, per barattare qualcosa probabilmente è meglio fare scorta di sigarette, accendini e batterie per il baratto, perché occupano meno spazio. Non ero pronto in quel momento, non avevo tempo per prepararmi. Nei giorni precedenti alla “merda che ha colpito il ventilatore”, i politici hanno continuato a ripetere in TV che tutto andava bene. E quando il cielo è caduto sulle nostre teste, abbiamo preso quello che potevamo.

8. È stato difficile ottenere armi da fuoco che potessero essere scambiate con armi e munizioni?

Dopo la guerra, le armi erano in ogni casa. La polizia ha confiscato molte armi all’inizio della guerra, ma la maggior parte delle persone le ha nascoste. Ho un’arma legale (con licenze), legalmente si chiama “Collezione Temporanea”. In caso di disordini, il governo ha il diritto di confiscare temporaneamente tutte le armi, quindi è bene tenerlo a mente. Sai, ci sono persone che hanno armi legali, ma ne hanno anche illegali, in caso di possibile confisca.

Se hai cose buone da scambiare, trovare un’arma non è difficile. Ma devi ricordare che i primi giorni saranno i più pericolosi a causa del caos e del panico. È possibile che non avrai il tempo di trovare un’arma per proteggere la tua famiglia. Essere disarmati in un periodo di caos, panico e disordini è molto brutto.

Nel mio caso, c’era un uomo che aveva bisogno di una batteria per auto per la sua radio, e aveva una pistola, e io ho cambiato la batteria con due pistole.

A volte scambiavo munizioni con cibo e poche settimane dopo scambiavo cibo con munizioni. Non ho mai cambiato nulla a casa e mai in grandi quantità. Solo pochissime persone (i miei vicini) sapevano quanto avevo in casa.

Il trucco è immagazzinare più spazio e denaro possibile. Quindi, scoprirai cosa è più richiesto.

Chiarirò: munizioni e armi sono ancora la posizione principale per me, ma chissà, forse al secondo posto, metterò maschere antigas e filtri. Avevo ammassato la spazzatura davanti al cancello del giardino e usavo una scala di alluminio per scavalcare la recinzione. Quando tornavo a casa, chiedevo di passarmela.

C’era un ragazzo nella nostra strada che ha completamente barricato la sua casa. Ha fatto un buco nel muro della casa del vicino in rovina – era il suo ingresso segreto.

Sembrerà strano, ma tutte le case più sicure sono state saccheggiate e distrutte prima delle altre.

C’erano belle case nella mia zona con recinzioni, cani, allarmi e sbarre di ferro alle finestre. La folla li ha attaccati. Alcuni sono stati in grado di reagire e resistere, altri no. Tutto dipendeva da quante persone e armi c’erano all’interno.

Certo, la sicurezza è importante, ma devi anche comportarti con moderazione. Se vivi in ​​una città e succedono cose del genere, avrai bisogno di un posto semplice e modesto in cui vivere, con un sacco di armi e munizioni. Quante munizioni? Quanti piu possibili!

Per quanto possibile, devi rendere la tua casa poco attraente.

Oggi ho le porte d’acciaio per motivi di sicurezza, ma è solo per salvarmi dalla prima ondata di caos. Dopodiché, partirò per unirmi a un folto gruppo di amici o familiari in campagna.

Durante la guerra abbiamo avuto diverse situazioni, non voglio entrare nei dettagli. Ma abbiamo sempre avuto una potenza di fuoco superiore e una recinzione alta dalla nostra parte. C’era sempre qualcuno che guardava la strada: una buona organizzazione in caso di un’incursione tra bande è di fondamentale importanza.

In città sparavano sempre.

Ancora una volta, la nostra difesa a tutto tondo era primitiva: tutte le uscite erano barricate, lasciando solo piccoli fori per le armi. Sempre almeno 5 membri della famiglia all’interno della casa erano pronti per la battaglia e una persona all’esterno era nascosta.

Per non essere ucciso da un cecchino, dovevo stare a casa tutto il giorno. I deboli muoiono nei primissimi giorni, gli altri lottano per la vita. Durante il giorno, quasi nessuno andava in strada a causa dei cecchini: la linea di difesa era molto vicina.

Molti sono morti perché volevano perlustrare la situazione, per esempio, e questo è molto importante. Voglio ricordarvi che non avevamo le informazioni, radio, TV, nient’altro che voci.

Non c’era un esercito organizzato, ma eravamo tutti soldati. Siamo stati costretti. Tutti portavano armi e cercavano di difendersi.

Ti posso dire che, se domani dovesse succedere di nuovo, io sembrerò come tutti gli altri: modesto e disperato, e forse urlerò e piangerò anche, se è necessario. Niente vestiti stravaganti. Non indosserò una super uniforme e urlerò: “Ecco, tenetevi… bastardi!” Sarò poco appariscente, ben armato e preparato, valutando attentamente la situazione insieme al mio migliore amico o fratello.

Eì bene capirlo che, indipendentemente dalla tua super difesa, super arma, se le persone vedono che dovresti essere derubato perché sei ricco, sarai derubato. È solo una questione di tempo e di numero di armi a disposizione.

9. E la sicurezza?

La difesa era molto primitiva. Ripeto: non eravamo pronti e abbiamo usato quello che potevamo.

Le finestre erano in frantumi, il tetto era in pessime condizioni a causa dei bombardamenti. Tutte le finestre erano bloccate con sacchi di sabbia e pietre. Mi sono barricato dentro.

10. E come andavate in bagno?

Abbiamo usato pale e qualsiasi pezzo di terra più vicino a casa. Suona brutto, ma era così. Ci lavavamo con l’acqua piovana, a volte nel fiume, ma era troppo pericoloso.
Non c’era carta igienica e, anche se ci fosse, l’avrei scambiata con qualcosa. Tutto era così difficile.

Posso darvi un consiglio: in primo luogo, dovete avere armi e munizioni, e dopo tutto il resto, intendo proprio tutto! Certo, molto dipende dal spazio e dal budget a disposizione.

Se hai dimenticato o perso qualcosa, va bene, ci sarà sempre qualcuno con cui puoi scambiare. Ma se ti mancano armi e munizioni, non avrai accesso allo scambio.

Eppure, non vedo problemi nelle famiglie numerose e nel numero di bocche da sfamare, perché più è grande la famiglia, più armi e più forza ci sono. E poi, poiché è inerente alle natura delle persone, si verifica l’adattamento alla situazione.

11. Che dire della cura dei malati e dei feriti?

Le ferite erano per lo più ferite da arma da fuoco. Senza specialisti e tutto il resto, se la vittima riusciva a trovare un medico, aveva circa il 30% di possibilità di sopravvivere. Non era come nei film, le persone stavano morendo e molti di loro sono morti per infezioni portate nelle ferite. Avevo una scorta di antibiotici per 3 o 4 trattamenti, ovviamente, solo per la mia famiglia.

Spesso le cose completamente stupide uccidono le persone. In assenza di medicinali e mancanza di acqua pulita, basterà una semplice diarrea per uccidervi in pochi giorni, soprattutto bambini.

Avevamo molte malattie della pelle, intossicazioni alimentari e non c’era niente che potessimo fare al riguardo. Usavamo molte piante medicinali e alcol. Può essere una soluzione a breve termine, ma a lungo termine è stato terribile.
L’igiene è la cosa principale, beh, avere la massima quantità di medicinali, in particolare antibiotici.

Leggi anche:

Arredare ingresso della casa

5 stili di arredamento per un’ingresso di classe

L’ingresso è la prima e l’ultima cosa che gli abitanti dell’appartamento e gli ospiti vedono. Nel ingresso ci prepariamo per uscire fuori. Pertanto, la stanza dovrebbe essere resa più confortevole e funzionale possibile. Dunque, come arredare ingresso della casa per renderlo bello e funzionale?

Un corridoio moderno dovrebbe implicare la presenza di mobili confortevoli, illuminazione adeguata e uno spazio pianificato. Quando scegli uno stile per arredare il corridoio, dovresti prendere in considerazione lo stile di arredamento di altre stanze dell’appartamento. Ecco l’elenco di stili attuali nel design degli interni nel 2022.

Minimalismo

arredare ingresso della casa minimalismo
Arredare l’ingresso della casa in stile minimalistico

Questo stile utilizza un arredamento semplice, conveniente e ascetico. Non ci sono praticamente accessori all’interno. I mobili sono usati nel modo più comodo e necessario possibile. Lo stesso ingresso minimalista è solido e chiuso in quanto tutti i dettagli e le piccole cose sono nascosti negli armadi a muro. Di solito le stanze in stile minimalista sono decorate con colori chiari.

High tech

Arredare ingresso della casa in stile high tech
Arredare ingresso della casa in stile high tech, designer Zina Malysheva

L’hi-tech è uno stile moderno che implica la presenza di dettagli tecnologici, l’uso di metallo e vetro lucido, colori di decorazione per lo più freddi. Finitura lucida dei mobili è adatta per espandere visivamente lo spazio.

Lo stile d’arredo hi-tech è improntato a tutto ciò che è innovazione, contemporaneità, tecnologia, comfort, partendo dai materiali agli elettrodomestici, dagli impianti ai sistemi tecnologici integrati.

La casa in stile hi-tech si riconosce soprattutto soprattutto dall’importanza alla funzionalità intelligente. Tutto deve essere moderno e pratico. Ma si parla di una praticità finalizzata alla comodità estrema e al profondo senso del vivere la casa in armonia, benessere e minimo sforzo.

Classico

Molti designer degli interni credono che lo stile classico è sempre attuale. Per collegare lo stile classico alla modernità è necessario scegliere i mobili in legno di alta qualità. Lo stesso criterio può essere applicato anche alla porta d’ingresso. Sulle pareti di un interno classico, vengono utilizzati vari decori sotto forma di pannelli, dipinti e artigianato. Tutti i dettagli degli interni sono eleganti, ogni oggetto ha il suo posto.



Neoclassico

Arredare ingresso della casa in stile neoclassico
Arredare ingresso della casa in stile neoclassico, designer Ireko

Il neoclassicismo implica moderazione, colori chiari nella decorazione, soffitti alti, uso di decorazioni in rilievo come colonne, archi e modanature. Alcuni oggetti di design possono essere decorati con stucco. A differenza dei classici, i mobili hanno forme più geometriche.

Country

Arredare ingresso della casa in stile Country
Arredare ingresso della casa in stile Country, designer Sims Hilditch

Lo stile country è associato al comfort, calore e serenità. Per progettare un ingresso in questo stile, dovresti prestare attenzione a materiali di finitura in colori pastello chiari, tessuti in stampa floreale con fiori piccoli. Mobili in questo stile dovrebbero essere semplici e funzionali, in legno, con una leggera usura per un tocco di antichità. È importante utilizzare decorazioni e tessile come coprisedie, tovaglie e tende nell’armadio.

In generale, quando si decide di arredare ingresso della casa, è utile sapere che nelle tendenze principali nell’interior design rimangono la concisione, la funzionalità e l’uso di materiali e naturali e colori chiari.

Leggi anche:

Finanze in coppia

Come dividere le spese in coppia per non litigare per le questioni economiche

Finanze in coppia
Finanze in coppia. Come gestire le spese in famiglia.

Quando vivi da solo ti abitui a gestire le tue finanze come vuoi. E quando prendi la decisione di vivere in coppia, potresti imbatterti in difficoltà a bilanciare le tue abitudini finanziarie di prima con i bisogni e i desideri del tuo partner. Se non discuti dal principio di aspetti finanziari con la persona amata, in seguito potrebbero sorgere i malintesi tra di voi. Sicuramente le coppie che si accordano in anticipo sulla pianificazione congiunta delle spese finanziarie hanno maggiori probabilità di stare insieme molto a lungo, perché la seconda causa di litigio nelle coppie è il denaro ( la prima causa è il conflitto con i suoceri). Dunque come gestire le finanze in coppia per vivere a lungo felici e contenti?

Domande difficili

Una delle domande difficili che una coppia deve affrontare è se dovrebbero mettere tutti i soldi in un conto comune, oppure due conti separati. Qui, a seconda delle preferenze personali, ci sono 3 opzioni:

  • Tutte le entrate in un unico conto. In pratica, tutto ciò che guadagnate viene messo in un unico posto per poi poter spendere insieme. Ciascuno contribuisce secondo le proprie capacità e ciascuno spende secondo i suoi bisogni.
  • Finanze separate. Ogni partner ha il proprio conto bancario personale. I costi sono condivisi e ogni partner è tenuto a pagare una parte delle spese comuni. Inoltre, in questa opzione i due possono condividere le spese, sia a metà, sia in base a quanto guadagna ognuno.
  • Una via di mezzo tra il primo e il secondo approccio. Ad esempio, divisione delle spese comuni come ad esempio le pulizie, spese di alloggio, conti dei bar o ristoranti, alcuni progetti comuni come i viaggi. Ciascun partner contribuisce a questi bisogni comuni ma tiene a sua completa disposizione il denaro residuo che ha guadagnato.

Finanze in coppia, a voi la scelta

La scelta sta a voi. Non dimenticare di discutere in anticipo con il tuo partner tutte le condizioni delle spese congiunte. È importante che entrambi siate soddisfatti dello schema finanziario che avete scelto. Inoltre è meglio precisare di essere entrambi finanziariamente liberi in caso di rottura, perché nella vita non si sa mai. Ognuno deve essere in grado poi di auto gestirsi finanziariamente.



Leggi anche:

Perché festeggiare San Valentino

San Valentino è un’ottima occasione per il tempo alla tua relazione, notarne il valore e l’importanza e compiacere la persona più cara.

Spesso sento dire che la festa degli innamorati è inutile e molti si domandano perché festeggiare San Valentino. Senza dubbio la festa più romantica dell’anno è San Valentino. A livello fisiologico, il romanticismo favorisce la produzione di endorfine e dopamina, gli ormoni della felicità. Se l’endorfina ci porta gioia e piacere, allora la dopamina è l’ormone di qualcosa di nuovo che non è mai stato fatto prima, come ad esempio qualsiasi risultato, avanzamento, qualcosa fuori dal ordinario, che ci porta sensazioni piacevoli e indescrivibili.

Un’occasione speciale

Dunque, San Valentino è una manifestazione di romanticismo. Nessuna festa dell’anno festeggia in maniera così forte e diretta le relazioni di coppia. Qualsiasi avvento sociale, e in particolare le festività, arrivano sempre in risposta al bisogno interiore delle persone. Così le feste popolari sono l’espressione del inconscio collettivo maturata nel tempo.

La festa di San Valentino è entrata nella nostra società di recente. Ad esempio, 100 anni fa una festa del genere non poteva “attecchire”, perché non si sentiva il bisogno generale, le menti delle persone erano impegnate con altri questioni.



L’amore è la risposta

Secondo Freud, ci sono due forze motrici nel mondo: la libido – il movimento verso la vita e il mortido – il movimento verso la morte. Se non sosteniamo il movimento verso la vita in noi stessi (e la libido non riguarda solo il sesso), allora la forza opposta ci prenderà sempre più spazio. Pertanto, è importante porre la massima enfasi sul amore per la vita, anche solo per il piacere di sentirsi vivi.

Quando ci sentiamo più vivi? Nel periodo dell’innamoramento, nello stesso periodo di bouquet e cioccolatini, quando il romanticismo, e con esso anche l’attrazione sessuale, sprizza da tutti i pori. Ecco perché vale la pena di festeggiare San Valentino. La festa degli innamorati serve per ricordare dell’amore che attrae le persone l’una verso l’altra e di cui la coppia così spesso dimentica, impantanata nei problemi e nelle preoccupazioni quotidiane.

Le relazioni misurano la qualità della nostra vita

Perché festeggiare San Valentino?
Perché festeggiare San Valentino?

Il bisogno primario delle persone è la comunione tra l’amore e il romanticismo. Dopotutto, il valore principale della nostra vita sono le relazioni. Gli scienziati hanno effettuato uno studio molto complesso durante il quale hanno raccolto dati su ciò che le persone in età avanzata, di fronte alla morte, considerano come il valore principale, la felicità e il significato della vita. Tutti i partecipanti dello studio hanno parlato di relazioni con i propri cari. E quelle persone che hanno avuto una relazione lunga e felice, consideravano la propria vita piena e significativa

Dunque, la festa di San Valentino ci ricorda ancora una volta le cose più importanti, ci tira fuori dalle preoccupazioni quotidiane e ci stimola a portare qualcosa di prezioso, importante, romantico nelle relazioni.

Una festa che ci voleva

Inoltre, San Valentino si inserisce molto bene nel ciclo annuale, perché è alla fine dell’inverno, quando le persone sono stanche dell’umidità, del grigiore e del freddo e hanno bisogno dell’ultima spinta prima della primavera. La festa degli innamorati ci aiuta ad aprire l’anima e il cuore l’uno all’altro. I regali, anche se piccoli e simbolici, ci regalano un’altra occasione per abbracciare e baciare la persona per noi più cara. Tutto ciò contribuisce alla gioia e sostiene la nostra fede nei miracoli, nell’amore e nel romanticismo.

Ecco perché è bello festeggiare San Valentino

San Valentino, come presagio di primavera, cambia le persone, le mette su un’onda romantica, le riempie di forza e desideri. E anche se non tutti lo celebrano e lo riconoscono, è un’ottima occasione per dedicare l’attenzione alla tua relazione, notarne il valore e l’importanza e regalare i momenti belli alla persona cara.

Ricorda che, la relazione amorosa è un universo che esiste solo tra i due. Potrebbe cambiare ed evolvere nel tempo, ma rimarrà sempre e solo una cosa tra i due partner. Questo universo unico lo si costruisce passo per passo, insieme. Le feste in generale e San Valentino in particolare ti permettono di decorare la relazione con qualcosa di speciale e piacevole. Allora perché non festeggiare San Valentino con regali e romanticismo? E’ un’occasione per aggiungere alla tua coppia un po’ più di calore, cura e sentimenti. Dopotutto, la felicità è fatta da momenti così semplici e belli. Buon San Valentino!

Leggi anche:



Vantaggi ad essere Soci della Banca

Come avere le condizioni vantaggiose del conto corrente bancario

Vantaggi ad essere soci della banca - chianti
Vantaggi ad essere Soci della Banca.

Viviamo in un mondo dove avere almeno un conto corrente è obbligatorio. Soprattutto negli ultimi due anni, quasi tutte le operazioni passano dalla banca. Le statistiche dicono che le operazioni on-line e pagamenti con bancomat e carte di credito sono in costante aumento. Quindi diventa fondamentale scegliere una soluzione conveniente del conto corrente e carte di credito. Scopriamo i vantaggi di essere Soci della Banca.

Ai tempi della pandemia

Negli ultimi due anni c’è stato il boom degli acquisti contactless. In contemporanea cresce anche l’uso di bancomat e carte di credito per gli acquisti online. E’ appurato che 8 italiani su 10 ricorrono agli acquisti online regolarmente. Ma l’uso delle carte di credito hanno i costi che variano da banca a banca.

I costi

Con il vecchio e buon contante non esistevano i costi. Avevi 100, ad esempio, e pagando in contanti potevi spendere tutti i 100. Adesso, quando il tuo stipendio viene accreditato direttamente sul conto corrente, devi sostenere i seguenti costi:

  • Costo di attivazione della carta di credito;
  • Costo di gestione del conto corrente;
  • Costo di gestione della carta di credito (canone mensile fisso);
  • Costi di prelievo;
  • Commissioni.

Costi di attivazione

Nel 2021 i costi di attivazione delle carte di credito si sono diminuite del 22% circa. Tuttavia costi di alcuni tipi di prelievi e commissioni sono aumentate.

Costi di gestione

Come avevamo già detto i costi di attivazione sono scesi da una media di 2, 57 euro a 2 euro. Ma il canone mensile è sceso solamente di 1, 11%, passando da 6,30 euro nel 2020 al 6,23 euro in media.

Costi di prelievo

Questo tipo di costi invece ha subito la crescita del 12,99%. I prezzi dipendono se si fa il prelievo presso il bancomat della propria banca, oppure un’altra. Se si preleva sul territorio nazionale, in Europa o all’estero. Adesso mediamente si spende 3,74 euro a prelievo presso la propria banca e la stessa cifra nella zona UE.

Diventare Soci della Banca

Un po’ di statistica. Italia ha una popolazione di 60,36 milioni dei quali 47,74 milioni hanno il conto corrente (circa 80%). Quasi 6 milioni di italiani ignorano i costi del proprio conto corrente, circa il 15% dei titolari di un conto bancario. In particolare le meno informate sono le donne, il 16,6% rispetto al 12,5% del campione maschile e i correntisti con un’età compresa tra i 45 e i 54 anni, il 17,3%. Ultimamente si registra un’impennata importante dei conti correnti.

Alla luce di questi fatti, diventa importante informarsi sui costi del conto corrente, carte di credito e bancomat. Sono poche le persone che sanno che diventare i Soci della Banca, porta i suoi vantaggi. Scopriamo quali vantaggi si può avere diventando i Soci.

Vantaggi ad essere Soci della Banca

Ogni Banca offre alcuni vantaggi per i propri Soci. Prendiamo d’esempio la Chianti Banca. Ecco i vantaggi:

  • Conti a canone zero;
  • Accesso agevolato al credito;
  • Sconti su polizze;
  • Carta di credito Socio Gold, la carta è GRATUITA se in un un anno spendi 14.000 euro. Un plafond mensile elevato ed assicurazioni gratuite sugli acquisti.
  • Mutuo protetto soci, con condizioni molto vantaggiose per i soci.

Come diventare Socio della Banca

Per diventare il Socio della Banca, dovresti sottoscrivere l’apposita domanda di ammissione a Socio presso la filiale della Banca ed inviarla al Consiglio di Amministrazione, che entro tot di giorni delibererà in merito.
Per ottenere l’ammissione a Socio è necessario sottoscrivere un minimo di numero di azioni, che nel caso di Chianti Banca è 33 azioni. Puoi leggere di piu qui.

Vantaggi a lungo termine

Vantaggi ad essere soci della banca
Vantaggi a lungo termine dei soci della banca.

Può sembrare che l’acquisto delle azioni sia una cosa da esperti in finanza. Ma non è così. Personalmente, ho acquistato le azioni della banca per avere il mutuo a condizioni vantaggiose e non mi sono pentita. Avendo i due conti correnti delle diverse banche, alla fine del anno vedi la differenza notevole di costi e capisci che essere i Soci della Banca porta i suoi vantaggi.

Ho chiuso il conto quale mi faceva pagare 6,50 euro di canone mensile, e ho tenuto quello gratuito dove sono Socio. Avendo il conto gratuito in un anno si risparmia solo di costi di gestione 78 euro, per non parlare di costi della carta di credito. Ti sembra poco? Invece di regalare questi soldi alla banca, posso comprare le scarpe a mio figlio.

Ma oltre al conto corrente gratuito, essendo socio, hai altri vantaggi sulle polizze, mutuo, prestiti e così via. E’ vantaggioso sia per una persona fisica che per gli imprenditori.

Considerando che gli italiani sono i cittadini che risparmiano di più in Europa, non tenere a bada i costi di gestione dei conti correnti e carte di credito sarebbe sbagliato. Se si può risparmiare, perché non farlo?

Io non mi considero l’esperta in finanza, anzi. Rientravo in quel 15% dei correntisti che ignorano i costi di gestione finche non ho deciso di eliminare le spese inutili. Si, è vero, per diventare i soci si deve investire in azioni. Ma le azioni della banca puoi anche venderle, se un giorno cambi idea. Chiudo l’articolo con il famoso detto che torna a pennello:

Chi piu spende, meno spende!

Saggezza popolare

Leggi anche:

Mondi virtuali e insetti per cena

Quale futuro ci attende?

Mondi virtuali e insetti per cena
Mondi virtuali e insetti per cena, come sono collegati?

Negli ultimi anni sono successe diverse cose, apparentemente scollegate. Di recente Mark Zuckerberg ha dichiarato che costruirà Metaversemetavuniverse ), un mondo virtuale basato su VR e AR, dove vuole raccogliere più di un miliardo di utenti. Anche Microsoft ha partecipato alla gara per creare il metaverse e altre società piu influenti del pianeta non intendono rimanere indietro. Nel 2021 UE ha approvato la legge che permette la commercializzazione degli insetti edibili per dare il via a cosiddetto Novel Food. Ma cosa centrano i mondi virtuali e gli insetti per cena tra loro? Proviamo a capirlo insieme.

Da Facebook a Meta

Dunque, Mark Zucherberg ha cambiato il nome di Facebook a Meta che sta per meta- universo. Il termine meta-universo non è nuovo, è stato coniato dallo scrittore dal famoso scrittore delle cyber-fiction Neil Stevenson, che aveva scritto un romanzo dal titolo “Snow Crash”. In questo romanzo era presente il Meta-universo, dove i piani superiori erano gestiti da corporazioni, i piani inferiori dalla mafia. Direi che c’è una certa somiglianza con il mondo occidentale moderno.

La Microsoft a sua volta ha dichiarato che sta per lanciare un progetto simile con occhiali VR e AR. Sarà questo il motivo per cui Mark non era presente al recente compleanno di Bill Gates? Chi lo sa.

Comunque, si prevede che questo nuovo universo virtuale sarà popolato da almeno un miliardo di persone. Il profitto salirà da 2 trilioni a 30 trilioni, più altri 5-6 trilioni dal riavvio di Internet 3D e dal lancio di un mercato completamente controllato. Si tratta in pratica di una ridistribuzione del mercato dei mondi virtuali. Sia Meta che Microsoft affermano che stanno “creando una meta-economia esente da tasse, e quindi dal controllo dello stato. Ma a pensarci bene, questi sono i giganteschi piani per vendere il nulla, perché l’aria virtuale è… virtuale! Scusate il gioco di parole. 

Quindi Microsoft e Facebook si stanno spostando in un altra dimensione, in uno spazio informatico in cui non si applicano le leggi della realtà fisica. Se non ci sono le leggi, non si possono nemmeno definire i crimini. Attualmente non esistono le leggi che regolano gli universi virtuali. E loro, occupando questo nuovo spazio e padroneggiandolo per primi, prevalgono sui loro avversari. Si parla di soldi ovviamente, quelli veri.

La “Nuova realtà”

Mondi virtuali e insetti per cena
Mondi virtuali e insetti per cena.

Quali conseguenze sociali del meta-universo potrebbero esserci? Certamente la creazione di un mondo socialmente atomizzato. Puoi sederti a casa al computer, chattare, viaggiare, lavorare, fare lo sport. Tutto on-line. Tutto questo è nello spirito della cosiddetta “nuova normalità”, dove le persone dovrebbero restare a casa, in un mondo artificiale per ridurre i consumi. 

Un famoso economista americano, Branko Milanovic, ha scritto i libri come “Capitalism, Alone” e “Global Inequality”. Due letture importanti tanto che sono stati pubblicati da editore, Council on Foreign Relations, dedicato ad essere una risorsa per i suoi membri, funzionari governativi, dirigenti aziendali, giornalisti, educatori e studenti, leader civici e religiosi. Recentemente, nella sua mailing list, Branko Milanovic ha parlato di come sarebbe la nuova realtà “green”. Riassumendo brevemente, si tratta di un mondo del bio-tecno-fascismo, dei consumi ridotti. Ma la “nuova realtà verde” è direttamente correlata al problema del meta-universo.

Un bel problema da risolvere

Milanovic scrive che ora il 10% della popolazione mondiale, cioè la più ricca, emette il 46-47% di gas serra e consuma una fetta enorme del prodotto interno lordo mondiale. La popolazione degli Stati Uniti costituisce il 4% della popolazione mondiale e gli Stati Uniti da soli consumano il 40% del prodotto mondiale. Cioè, “mangiano” 10 volte di più di quanto non siano. È chiaro che non tutti gli americani “mangiano”, c’è disuguaglianza anche lì. Ma nel complesso, gli Stati Uniti rappresentano una quota enorme del consumo globale. 

Branko Milanovic dice che “Ci sono due modi per ridurre i consumi. Un razionamento che riguarda tutti: da cima a fondo”. In altre parole X – litri di benzina a persona, Y – chilogrammi di carne al mese, una o due auto per famiglia, Z – kilowatt di elettricità. Ovviamente questo razionamento non riguarda l’élite. Basta ricordare che recentemente al cosiddetto Summit annuale sul clima sono volati piu di 400 jet privati, che hanno inquinato l’atmosfera come l’americano medio la inquina in un anno! Che sia chiaro, loro decidono il razionamento per gli altri…

Seconda soluzione

Siccome la prima soluzione è “scomoda” all’élite, Branko Milanovic presume che molto probabilmente verrà adottata la seconda opzione che prevede l’imposizione su beni e servizi presumibilmente pericolosi per il clima. Le tasse si applicheranno sia sugli individui che sui paesi. Ovviamente saranno colpiti le classi media e povera che insieme rappresentano l’80-90% della popolazione dei paesi. I paesi poco sviluppati subiranno un colpo duro perché dovranno pagare le cifre enormi. Quindi o pagheranno le tasse alte e diventeranno sempre piu poveri oppure si ribelleranno e ci saranno le manifestazioni e gli scontri. Tutto quanto da programma.

Introduzione delle tasse porterà al crollo del turismo e il trasporto aereo di conseguenza tutte le aree che riguardano le costruzioni aeree crolleranno. Gli alberghi, ristoranti, negozi e altre attività legate al turismo cesseranno di esistere. Per far accettare la nuova realtà psicologicamente, scrive Milanovic, i lockdown faranno abituare le persone a stare agli arresti domiciliari, perché i lockdown servono proprio a far abituare alla vita di privazioni nella nuova realtà dell’economia green.

Insetti per cena

Mondi virtuali e insetti per cena
Mondi virtuali e insetti per cena – la visione del futuro “green” che ci viene proposto.

Dunque le persone avendo perso il lavoro e gran parte dei risparmi di una vita che saranno ormai abituati a stare in casa, verrà offerto un reddito di base per non morire di fame. La famosa pagnotta. Solo che non sarà la vera pagnotta, ma sarà il cibo dagli insetti. Si, perché da anni ce lo dicono che siamo brutti e cattivi e che mangiamo troppo. Quindi piano piano siamo arrivati agli insetti per cena, pranzo e colazione. Non per nulla UE ha approvato commercializzazione degli insetti commestibili.

Stando a casa, però, le persone hanno una brutta abitudine di annoiarsi. Ed ecco che arriva il meta-universo. E anche il problema della noia è risolto. Meta-universo colpisce quindi su diversi piani. Per primo, isola le persone socialmente. Inoltre abitua le persone a stare in casa e consumare meno prodotti fisici e molti prodotti virtuali. Una persona che passa molto tempo nei mondi virtuali finisce per dissociarsi dal mondo reale.

Insomma, se la vita reale fa schifo, ma nel mondo virtuale sei un gladiatore brillante e pieno di donne, di sicuro ci vorrai restare nel tuo mondo fantastico piu tempo possibile, trascurando la vita reale.

A proposito dei mondi fantastici, Stanislaw Lem nel suo libro “The Sum of Technologies” già negli anni ’60 aveva previsto meta-universo. Il libro è da leggere assolutamente, secondo me.

Tre pilastri del mondo virtuale

Dunque meta-universo serve, in primo luogo, per fare soldi. In secondo per impostare il “nuovo mondo“. Ma lo storico, filosofo e scienziato sociale russo, Andrey Fursov, ipotizza anche il terzo scopo di meta-universo, che secondo lui sarebbe una questione di potere. Fursov afferma che l’economia moderna è costituita da diversi piani. Il primo piano è quello delle piattaforme social e info, come Facebook e Microsoft. Queste piattaforme controllano un qualcosa che apparentemente non c’entri nulla con i soldi, come il comportamento sociale, modo di pensare, abitudini d’acquisto, necessità ecc.

Al secondo piano si trovano i finanzieri, poi segue il piano della tecnotronica e infine industria e agricoltura. La presidenza di Trump, secondo Fursov, era il tentativo degli industriali di tornare alla guida del potere. Ma i burocrati sovranazionali e i finanziaristi (termine clonato da Fursov) li hanno buttati fuori. Adesso è in atto la lotta al potere tra i vari piani dell’economia mondiale. Vi ricordate la compagnia accusatoria contro Zucherberg l’estate scorsa? In pratica, i finanzisti e burocrati avevano annunciato di guerra.

L’annuncio di Meta-universo è la risposta al attacco. L’impero social ha fatto la sua mossa. Le burocrazie ormai hanno capito che la digitalizzazione sarà la morte dello stato, afferma Andrey Fursov. In China ad esempio,  Xi Jinping ha compreso molto bene il pericolo della digitalizzazione sfrenata e ha preso in mano la situazione volendo controllare la digitalizzazione dallo stato e non dai privati, come succede in Europa e in America.

Personalmente credo che il controllo della digitalizzazione deve essere, ma non a scapito del popolo. Perché attualmente si osserva la corsa al controllo attraverso le nuove tecnologie e non la corsa alla difesa dei diritti umani.

Conclusioni

Dunque la digitalizzazione privata annulla lo Stato e questo dovrebbe raffreddare quei entusiasti della digitalizzazione quali pensano che si tratta solamente di semplificare alcuni processi e pratiche. Stiamo assistendo alla lotta al potere attraverso nuovi mezzi tecnologici. Sono pochi che comprendono cosa stia accadendo veramente. Perché questa lotta è quasi invisibile, ma avrà le conseguenze di proporzioni mondiali. Matrix è già qui e nessuno è venuto ad offrirci la scelta delle pillole rossa o blu. Dobbiamo in qualche modo cavarcela da soli in questo nuovo mondo senza regole e senza leggi (quello dei mondi virtuali, che sia chiaro).

Leggi anche:

Ai genitori del pianeta

Un messaggio importante ai genitori del pianeta

Ai genitori del pianeta un messaggio importante1
Ai genitori del pianeta un messaggio importante dal Dr. Robert Malone

Un messaggio ai genitori del pianeta dallo sviluppatore della tecnologia del vaccino genetico, il Dr. Robert Malone dagli Stati Uniti:
“Prima di vaccinare tuo figlio – decisione irreversibile – volevo farti conoscere i fatti scientifici su questo vaccino genetico, che si basa sulla tecnologia del vaccino mRNA che ho creato.

Ci sono tre questioni che i genitori devono capire:

In primo luogo, una parte del codice genetico virale verrà iniettata nel corpo e nelle cellule native del bambino. Questo codice genetico farà sì che il corpo di tuo figlio produca una proteina spike tossica. Queste proteine ​​spesso causano danni irreparabili ai tessuti e agli organi chiave nei bambini (e non solo nei bambini).

Si tratta di lesioni del tessuto cerebrale, del sistema nervoso, del muscolo cardiaco, del sistema vascolare (compresa la formazione di coaguli di sangue), del sistema riproduttivo e, soprattutto, questo vaccino può innescare cambiamenti fondamentali nel sistema immunitario del bambino . La cosa più preoccupante è che quando si verifica tale danno, è irreparabile e non può essere curato.

È impossibile curare i danni al tessuto cerebrale, invertire le cicatrici fisiche sul muscolo cardiaco, è impossibile riportare il sistema immunitario geneticamente modificato al suo stato originale. Questo vaccino può anche danneggiare il sistema riproduttivo di tuo figlio, influenzando la procreazione della tua famiglia.

Secondo fatto

La seconda cosa che dovresti sapere è che questa nuova tecnologia di vaccinazione non è stata adeguatamente e completamente studiata e testata. Abbiamo bisogno di almeno 5 anni di analisi e test prima di poter valutare i rischi di questa nuova tecnologia in modo realistico. I danni ei rischi dei nuovi farmaci compaiono molto spesso MOLTI ANNI dopo la loro immissione in circolazione. Ti chiedo di farti una domanda, ti chiedo, come genitore: vuoi che tuo figlio diventi parte del più grande ESPERIMENTO della storia dell’umanità?


ultra-beauty.it consiglia

ultra-beauty.it consiglia oggetti personalizzati
Stampa artistica “I love Nature“, € 11,08 Acquista
ultra-beauty.it consiglia oggetti per la casa I love Nature
T-Shirt “I love Nature“, € 30,86
Acquista
ultra-beauty.it consiglia oggetti per la casa I love Nature
Poster “I love Nature“, € 11,30
Acquista

Terzo fatto

E un’ultima cosa. L’argomento addotto per giustificare la vaccinazione di tuo figlio è falso. I tuoi figli non rappresentano un pericolo per te, i tuoi genitori oi tuoi nonni. Viceversa. La loro immunità, dopo aver contratto il COVID, è fondamentale per salvare la tua famiglia, se non il mondo intero, da questa malattia.

In sintesi: non vi è alcun vantaggio per i vostri figli o la vostra famiglia nel vaccinare i vostri figli contro i piccoli rischi del virus, dati i noti rischi per la salute del vaccino con cui voi e i vostri figli potreste dover convivere come genitore per il resto della loro vita.

l rapporto rischio/beneficio con questo particolare vaccino non si avvicina nemmeno a argomentare a favore di questo vaccino per i bambini.

Io, come padre e nonno, ti do una raccomandazione fiduciosa: difendi la salute dei tuoi figli, disobbedisci e combatti per il tuo futuro”.

Testo originale e video intervista completa qui.

Leggi anche:

Perché la nuova generazione è così diversa?

La generazione più incomprensibile e incompresa della storia

Perché la nuova generazione è così diversa
Perché la nuova generazione è così diversa?

I millennials è la generazione nata a cavallo tra l’inizio degli anni ’80 e gli anni 2000. Per la prima volta nella storia umana, un quarto della popolazione mondiale è giovane e il ritmo del pianeta è cresciuto a dismisura. Le nostre vite sono cambiate di più negli ultimi 20 anni che in un secolo e mezzo. Allo stesso tempo ora abbiamo la nuova generazione più incomprensibile e più studiata della storia. A causa di queste folli velocità di cambiamento, c’è semplicemente un divario senza precedenti tra i giovani e chi è al potere. Non è mai stato così e in qualche modo bisogno adattarci e ridurre questo divario. Dove cercare il motivo per cui la nuova generazione è così diversa da tutte le precedenti e come possono sopravvivere in un mondo in rapida evoluzione? Cerchiamo di capirlo.

Il mondo del lavoro

Entro il 2025, circa il 75% dell’intero mercato del lavoro sarà costituito dai millennial. D’altra parte, la disoccupazione giovanile non è mai stata così grave. Tale disoccupazione è in costante crescita. Abbiamo il 29,8% dei giovani in Italia disoccupati. Si scopre che quasi un terzo dei giovani semplicemente non fa nulla. Ma il problema è da ricercare nei giovani oppure nel sistema obsoleto? Forse la risposta sta nel mezzo.

Il ritmo del cambiamento nel nostro mondo non è affatto supportato dai sistemi educativi. Ciò che viene insegnato nelle scuole ha ben poco a che fare con ciò che è necessario nel mondo reale. I risultati dei sondaggi su larga scala dicono che circa un terzo dei giovani crede che la loro istruzione sia completamente inutile. Secondo loro, non imparano nulla che possa tornare utile più avanti nella vita.

Nel frattempo l’età pensionabile è in costante aumento, ma i nuovi posti di lavoro non vengono creati abbastanza velocemente.  Aggiungiamo poi il fatto che l’intero sistema economico sta cambiando. Durante la sua vita, un tipico millennial cambierà quattro lavori entro l’età di 32 anni. Quattro! Allo stesso tempo, la generazione dei nostri genitori ha cambiato lavoro solo due volte nel corso della loro carriera.

Tutto questo porta alla gig economy, quando sei freelance per la maggior parte del tempo e devi essere pronto a cambiare campo di attività, competenze e abilità in un lampo.

Attualmente, molti giovani credono giustamente che le autorità non si preoccupino di loro e non li aiutino. Si sentono abbandonati. Questo crea apatia e porta al fatto che un terzo dei giovani semplicemente non fa nulla.

Perché la generazione moderna è diversa dalle generazioni precedenti?

Il baby boomer medio, nato a metà del XX secolo, poteva permettersi un’istruzione, una casa di proprietà, due automobili e una famiglia numerosa con un cane. Tutto questo con un buon stipendio. Ogni millennial ha ormai una grande prospettiva di laurearsi con debiti a sei cifre, che, in linea di principio, non è chiaro come estinguere. Comprare una casa è una prospettiva quasi irrealizzabile. Per non parlare di un lavoro stabile, che sarà un sogno impossibile. Confrontare due generazioni così diverse diventa difficile quando le loro condizioni di vita sono così diverse.

Il nuovo mondo

Quindi non sarebbe del tutto giusto dire che i giovani di oggi sono pigri. Il problema vero è che i requisiti per le loro capacità e la necessità di adattarsi costantemente a qualcosa di nuovo non hanno precedenti nella storia umana. Poi i millennial hanno delle caratteristiche diverse rispetto alle generazioni precedenti. Ad esempio, spesso non si preoccupano della cultura collettiva aziendale, pretendono di avere molto tempo libero dal lavoro e sperano costantemente di fare solo ciò che vogliono. E possono mostrare pigrizia nel adattarsi al ritmo attuale del cambiamento.

Generazione Z

Perché la nuova generazione è così diversa - generazione z

Non dimentichiamo che abbiamo anche la Generazione Z, per la quale la tecnologia digitale è una cosa assolutamente familiare dai pannolini. È difficile immaginare le loro prospettive nel mercato del lavoro. È possibile che debbano lavorare con qualcuno solo per un anno o due, dopodiché imparare qualcosa di nuovo e cercare un nuovo impiego.

Leggi anche “Fare la mamma è stressante

Paese che vai gioventù che trovi o no?

Internet e la cultura pop di massa hanno inondato il mondo. Non importa in quale paese ti trovi, molto probabilmente incontrerai le stesse preferenze musicali e cinematografiche. I giovani d’oggi hanno circa gli stessi influencer globali e guardano pochissimo o per niente TV.

Un esempio: il calciatore francese Antoine Griezmann ha celebrato i gol con i gesti del gioco Fortnite. La maggior parte dei fan sopra i 35 anni non capiva cosa stesse facendo, mentre i giovani impazzivano dalla gioia. E in tutto il mondo i giovani lo hanno capito.

GRIEZMANN FORTNITE DANCE COMPILATION HD

Caratteristiche della generazione Z

La generazione Z è stata studiata abbastanza e sono state individuate alcune caratteristiche generali:

  • Orientamento verso la tecnologia e la comunicazione.

Questi giovani non riescono immaginare la vita senza internet, smartphone e social network. Passano molto tempo a casa e non hanno alcuna fredda di andarsene. Si incontrano poco con gli amici e escono di rado.

  • Attenzione alla salute. I giovani della generazione Z prestano molta attenzione alla salute e sono meno inclini a fumare e bere alcolici. Secondo uno studio due terzi dei giovani di questa generazione usa app per uno stile di vita sano.
  • Consumo di informazioni.

Ci si creda che gli adolescenti moderni siano multitasking perché possano, ad esempio, ascoltare la musica, navigare su Instagram e fare i compiti allo stesso tempo. Ma questo non è del tutto vero. Perché l’attenzione è dispersa e tutto quel fiume di informazione è molto più difficile da digerire. Inoltre, la memorizzazione e l’archiviazione non sono la loro priorità, in quanto tutte le informazioni si possono sempre trovare su Internet. Si tratta soprattutto della capacità della eseguire ricerca e verifica delle informazioni sul web.

La nostra percezione di qualsiasi fenomeno è clip art. Le immagini sono piu convincenti del testo. Piu corto è il testo, meglio è. Il complesso e complicato è tagliato fuori. E’ difficile per noi concentrarsi su una cosa per molto tempo.

Un giovane della generazione Z, Ivan Survillo
  • Attitudine allo studio e al lavoro. La gioventù moderna è focalizzata sull’acquisizione delle conoscenze utili e su una carriera di successo, che tra l’altro, non è sempre associata all’ufficio, perché lavorare da remoto è piu comodo. Nonostante un apparente infantilismo, per i giovani Z è importante trovare un’opportunità per l’autorealizzazione. Solo che per loro è più difficile diventare indipendenti e scegliere un percorso in un mondo in continua evoluzione.
  • Tolleranza. Molti sociologi concordano sul fatto che la nuova generazione è molto più tollerante dei loro predecessori, si comportano in modo piu consapevole nelle relazioni e non hanno fretta a mettere su la famiglia.

Chi sono i bambini alfa?

Perché la nuova generazione è così diversa - generazione alfa

Si tratta di persone nate dopo il 2010. Il ricercatore Mark McCrindle ha suggerito di chiamarle generazione “alfa” per un motivo molto semplice: l’alfabeto latino è finito e nella scienza, in questo caso, è consuetudine passare al greco. La scelta di McCrindle ha anche una certa implicazione simbolica: un nuovo alfabeto, una nuova lettera, un nuovo inizio.

Gli alfa fanno parte di un esperimento globale non intenzionale. Fin da piccolo, invece di bambolotti, giochi e libri didattici sono stati abituati a guardare gli schermi.

Mark McCrindle in un’intervista al New York Times

Cosa possiamo aspettarci dalla generazione alfa? E’ difficile dirlo, visto che gli ultimi rappresentanti di questa generazione nasceranno nel 2025 all’incirca. Ma è chiaro che l’impatto della tecnologia sulla loro vita sarà colossale. Cresceranno interagendo con l’intelligenza artificiale, robot e giocattoli intelligenti.

Divisioni per generazioni

La divisione per generazioni viene rivista periodicamente ed è utile ricordare che non si tratta di una divisione netta. Non bisogno prendere le informazioni sulle generazioni come verità assoluta. Nonostante il fatto che i modelli generazionali sono utilizzati attivamente in sociologia e futurologia, è necessario ricordare che non esiste alcuna prova scientifica che confermi la loro esistenza. Confrontare le generazioni può essere divertente, fornire una guida o spunti di riflessione. Ma queste informazioni non dovrebbero essere prese troppo sul serio.



Carta regalo – vantaggi e svantaggi

Stai pensando di regalare una Carta Regalo? Scopri tutti i pro e contro delle Carte Regalo.

Carta regalo - vantaggi e svantaggi
Carta Regalo – vantaggi e svantaggi.

Capita a tutti di dover fare dei regali ma non avere la minima idea di cosa regalare. Soprattutto sotto il Natale, quando si cerca di fare un pensierino a tutti, senza offendere nessuno. Inoltre ci dispiace molto quando i regali non sono graditi. Carta regalo, Buoni d’acquisto, Voucher sono tutti i sinonimi di una carta prepagata che si regala agli altri. Si sceglie un negozio e la cifra da caricare dentro e la si regala a chi si vuole. Carta regalo è un tipo di regalo abbastanza nuovo, che negli ultimi anni va sempre più di moda. Vediamo quali sono i vantaggi e i svantaggi della Carta regalo.

Vantaggi della Carta regalo

Iniziando dai pro, possiamo dire che i vantaggi principali ne ha il donatore di Carta regalo e il negozio prescelto, perché riceve i soldi in anticipo.

Per il donatore la Carta regalo è comoda perché si evita di scervellarsi per trovare il regalo giusto e non si deve passare ore nella ricerca per i negozi. Inoltre non si rischia di sbagliare, perché in pratica stai regalando i soldi e la persona potrà scegliere quello che le piace. Si potrà caricare qualsiasi importo, dai 5 euro in su. Carta regalo per il donatore significa meno pensieri e problemi.



Svantaggi

Non sempre la Carta regalo può essere gradita, perché alcune persone potrebbero interpretare questo regalo come segno di negligenza e mancanza di attenzione, per i motivi sopra descritti. Inoltre, per poter avere il regalo la persona deve cercare il negozio indicato, trovare il tempo per andarci e poi scegliere qualcosa in quel negozio che rientri nella cifra caricata sulla Carta regalo.

Inoltre c’è il rischio che il buono d’acquisti scada e la persona rimane senza il regalo e i vostri soldi verranno regalati al negozio. Ma lo svantaggio più grande è che spesso la persona deve scegliere un qualcosa del esatto importo della Carta regalo, il ché è impossibile. Personalmente mi è capitato che in alcuni negozi, scegliendo una cosa che costa più del importo della Carta regalo, le commesse si sono rifiutate di dividere l’importo del oggetto scelto in due pagamenti e ho dovuto pagare l’oggetto con la mia carta personale, scegliendo un’altra cosa che rientrava nella cifra, ma che avrei potuto farne a meno.

Quindi spesso si dovrà scegliete un oggetto che costa meno dell’importo della carta. E quei soldi che rimangono sulla carta non potranno più essere consumati, perché in quel negozio non c’è nulla che costi meno di 29 euro, ad esempio.

Regalare o non regalare? Ecco la domanda!

Come ho detto all’inizio del articolo, Carta regalo è una soluzione comoda, soprattutto se non conosciamo bene la persona alla quale dobbiamo fare il regalo, oppure non abbiamo molto tempo per i scegliere e comprare i regali.

Ma c’è da dire che esistono alcune persone che preferiscono le Carte regalo e le chiedono espressamente, come ad esempio nel caso della Carta regalo per i trattamenti Spa, oppure per i massaggi. Ma è inutile regalare un massaggio ad una persona che detesta essere toccata dagli estranei, ad esempio. Sarebbero i soldi sprecati e molto probabile che questo Voucher farà il giro del mondo e alla fine il massaggio ci andrà a fare qualche collega del ricevente a voi sconosciuta.

Carta regalo - vantaggi e svantaggi
Quando la Carta regalo è davvero gradita? Vantaggi e svantaggi della Carta regalo.

Affinché una carta regalo diventi una sorpresa davvero piacevole, per dimostrare il vostro apprezzamento nei confronti del destinatario, dovete prima scoprire almeno approssimativamente la gamma dei suoi interessi. Regalare un buono d’acquisti di una libreria ad una persona che non legge è inutile, ovviamente.

Un consiglio personale è quello di incartare la Carta regalo in modo originale, come in foto all’inizio del articolo, ad esempio. In questo modo al ricevente non verrà nessun dubbio sul fatto che per fare il regalo ci avete messo dell’impegno. Inoltre, nel momento della presentazione del “regalo”, è necessario informare la persona sul periodo di validità della Carta regalo, sull’ubicazione del negozio e sugli orari di apertura

Ovviamente è meglio acquistare carte regalo senza la data di scadenza o con un buon “margine” di tempo. Una buona idea sarebbe anche quella di acquistare le Carte regalo dei centri commerciali, come ad esempio quelle dei Gigli di Firenze. Perché queste carte vengono accettate quasi in tutti i negozi del centro commerciale e quei pochi euro che rimangono sulla carta dopo gli acquisti si possono spendere al bar per un caffè. In questo modo Carta regalo sarà veramente un regalo veramente gradito.



P.S.: Sono per la promozione delle piccole e medie imprese, ovviamente. Le Carte regalo dei centri commerciali sono comode perché c’è molta scelta dei negozi nei quali usare la carta, ed è comodo se non avete idea degli interessi della persona ricevente. Ma se sapete che il ricevente sogna, ad esempio, le scarpe da calcetto, allora fategli una Carta regalo nel negozio specializzato, sicuramente non sbaglierete. Quindi tutto e relativo, perché qualsiasi regalo sceglierete quello che conta è il vostro pensiero.

Buoni regali e buone Feste!

Leggi anche “10 modi per creare l’atmosfera natalizia in casa” e “Vin Brulé – Ricetta Classica“.

Passione per la montagna

Quando la montagna diventa un piacere? Perché iniziare a praticare l’alpinismo? Cos’ha di speciale la montagna?

Passione per la montagna

Avevamo già parlato dell’importanza di avere un hobby in questo articolo. Recentemente mi sono chiesta quali hobby particolari possono esistere. Sicuramente ce ne sono molti hobby originali, ma una in particolare ha attirato la mia attenzione – la passione per la montagna. In montagna si può sciare, fare l’alpinismo, passeggiare, arrampicarsi.

Un po’ di storia

L’arrampicata affonda le sue radici nel alpinismo esplorativo, volto alla scoperta dei territori sconosciuti e inaccessibili. L’arrampicata è uno sport a stretto contatto con la natura. A metà dell’800 vennero creati i primi Club alpini. Dopo il 900 alcuni scalatori decisero di dare più importanza allo stile di salita, piuttosto che al raggiungimento della cima. In pratica per loro non importava più solo se arrivavi in cima, ma lo stile con cui lo facevi.

Ideatore di questo stile di arrampicata fu Paul Preuss, che rinunciò a tutti gli strumenti che fino ad allora servivano ad aiutare e assicurare la salita degli esploratori. Egli rinunciò persino alla corda di assicurazione, cosa che gli costò la vita in seguito ad una caduta.
Col tempo l’arrampicata veniva considerata sempre più come uno sport e così alle Olimpiadi del 1932 fece la sua comparsa anche l’Apinismo.

Sulle cime più alte ci si rende conto che la neve, il cielo e l’oro hanno lo stesso valore.

Boris Vian

Negli anni ’70 si diffuse la mentalità del alpinismo come espressione della libertà, come sinonimo dell’unione del uomo con la natura, senza le rigide regole e percorsi stabiliti.

Nel 1975 fu fondata prima palestra di arrampicata in Europa, per diffondere la scalata libera.

Testimonianza

Passione er la montagna - Eva Ksonzkova
La passione per la montagna raccontata da un’alpinista Eva Ksonzkova. Le montagne sono le uniche stelle che puoi raggiungere a piedi.

L’arrampicata è uno sport piuttosto giovane e oggi è tra i più praticati in montagna. Si può dire che negli ultimi anni si è sviluppata la tendenza in aumento verso l’interesse per questo tipo di sport. Così abbiamo intervistato Eva Ksonzkova, una donna che ha iniziato a praticare l’alpinismo qualche anno fa. Ecco l’intervista a Eva:

– Eva, come è nata la tua passione per la montagna?

Passione per la montagna - intervista a Eva Ksonzkova
La passione della montagna raccontata dall’alpinista Eva Ksonzkova.

– Ho cominciato andare in montagna facendo le escursioni. Vivo sul Lago di Garda e qui molta gente ama la montagna. All’inizio non avevo alcuna intenzione di arrampicarmi. Perché era un mondo molto lontano da me. Inoltre soffrivo di vertigini e avevo veramente tanta paura dell’altezza. Quindi l’arrampicata era una cosa irraggiungibile e impossibile per me all’epoca.

Poi un giorno è successo che ho dovuto calarmi dal alto sulla roccia, perché siamo arrivati in un punto dove non c’era un’altra strada. L’unica possibilità di scendere era farsi calare con la corda. Ci ho messo moltissimo tempo per decidermi di farsi calare.

E’ stato terribile e fantastico in stesso momento. Terribile per la paura del vuoto e dell’altezza e fantastico per la adrenalina e per la sensazione di averci fatto.

Dopo questa esperienza avevo deciso di superare le mie paure e debolezze e ho voluto provare l’arrampicata. Non sapevo nulla di questo mondo e tutto era nuovo per me. Però questo nuovo mondo mi affascinava e incuriosiva tantissimo. E quando un giorno un mio amico e collega del Cai mi ha detto di andare a provare l’arrampicata sulla parete in una palestra ho accettato. Da lì è cominciato il tutto.



– Quindi la passione per la montagna era nata per caso?

Passione per la montagna - alpinismo

– Si, prima avevo iniziato dalle passeggiate in montagne. Mi piaceva camminare moltissimo in montagna perché ne sentivo il bisogno. Ma all’epoca non riuscivo andare spesso in montagna perché non sempre riuscivo a trovare la compagnia per le passeggiate. Poi mi sono iscritta al Cai e li ho conosciuto della gente che ha stessa mia passione per la montagna. Ognuno di queste persone praticano diverse attività legate alla montagna.

Quando ho scoperto l’arrampicata e avevo deciso di provarla, ho fatto i miei primi passi in palestra, sulla parete artificiale. Poi sono andata sulla roccia vera. Posso dire con certezza che da quando ho scoperto la montagna e l’arrampicata ho ritrovato una parte di me stessa, mi sento più completa adesso. Da quel momento tutta la mia vita gira attorno alla montagna.

Ora siamo nelle montagne e le montagne sono dentro di noi.

John Muir

– Ti alleni in un modo particolare per l’arrampicata? Le braccia devono essere particolarmente forti, giusto?

– Mi alleno soprattutto arrampicando, cercando di migliorare la tecnica ogni volta. Ho tanta voglia di progredire ancora e ho impostato la mia casa in modo di poter allenarsi anche in casa. Inoltre pratico lo yoga che aiuta molto a mantenere i muscoli forti ed elastici. Faccio anche l’allenamento delle dita, gli esercizi per l’equilibrio e la stabilità, core e altro. Sai, quando entri dentro il mondo della montagna non pensi quasi più ad altro.

– Vai spesso in montagna? Adesso è piuttosto freddo, ci vogliono i vestiti appositi?

– Si , ci vogliono i vestiti adatti. Mi sono fatta anche nuova cultura anche sulle attrezzature adatte e il modo di vestirsi giusto per la montagna. Perché in alta quota per stare comodi e sicuri, è necessario avere i vestiti giusti e scarponi adatti.

– Con voi in montagna ci va anche qualche istruttore esperto?

Passione per la montagna - Eva Ksonzkova
Cai organizza le uscite in montagna due volte a settimana.

– Non sempre. Ho acquisito le mie conoscenze sulla montagna strada facendo, conoscendo gente esperta. Poi, quando ti appassioni ad una cosa, dopo cerchi sempre di avere più informazioni per migliorare sempre più. Iscrivermi al Cai (Club Alpino Italiano) è stata un’ottima idea, perché mi avevano aiutato molto all’inizio.

Insieme al Cai puoi stare più tranquillo, perché fanno le uscite ben organizzate, inoltre sei assicurato. Ma la cosa che conta di più è che avendo tutti la stessa passione per la montagna, trovi sempre qualcuno che ha voglia di andarci.

Dalla vetta non si va in nessun posto, si può solo scendere.

Mauro Corona

Cai organizza uscite in montagna due volte al settimana, mercoledì e domenica. Inoltre con l’iscrizione al club per posta ti arriva il Giornale della montagna e alcuni negozi sportivi offrono gli sconti per gli iscritti al club alpinistico. Per gli tesserati ci sono anche gli sconti nei rifugi e funivie.

– Per le uscite in montagna ci vuole la giornata intera? Ti alzi molto presto?

– Si mi alzo molto presto. In estate alle 4 di mattina e d’inverno alle 5. Le escursioni durano tutta la giornata, ma la durata dipende soprattutto dalla lunghezza dei percorsi e dalla distanza verso il percorso scelto.

– Cosa è cambiato nella tua vita da quando vai in montagna?

La mia vita è cambiata completamente, perché ora tutto gira attorno alla montagna che mi riempie la testa e cuore. Sono felice di aver scoperto questo mondo e sento il bisogno di tornare sempre alla montagna. Ci vado vado tutte le domeniche. se non piove. Mi arrampico 2-3 volte al settimana o indoor o outdoor.

L’arrampicata in palestra mi prende all’incirca 3 ore. Quando invece mi arrampico fuori, impiego più tempo, ma mai tutta la giornata, come quando vado a camminate in montagna. Ma c’è chi si arrampica anche tutto il giorno, dipende molto da quanto tempo hai, dove sei e con chi sei.

Posso dire con certezza che in montagna ho trovato qualcosa che mi soddisfa, mi piace mi appassiona. Vivo la montagna molto intensamente.

– Pensi un giorno di diventare un’istruttrice?

– Non ci avevo mai pensato, anche se in estate mi ero ritrovata ad insegnare il bambino di una mia amica.

– Cosa consiglieresti a chi vorrebbe imparare l’arrampicata?

– Consiglio certamente di andare in montagna con della gente esperta e non con i principianti. Così riceveranno i consigli e dritte giuste.

Conclusioni

Perché l’arrampicata è diventata così popolare? Perché arrampicare non è solo un’attività adrenalinica, ma è anche fonte di benessere. L’arrampicata ti dà una sensazione di soddisfazione e felicità. Inoltre è uno sport che allena tutto il corpo. Per arrampicare non serve essere forti. Anzi, sarà l’arrampicata a sviluppare la forza perché durante le arrampicate si utilizza ogni singolo muscolo.

Arrampicarsi è benefico sia per il corpo che per la mente. Si arrampica in mezzo alla natura con le persone che hanno la stessa passione per la montagna e condividono insieme le esperienze e soddisfazioni.

A chi mi chiede “Perché vai in montagna?” rispondo: “Se me lo chiedi non lo saprai mai

Ed Viesturs

Le foto e video nel articolo sono state gentilmente concesse da Eva Ksonzkova, e sono stati realizzati realizzate durante le sue attività in montagna.

Vin brûlé

Ricetta di vin brûlé

Vin brûlé - ricetta
Vin Brulé

Qual è la tipica bevanda calda Natalizia? Certamente vin brûlé. Vi proponiamo una ricetta semplice che potete fare da soli in casa per le feste natalizie. Tempo di preparazione – circa trenta minuti.

Ingredienti

  • 1 l di vino rosso corposo;
  • Mezza arancia piccola;
  • Mezzo limone;
  • 1 piccola mela rossa;
  • Mezza noce moscata grattugiata;

ESECUZIONE FACILE

TEMPO PREPARAZIONE 10 min

TEMPO COTTURA 15 min

PORZIONI 4 – 6



Vin brûlé è una bevanda antichissima e ha molte proprietà benefiche. La gradazione alcolica è bassa perché la bevanda viene bollita, ed è quindi adatta a tutti quelli che vogliono assaporare questa bevanda durante le Feste di Natale e le fredde serate d’inverno.

La ricetta originale risale ai tempi di Antica Roma e ai tempi si trattava di una miscela di vino, miele, pepe, foglie di nardo, zafferano e datteri, più qualche erba officinale. Il tutto veniva fatto bollire, per poi essere offerto a fine pasto, come dessert. La ricetta col tempo ha subito le modifiche, per poi arrivare fino ai giorni nostri. Il vin brûlé come lo beviamo oggi ci arriva dalla tradizione nordica, e quindi dalle terre scandinave e germaniche. Generalmente Vin brûlé viene fatto con il vino rosso, ma c’è chi usa anche il bianco. Noi vi proponiamo la classica ricetta con il vino rosso.

Preparazione

  1. Iniziate la preparazione dividendo a metà l’arancia e il limone e tagliate a spicchi la mela.
  2. In un pentolino versate il vino aggiungendo tutti gli altri ingredienti (arancia, limone, mela, noce moscata grattugiata, chiodi di garofano, anice stellato, cannella e zucchero).
Vin brûlé - ricetta semplice
Vin brulé
  1. Ponete sul fuoco e portate all’ebollizione, quindi abbassate la fiamma a fate cuocere a fuoco lento per almeno 15 minuti.
  2. Versate il Vin brûlé in bicchieri o tazze resistenti al calore e servite ben caldo.

Leggi anche “Come creare un’atmosfera Natalizia in casa

10 modi per creare un’atmosfera natalizia

10 semplici modi per creare un’atmosfera natalizia a casa

10 modi per creare un'atmosfera natalizia

Sondaggi dicono che quest’anno la maggior parte degli italiani festeggerà sia il Natale, che il Capodanno in casa. Noi di UltraBeauty abbiamo messo insieme alcune idee, o meglio, 10 modi per creare un’atmosfera natalizia nella tua casa. Ecco le idee che possono aiutarti a creare un’atmosfera da favola.

1. Decoro minimalista

Minimalismo nel decoro natalizio

Minimalismo è sempre più in voga, quindi il classico albero di Natale può essere sostituito con un bellissimo decoro minimalista. Appendi una ghirlanda ad un ramo secco e aggiungi qualche pallina colorata, oppure decora il muro con una composizione di rami secchi naturali arricchiti con orpelli e decorazioni natalizie in stile minimal chic.

10 modi per creare un'atmosfera natalizia

2. I colori del Natale

Verde e bianco è una classica combinazione di Capodanno, che è immediatamente associata agli alberi innevati nella foresta e ai soffici fiocchi di neve. Aggiungi qua e là alcuni accenti rossi e oro e l’atmosfera della festa è garantita.

10 modi per creare un'atmosfera natalizia

3. Creiamo intimità

Hai notato che ci sentiamo più a nostro aggio in un ambiente non troppo illuminato? Ecco perché nei locali e nei ristoranti chic c’è sempre la luce soffusa. Quindi perché non ricreare quest’atmosfera di intimità, tranquillità con un pizzico di misteriosità anche nel periodo di Feste Natalizie? 

Le luci di una ghirlanda, accompagnate da luce soffusa delle candele e le ombre delle fiamme che ballano sui muri faranno sentire la magia delle feste. Se hai un camino, accendilo, il fuoco vivo aiuterà a creare l’atmosfera di una vera casa di Babbo Natale.

Crea intimità con le candele

4. Usa la creatività

10 idee di come creare un'atmosfera natalizia

La miglior ghirlanda di Natale è quella fatta a mano. Puoi sbizzarrirti come vuoi creando la ghirlanda di Natale unica. Puoi utilizzare materiali tradizionali come ramoscelli di abete per creare una ghirlanda di Natale. Ma puoi anche accendere la tua immaginazione e sperimentare. Ad esempio, crea una ghirlanda usando i fiori finti o secchi, oppure utilizza i rami degli alberi con un intreccio di nastri e palline.

5. Due sono sempre meglio di una

Hai preso gusto di creare con le proprie manine? Benissimo! Chi ha mai detto che ci dovrebbe essere una sola ghirlanda di Natale? Puoi utilizzare diverse ghirlande per abbellire la tua casa per le Feste. Ghirlande appese alle finestre rallegreranno l’umore tuo e dei passanti. Usa la ghirlanda più bella come centro tavola e porta candele.

10 modi per creare un'atmosfera natalizia

6. L’argento è bello

Un colore grigio perla è un’ottima alternativa all’oro per le Feste Natalizie. L’argento aiuterà a creare un’atmosfera di lusso discreto, glamour e celebrazione senza eccessivi glitter e orpelli. Puoi decorare l’albero di Natale con palline d’argento monocromatiche e completare tutto con tessuti in una nobile scala di grigi. Ma puoi anche semplicemente creare delle “isole” di decoro festivo come in questa foto.

10 modi per creare un'atmosfera natalizia

7. Tavola festiva

La bella tavola apparecchiata è una parte importante, se non obbligatoria delle Feste Natalizie. Anche qui puoi sbizzarrirti con le idee, libera la tua creatività e non dimenticare le candele!

Tavola di Natale aparecchiata
Fai che il tavolo di Natale di casa tua sia più bello che a ristorante e l’atmosfera di Festa è garantita.

8. Albero di Natale

Un soffice abete sembrerà festoso anche sullo sfondo di un semplice muro grigio. Usa l’albero di Natale artificiale per preservare la Natura. Ma se preferisci, puoi anche acquistare un albero di natale vero nel vaso e poi trapiantarlo nel terreno in primavera. Se hai optato per un’albero vero, affinché possa sopravvivere fino alla primavera, è necessario tenerlo in una stanza fresca (va bene anche sul terrazzo), non dimenticare di annaffiare e spruzzare la corona.

10 consigli su come creare un'atmosfera natalizia

9. Un vestito bello per la regina di casa

Anche se hai deciso di passare le Feste Natalizie in casa, non devi scordare di vestirti bene. Niente jeans e maglia comoda! L’atmosfera della festa non sarà la stessa se non indosserai un vestito bello. Il vestito può essere anche comodo ma deve essere da sera e ti deve piacere, e non dimenticare le scarpe eleganti. Il vestito elegante perde parecchio indossato con le ciabatte da casa.

Tu sei la padrona di casa e la festa inizia da te!

10 modi per creare un'atmosfera di Natale
Sii la Regina della Festa!

10. Manca ancora qualcosa

Hai pensato a tutto: alle candele, alla ghirlanda, all’albero e al tavolo apparecchiato, ma manca ancora qualcosa… Si, manca la musica!

Niente crea l’atmosfera giusta come la musica, o forse è meglio dire che con la musica giusta anche l’atmosfera diventa ancor più magica.

Prepara una playlist della musica che si adatta bene alle feste. Meglio se prepari due o tre playlist diversi, uno l’inizio della serata, quando gli ospiti stanno arrivando, uno per la cena con la musica più tranquilla e un playlist per dopo cena, con la musica allegra e movimentata. Se non hai tempo per preparare le playlist, puoi andare su YouTube e sceglierne una dedicata alle feste di Natale.

Puoi anche mettere le canzoni natalizie con il testo, in questo modo potrai cantarle insieme alla famiglia e agli ospiti. Cantare è un’ottimo modo di passare il tempo insieme, le risate e allegria sono garantite.

Adesso hai pensato veramente a tutto. Non resta che augurarti Buone Feste piene di magia e belle sorprese!

Dolce Gran Natale al Caffè e Gocce di Cioccolato Fondente Bio
Dolce Gran Natale al Caffè e Gocce di Cioccolato Fondente Bio
12,73 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Leggi anche “Come creare una casa accogliente”

Come creare una casa accogliente

Consigli su come creare una casa accogliente e confortevole, in cui non vedi l’ora di tornare

Come creare la casa accogliente
Rendi la tua casa il tuo posto preferito!

Ti sei mai chiesta perché una casa sembra accogliente e un’altra invece no? Perché certe volte un bar affollato sembra più accogliente di una casa? Quali sono le cose che rendono la casa comoda ed invitante? Ho cercato di raccogliere i consigli su come creare una casa accogliente, nella quale non vedi l’ora di tornare alla fine della lunga giornata di lavoro.

Da dove iniziare?

Hai una casa e ti sei accorta che non è abbastanza accogliente? Vorresti cambiare qualcosa, ma non sai esattamente cosa? Da dove iniziare?

Come prima cosa, domandati che tipo di ambiente ti piacerebbe avere? Di che tipo di atmosfera in casa ti farebbe sentire a tuo aggio? Scegli un nome per la tua casa, per farlo pensa a te stessa e ai membri della tua famiglia. Ad esempio, siete una famiglia di persone che amano lo sport, oppure siete dei creativi. Oppure il vostro tratto distintivo è la semplicità in tutto. Ecco, queste caratteristiche devono descrivere e distinguere la vostra casa accogliente. Una volta scelto il nome della vostra abitazione, procedi con la scelta di tre parole che descrivano ogni stanza della casa. Queste parole devono corrispondere all’atmosfera che intendi creare.

Fai spazio

Una volta che hai deciso che atmosfera vuoi avere nella tua casa, fai spazio alle cose nuove. Passa a setaccio una stanza alla volta e butta via tutte le cose che non usi più da diverso tempo. Tutte le cose rotte e vecchie devono essere buttate per lasciare lo spazio ai cambiamenti.

Ovviamente, se hai una cosa antica o vecchia ma ti ricorda qualcuno, come ad esempio la tua nonna, e ti dispiace buttarla via, lasciala. Ma ricordati che troppe cose vecchie ti risucchiano l’energia e creano un atmosfera di vecchiaia e abbandono.

Non fare ostacolare la creazione della casa accogliente da cose che non usi da molto tempo, solo perché “è un peccato buttarli via”. Sono sicura che tutti prima o poi devono affrontato questo problema, perché dopo alcuni anni le nostre case si riempiono di oggetti inutili. Questa roba si accumula negli armadi e sugli scaffali e raccoglie la polvere per anni. Le vecchie cose, già inutili, rendono difficile godersi il presente. A proposito, abbiamo già scritto un articolo sul tema delle cose inutili e dell’ordine in casa.

Questione di luce

Come creare la casa accogliente - questione di luce

Solitamente trattiamo la luce in casa in modo superficiale. Scegliamo un lampadario carino e lo appendiamo al soffitto. Qualche volta aggiungiamo una lampada da terra. Ma forse non sai che la luce è un potente strumento che crea l’atmosfera intima. Provare per credere.

Sarebbe ottimo pianificare l’illuminazione prima di fare una ristrutturazione per nascondere i fili sotto l’intonaco, ma anche dopo si può sempre trovare il modo di aggiungere la luce ambientale.

Guardati intorno, come è illuminata la tua casa? Posiziona dei fonti di luce dove ce ne bisogno, senza lasciare gli angoli bui nella stanza. Metti una lampada da terra accanto alla poltrona su cui ti piace leggere e appendi un’applique sopra il dipinto sul muro. Non dimenticare una lampada da tavolo e un lampadario con luce soffusa. E, naturalmente, le candele sparse qua e la che creano una luce calda e vivace.

Il divano

Come creare una casa comoda e accogliente

Il divano è molto importante, perché influenza la percezione di tutta la stanza. Inoltre il divano porta un grande carico emotivo, perché è un luogo dove puoi rilassarti e riposare. Sul divano si passa il tempo con la famiglia e con gli amici. Sdraiati sul divano a guardare la TV con l’anima gemella, avvolti in una coperta calda durante le domeniche fredde e piovose. Quindi prendi seriamente la scelta del divano per la tua casa accogliente.

Tessili

Casa accogliente, come crearla

Potresti avere dei mobili di un colore neutro e del design semplice, come quelli dell’Ikea, ma la tua casa potrà sembrare ricca e sofisticata, oppure hippy o stravagante. Si può ottenere l’effetto di personalizzazione degli ambienti semplicemente con gli accessori tessili.

Cerca di abbinare le tende, le coperte e i cuscini. Gli accessori devono essere nello stesso stile, se vuoi ottenere l’effetto desiderato. Prova a sfogliare qualche rivista, oppure cerca l’ispirazione su web.

La cosa positiva è che una volta che ti sei stufata dello stile scelto, potrai attuare dei cambiamenti velocemente, semplicemente sostituendo le tende, le coperte e i cuscini.

Il tappeto

Come creare la casa accogliente - tappeti
Il tappeto aggiunge un tocco in più alla tua casa e la rendono più accogliente.

Sapevi che un tappeto può cambiare la percezione della stanza in modo considerevole? Si, è proprio così. Quindi, tra i consigli su come rendere una casa accogliente ci mettiamo anche quello di aggiungere dei tappeti. Scegli un tappetto della dimensione giusta alla stanza e alla zona.

I bambini devono assolutamente avere un tappeto nella loro stanza perché giocano la maggior parte di tempo sul pavimento e un tappeto non solo eviterà i lividi e le sbucciature delle ginocchia, ma potrà prevenire anche i raffreddori ricorrenti.

In commercio si possono trovare i tappeti per tutti i gusti. Anche la scelta dei materiali è molto varia. Anche chi è allergico alle fibre naturali, potrà scegliere un tappeto adatto alle sue esigente, ad esempio uno sintetico.

La tua casa sa di te

La prima cosa che si nota, entrando in una casa, è il profumoIl profumo resta nella memoria e crea la prima impressione. Dunque, è improbabile pensare di creare un ambiente accogliente se la casa odora di umidità, o peggio ancora, di muffa.

Quindi, se la tua casa è umida, per prima cosa dovresti capire da dove proviene questa umidità. A volte basta aerare la stanza più spesso e il problema si risolve da sé. Altre volte invece si scopre che c’è qualche perdita di acqua o infiltrazione da fuori. Ad ogni modo l’umidità eccessiva non solo crea un odore sgradevole ma favorisce la crescita di funghi e batteri, creando un ambiente malsano.

Una volta eliminato il problema dell’umidità, si può procedere con la creazione dell’atmosfera giusta attraverso la miscela di profumi.

Leggi anche “Come scegliere il profumo giusto”

Non significa che devi correre ad acquistare un sacco di profumi per l’ambiente e spruzzare dove c’è un odore sgradevole. L’idea è quella di creare un profumo di base che sia sempre presente nell’appartamento, il profumo di casa che senti non appena entri in casa da fuori.

Profumo di casa

Per creare la miscela dei profumi puoi usare:

  • Diffusore per l’ambiente. Questo tipo di profumazione è adatto ai bagni e le stanze d’ingresso.
Diffusore per Ambiente con Bastoncini - Fiori di Zenzero
Diffusore per Ambiente con Bastoncini – Fiori di Zenzero
16,00 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it
  • Bustine profumate. Le bustine profumate per gli armadi e i cassetti.
Card Profumate per Armadio e Cassetti
Card Profumate per Armadio e Cassetti
10,90 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it
  • Potpourry. Potporry è una composizione realizzata con petali di fiori secchi ed oli essenziali. Si utilizzata per profumare e abbellire gli ambienti. Di solito viene collocata in ciotole di vetro, legno, o in sacchetti di stoffa.
Profumo di casa
  • Candele aromatiche. Le candele oltre a rilasciare il profumo sono anche piacevole da vedere, creano l’atmosfera calda ed accogliente.
Candele profumate - casa accogliente

Quando acquisterai diversi fonti di profumo per la tua casa, cerca di tenere sempre in mente quale sia il tipo di ambiente che vuoi creare, sia la linea generale da tenere. Inutile dire che bisogno scegliere o un unico tipo di profumo, ad esempio rosa, lavanda o gelsomino. Oppure cercare dei profumi che si abbinano bene insieme, senza creare sgradevole sorprese olfattive.

A seconda della stagione o del nostro umore, possiamo cambiare gli odori della casa a nostro piacimento.

Le piante

Creare la casa accogliente con i fiori

Hai notato come si trasforma una stanza quando c’è un bel bouquet sul tavolo? La stanza risulta immediatamente più fresca, gioiosa e confortevole

I fiori freschi rinvigoriscono la stanza e rilasciano un profumo fresco quasi impercettibile. Pertanto, è una buona idea di tenere in casa fiori freschi. Non devi comprare per forza enormi mazzi di fiori. Basterebbero anche tulipani, peonie o margherite in un bel vaso – e la stanza diventa subito più accogliente.

Un’altra opzione sono le piante da interno nei vasi. Creano un ambiente familiare e ben curato. Scegli le piante che ti piacciono e che si abbinano bene allo stile che hai scelto per la tua casa. Le piante devono essere carine e inoltre possono essere profumate, come ad esempio gelsomino, narciso, amarilli, geranio e agrumi.

Dipinti e disegni

Circondati di creatività che ispira. Crea una casa accogliente con i dipinti, disegni, quadri, foto e poster. Appendi le immagini al muro o semplicemente posizionale su un tavolo o su una mensola.

Un dipinto sopra il camino crea un atmosfera unica. Dei quadri grandi appoggiati al muro per un’atmosfera spensierata.

La magia degli specchi

Quando pensi di come creare una casa accogliente, dovresti pensare anche dove posizionare gli specchi. In ogni caso ci deve essere almeno uno specchio, ma qui stiamo considerando gli specchi decorativi.

Uno specchio bello è capace di arricchire un ambiente semplice. Inoltre gli specchi allargano l’ambiente e moltiplicano la luce nella stanza. Pertanto se hai una stanza piccola, ad esempio l’ingresso o il bagno, potresti considerare di mettere uno specchio grande sul muro.

La tua casa parla di te

Creare la casa accogliente che parla di te

Hai uno hobby? Allora perché non mettere in vista le tue creazioni? Ti piace leggere? Allora metti i tuoi libri preferiti sullo scaffale ben illuminato. Se ami dipingere, appendi i tuoi dipinti sui muri della casa. Hai una collezione di macchinine d’epoca? Perché non metterli ben esposti in una bella vetrina illuminata?

Foto, dipinti, libri e vari cimeli raccontano la nostra storia. Con la corretta disposizione di questi oggetti, ottieni una casa viva che parla di te.

Ecco, quest’ultimo consiglio forse è quello più importante di tutti quando si parla di come creare una casa accogliente. Perché casa tua è accogliente quando ti trasmette la tranquillità, il calore e i tuoi valori. La casa tua parla di te e di conseguenza non vedi l’ora di tornarci. In una casa accogliente riesci a riposare non solo fisicamente, ma anche mentalmente. Quella sensazione di pace e tranquillità, che solo una casa accogliente ti trasmette, non ha prezzo.

Cyclette o Tapis roulant?

Cosa è meglio: Cyclette o Tapis roulant?

Cyclette o Tapis roulant

Quante calorie puoi bruciare e in che modo le attrezzature sportive come cyclette o tapis roulant agiscono sulle articolazioni e muscoli, ma anche sullo sforzo di cuore e polmoni. Vediamolo insieme.

Quante calorie puoi bruciare

In mezz’ora di jogging (8 km/h) su tapis roulant, una persona di 60 kg può bruciare 335 kcal. Correndo più velocemente, come ad esempio ad una velocità di 12 k/h, verranno bruciate 465 kcal nello stesso tempo.

30 minuti di esercizio su una cyclette invece, ad un ritmo confortevole, ti faranno bruciare solamente 260 kcal e un allenamento più intenso brucerai fino a 391 kcal.

Quindi, brucerai il 15-20% in più di calorie su tapis roulant rispetto ad una cyclette facendo l’esercizio alla stessa intensità.

Ma questo non significa che tutti coloro che vogliono perdere peso debbano dimenticare della cyclette. Spesso, coloro che devono perdere molto peso, è meglio che non corrano affatto, perché la corsa causa lo stress alle articolazioni.

Cyclette e Tapis roulant e le articolazioni

Cyclette o tapis roulant, cosa scegliere

Quando corri, i piedi si appoggiano sulla pista continuamente durante la corsa. Le tue articolazioni quindi ricevono gli urti con il carico uguale al tuo peso corporeo. Questo può provocare le lesioni alle articolazioni, soprattutto se l’indice di massa corporea è molto più alto del normale. Ma anche se il peso corporeo è nella norma, ma la persona ha i piedi piatti le articolazioni ne soffrono, perché un piede piatto non è in grado di assorbire i colpi.

A differenza di un tapis roulant, una cyclette non sforza le articolazioni ed è, quindi, più adatta alle persone in sovrappeso.

Ma è utile sapere che anche i corritori professionisti usano la cyclette perché con la cyclette è possibile allenare l’apparato respiratorio e il cuore, senza sforzare eccessivamente le ginocchia.

Cosa è meglio per cuore e polmoni, cyclette o tapis roulant?

Sia il tapis roulant che la cyclette aumentano la capacità aerobica del corpo, cioè la capacità di consumare e utilizzare più ossigeno per il lavoro muscolare, e rafforzare il sistema cardiovascolare. Ma la corsa su tapis roulant lo fa un po’ meglio.

Consumo massimo di ossigeno durante la corsa su tapis roulant è superiore rispetto all’allenamento sulla cyclette, perché il cuore batte più spesso. Inoltre, tapis roulant ti obbliga a mantenere il ritmo impostato. mentre la cyclette ti consente di allenarti in un ritmo confortevole.

Per rendere l’allenamento sulla cyclette più efficace, prova di allenarti a intervalli ad alta intensità. In questo modo aumenterai la frequenza cardiaca e il consumo massimo di ossigeno.

Spezza il tuo allenamento sulla cyclette in diversi intervalli a diverse intensità. Ad esempio, puoi pedalare ad alta velocità per 60 secondi, poi altri 60 secondi ad un ritmo calmo per recuperare. Fai gli allenamenti ad intervalli a velocità alternata, della durata complessiva di 10-30 minuti.

Quali muscoli lavorano su cyclette e tapis roulant

Cyclette o tapis

A causa della posizione del corpo e del movimento delle braccia durante la corsa, lavorano i muscoli della parte superiore del corpo e anche i muscoli della schiena si tendono. Quando pedali, fai lavorare solamente i muscoli delle gambe ed è piuttosto monotono perché per lo più si tratta di contrazioni muscolari concentriche, in cui i muscoli si accorciano e si distendono.

La corsa, invece impone la contrazione dei muscoli più intensa e maggiore, facendo crescere la muscolatura più velocemente. Ma è anche vero che dopo aver corso le gambe ti faranno più male rispetto alla pedalata.

Ricapitoliamo

  • Se il tuo obiettivo è quello di dimagrire, tonificare i muscoli e aumentare la tua capacità cardiorespiratoria, allora scegli tapis roulant.
  • Se invece hai molto peso in eccesso, piedi piatti o problemi articolari, allora dai la preferenza ad una cyclette.
  • Negli esercizi cardio, nella corsa è più importante la regolarità. Pertanto, ti consigliamo di scegliere gli esercizi che ti piacciono e non solo quelli che ti fanno bruciare le calorie più velocemente, perché se ti affatichi troppo durante i primi allenamenti, il rischio che abbandoni l’esercizio è molto alto. Meglio meno, ma con costanza.
  • Quando prenderai abitudine ad allenarti con costanza, potrai pensare ad aumentare l’intensità alternando la pedalata libera con un allenamento a intervalli ad alta velocità. Questo ti aiuterà a bruciare più calorie e a rafforzare il tuo sistema cardiovascolare.

Leggi anche “Dimagrire camminando”

Posti migliori per conoscere uomini

Dove cercare il tuo destino

Posti migliori per incontrare uomini

Sento spesso pronunciare una domanda ritorica: “Ma dove si può incontrare un uomo normale?” Alcune donne sono talmente disperate che lo scivono anche sui social che non c’è modo di conoscere un uomo per bene. Ma la cosa sorprendente che spesso si tratta di donne molto attraenti, intelligenti e colte. Perché non hanno un compagno è un mistero. Dovrebbero essere piene di attenzioni da parte degli uomini, corteggiate e apprezzate. Ma sapete una cosa? Queste donne frequentano i luoghi sbagliati. Stanno cercando l’uomo giusto nel posto sbagliato. Dunque, quali sono i posti migliori per conoscere uomini? Abbiamo chiesto agli uomini stessi ed è nato questo articolo. Iniziamo dai posti sbagliati.

Teatri e mostre

Dimentica testri e mostre. Ma anche al cinema non si incontra proprio nessuno. Le mostre apparentemente sembrano luoghi perfetti per conoscere uomini colti, ma l’80% dei visitatori sono donne. Gli uomini vengono alle mostre in compagnia delle moglie e fidanzate.

Siti d’incontri

Le donne arrivano a registrarsi ai siti d’incontri quando sono già disperate e stanche di essere sole. Probabilmente è successo a te o alla tua amica di essersi registrata su qualche sito d’incontri ed essere subito contattate dai “stalloni” di turno. Dopodiche si fissava un appuntamento, seguito da una grande delusione. Lo stallone si rivelava o stupido, o maniaco, o qualcos’altro di poco piacevole. Forse ci sono anche gli uomini “normali” sui siti di incontri, ma è una piccola percentuale. Rischi di esaurirti e cadere in depressione incontrando quelli sbagliati, prima di inciampare in quello giusto. Il mio consiglio è di non perdere tempo su questi siti, se vuoi avere una relazione seria.

Locali

Alcune donne sono convinte che i posti migliori per conoscere uomini sono ristoranti, bar, locali e pub. Niente di pià sbagliato! Nei locali per bene al vostro tavolo non si siederà nessun uomo per bene, perché è di cattivo gusto. Ma nei pub, bar e locali da ballo sicuramente si avvicinano. Gli uomini ubriachi nei locali sono sempre in cerca della pollastra da portare a letto dopo essersi divertito con gli amici. Ma noi qui stiamo parlando di voler costruire una relazione seria, vero?

Posti migliori per conoscere uomini

Quindi, ecco l’elenco dei posti migliori per conoscere uomini per una relazione stabile, come vorrebbero le nostre donne.

Trasporti pubblici

Posti migliori dove incontrare uomini - Trasporti pubblici

Non storcere il naso! Nella metro o anche nei treni si può tranquillamente incontrare il tuo destino. Se credete che nel trasposti pubblici viaggiano solitamente i poveracci o sfigati, vi sbagliate di grosso. Nei trasporti pubblici si può incontrare spesso gli uomini d’affari, attori, manager e direttori. Uomini, quali non possono permettersi di perdere il tempo prezioso stando fermi del traffico, quindi scelgono di viaggiare sui trasporti pubblici. Aggiungiamo poi l’assenza di parcheggi nei centri, cappiamo che il trasporto pubblico adesso viene utilizzato anche quei uomini che hanno resistito fino all’ultimo.

Quindi, se sei su un treno e ti piace quel uomo in giacca e cravatta, lanciagli un paio di sguardi e un sorriso misterioso. Se non farà il primo passo, vuoldire che o è gay, oppure è un marito fedele.

Un altro posto meraviglioso per incontrare un uomo è l’aereo. Certo, non puoi prevedere chi si siederà accanto a te. Ma se si è seduto un uomo distinto, che ha un profumo elegante e non ha l’anello al dito, buttati e prendi l’occasione al volo. Inizia una conversazione disinvolta, con la frase tipo: “Ho una paura di volare!” E se lui ti offrirà un caffé dopo che siete atterrati, accetta.

Matrimonio

Posti migliori dove incontrare uomini - Matrimonio

Non tuo ovviamente. Il matrimonio dell’amica o del amico è un altro dei posti migliori per conoscere uomini. Perché al matrimonio ci sono gli ospiti scelti con cura, quindi tutta gente per bene. Poi c’è l’atmosfera di allegria e dell’amore, accompagnato tutto da buon vino e cibo. Conosco molte coppie sposate che si sono conosciuti proprio al matrimonio degli amici. L’importante è non bere troppo, per non addormentarsi in qualche angolo. Ma anche se bevi un po’ di piu, fa niente. Chi ti starà sempre vicino e offrendo la sua mano per farti stare in piedi è il candidato perfetto.

Maratona

Posti migliori dove incontrare uomini - Maratone
Lo sport è sempre legato all’ottimismo, sensualità, bellezza e donne.

Correre in mezzo alla folla è divertente, ma è importante tenere in mente il motivo per cui lo fai. No, non è quello di arrivare per prima, è una cavolata. Guardati intorno, ci sono tanti uomini carini, con un fisico tirato. Si capisce subito che ci tengono alla salute, non fumano, non bevono e non perdono tempo per le cavolate. I stupidi e i pigri non corrono nelle maratone, loro dormono fino a tardi e poi di notte frequentano i locali dove bevono per soffocare la rabbia contro tutto il mondo e contro le donne.

Nelle maratone ci sono molto uomini per bene. E tu ovviamente sei vestita in modo da mettere in evidenza le parti del corpo migliori, come ad esempio un sedere tosto o il seno prosperoso, ma attenzione l’abbigliamento deve essere sportivo e non volgare (ma tu lo sai già queste cose). Solo un cretino lascerà scappare una donna del genere. E anche lì, se l’uomo prescelto non ci prova, vorrà dire che è già impegnato. Passa oltre a cercare il tuo destino con gambe muscolose.

Lo stesso discorso vale anche per le gare non proffessionali di ciclismo o altro. Perché lo sport è sempre legato all’ottimismo, sensualità, bellezza e donne. Tutto è nelle tue mani, o piedi, come preferisci.

Puoi prendere in considerazione altre persone della tua infanzia, come ad esempio il ragazzo che veniva al mare insieme a te, oppure il figlio dei vicini di casa della tua nonna, con il quale andavate a prendere il gelato insieme. Perché questi ex ragazzi li conosci già e sai che sono carini e affidabili. Insomma sono i mariti ideali.

Scuola

Qui parliamo della tua scuola, dei tuoi ex compgani di classe. Vale la pena di frequentarli. Ti aspettano le scoperte sorprendenti. Il Matteo, che ti corteggiava goffamente nella prima media e quale tu prendevi in giro, si rivelerà improvvisamente essere in possesso delle spalle larghe e della fabbrica di infissi. Ed è celibe!

Gli ex compagni di classe sono ottimi pretendenti per una storia seria. Perché vi conoscete da diverso tempo, conosci almeno un po’ i suoi genitori. Avete molti amici e argomenti in comune e al primo appuntamento sociramente non ti annoierai. Conosco un paio di coppie di compagni di classe che si sono incontrati dopo anni e hanno capito che non potevano stare uno senza l’altra. Perché da adulti la chimica del rapporto è completamente diversa.

Partite di calcio

Non sei mai stata ad una partita di calcio allo stadio? Non avere paura, acquista il biglietto e vai. Se hai molta paura, vai con un amica. Però, devi scegliere le partite epocali, importanti. Solo in quelle occasioni i migliori uomini della città e del paese si riuniscono allo stadio. E’ vero che puoi sentire il linguaggio volagre se il pallone della squadra preferita finirà nel posto sbagliato, ma non farci caso. Il pubblico maschile è relativamente calmo nelle tribune centrali, e i tifosi piu violenti e agguerriti sono nei settori dietro i cancelli. Insomma, ad una partita c’è il divertimento e l’attenzione è rivolta non solo alla partita ma anche alle donne.

Se credi che il tipico fun di calcio sia un uomo grezzo, aggressivo e puzzolente, ti sbagli. Perché lo stadio è come lo stabilimento balneare, ci vanno tutti e sono tutti uguali. Alle partite ci puoi trovare informatici, dottori, uomini d’affari e persino professori. E i fan di calcio sono sempre cortesi con le donne, questa è un aregola non scritta dei fun, una specie di codice d’onore.

Una precisazione importante: devi osservare il dress code. Se vai nel settore di Juventus, metti i vestiti del colore adueguato. Non confondere i colori e il settore, per i fun i colori sono molto importanti!

Corsi e conferenze

Si può incontrare l’uomo giusto anche nei club di hobby, come ad esempio club di alpinismo, sempre se ti piace. Oppure frequentando club sportivi, conferenze e corsi di formazione per i professionisti ( e non per disoccupati). Gli uomini per bene, con la mente sana solitamente frequentano questi posti. Nelle pause caffé puoi scambiare due chiacchere con gli uomini, scambiarsi i biglietti da visita e chissà se da cosa non nasce qualcosa.

Come vedi, ci sono diversi posti per conoscere uomini e dove puoi incontrare il tuo destino. Ma ricordati un consiglio, non “sposare” il primo uomo conosciuto. Prendi il tempo per conoscersi bene. Perché se quest’uomo è single, ha gli amici altrettanto liberi e chi lo sa se il tuo vero amore non si trova proprio tra essi. Conosci, socializza e scegli con cura.

Leggi anche “Perché è importante avere un hobby”

Come risparmiare correttamente

Come risparmiare su tutto senza svantaggi

Come risparmiare correttamente

La domanda su come risparmiare denaro è rilevante sempre e ovunque. Si tratta dell’opportunità per allungare lo stipendio in modo che sia sufficiente per tutte le cose essenziali e, a lungo termine, riuscire a creare un “salvadanaio” per qualsiasi evenienza. Il “cuscino finanziario” può servire nel caso di forza maggiore. Dunque, vediamo insieme come risparmiare correttamente i soldi senza sentirsi alle strette.

Come iniziare a risparmiare

Spesso ci sembra che non è possibile risparmiare ulteriormente, eliminiamo le cose che crediamo inutili e ci neghiamo tutto. Mangiamo cibo che non ci piace e non compriamo ciò che vogliamo ma non basta.

E’ importante capire che evitare qualsiasi spesa non significa risparmiare. I risparmi sono associati di più alle abitudini costose che una persona sviluppa nel corso della vita. Alcuni semplici trucchi alleggeriranno seriamente il budget familiare senza causare alcun disaggio.

Come imparare a risparmiare

Come risparmiare
  • Stabilire un budget. Questa è la prima e la più importante regola. Secondo una ricerca, il 90% delle persone che hanno le spese che superano i guadagni non hanno una lista di spese pianificate e quindi non rispettano il budget.
  • Stabilire obiettivi specifici. Ridurre i costi per il bene di un’idea teorica è inefficace. Numerosi studi confermano che il cervello umano è formato solo per eseguire scopi specifici. Ad esempio, il generico e teorico “voglio perdere peso” sarà molto meno efficace rispetto a “voglio pesare 60 chili”.

Allo stesso modo, il teorico “voglio spendere meno” sarà meno motivante del “voglio risparmianre n° XY di euro ogni mese per comprare un’auto/computer/bicicletta, ecc”.

  • Essere meticolosi. Come si usa dire, il diavolo si nasconde nelle piccole cose. Sei andata al mercato dall’altra parte della città a fare la spesa e credi di aver risparmiato sul prezzo? Hai contato i soldi della benzina ed eventualmente dell’autostrada? Hai risparmiato veramente? Forse se andavi a fare la spesa più vicino avresti risparmiato non solo i soldi ma anche il tempo. Hai scelto un prestito con un tasso di interesse basso? Hai contato i costi delle commissioni aggiuntive?

Dunque, quando scopri un nuovo modo per risparmiare il denaro, cerca di pesare tutte le spese che rientrano. Per gli oggetti, questa può essere la durata del loro utilizzo. Per gli elettrodomestici è il consumo di elettricità a determinare la convenienza. Se una lavatrice costa poco ma consuma elettricità in modo spropositato, forse non è un buon affare. Per quanto riguarda invece i prodotti finanziari, si devono prendere in considerazione commissioni, multe, costi di transazione, e altri costi aggiuntivi.

  • Cerca sempre il prezzo più conveniente ma senza andare a ledere la qualità. Inutile comprare la maglietta che costa poco ma dopo due lavaggi è da buttare.
  • Comprare gli abiti di stile classico che non passano di moda da una stagione all’altra. In questo modo si può risparmiare un bel po’ di soldi.

Leggi anche “10 capi che non passeranno mai di moda”

Come risparmiare sul cibo correttamente

  • Crea un menu settimanale e/o mensile e seguilo. Fino al 50% delle tue spese alimentari viene buttato via perché va a male.
  • Fai gli acquisti all’ingrosso. Fai la spesa più consistente per alcune settimane a venire oppure, se preferisci, organizzati con gli amici, parenti o vicini di casa per fare acquisti all’ingrosso.
  • Cucina la quantità adeguata del cibo. Calcola esattamente quanto devi mangiare in modo che tutti i tuoi familiari siano sazi ma senza lasciare troppo cibo nei piatti.
  • Le proteine e i carboidrati complessi sono più convenienti oltre ad essere anche più sani. Gli alimenti contenenti carboidrati semplici, come pane e pasta, sono più ricchi di calorie. Ma a causa dei picchi di insulina che procurano all’organismo, causano gli attacchi di fame improvvisi. Così finisci per mangiare di più e quindi spendi di più.
  • Opta per i dessert sani da avere in casa. “Vorrei qualcosa di gustoso” improvviso e non pianificato può consumare fino al 30% di più della spesa alimentare.

Potrebbe interessarti anche “10 trucchi per mangiare di meno”

Come risparmiare l’acqua correttamente

Oltre ai consigli di chiudere l’acqua durante l’insaponamento e poi cercare di riaprire l’acqua con gli occhi chiusi e le mani insaponate, ci sono alcuni consigli abbastanza razionali che possono aiutare a risparmiare l’acqua correttamente.

  • Controlla la doccia, se è vecchia forse è il caso di cambiare. Perché i modelli moderni sono fatti in modo di riempirsi e rilasciare l’acqua più lentamente. In questo modo risparmi il consumo di acqua.
  • Lava i vestiti una volta a settimana. Aspetta di avere una quantità di vestiti sporchi tale da riempire la lavatrice. Usare tutti i giorni la lavatrice per lavare solo alcune magliette di certo non ti fa risparmiare ne l’acqua ne l’energia elettrica.
  • La stessa regola di prima vale anche per la lavastoviglie. Inutile accenderla se hai pochi piatti. O lava a mano nel lavandino oppure aspetta che si riempie completamente.

Come risparmiare l’energia correttamente

  • Doppia tariffa. E’ utile per coloro che durante il giorno non ci sono.
  • Scollega dalla presa tutto ciò che non usi. Forse non lo sai che anche quando il dispositivo è spento, l’energia continua a “fuoriuscire”.
  • Spegni il forno 5 minuti prima che il cibo sia pronto. I forni e i fornelli elettrici si raffreddano lentamente. Non devi preoccuparti dell’induzione quindi.
  • Fai bollire una quantità di acqua limitata. L’abitudine di far bollire tanta acqua porta a spese inutili ed evitabili.

Come risparmiare benzina

  • Fai il rifornimento al fresco. Quando è caldo, la benzina emette i vapori che hanno un volume. Di conseguenza, fino al 5% del rifornimento può essere sprecato in vapore senza valore.
  • Guida in modo sicuro. Sembra un consiglio ovvio, non solo per la sicurezza, ma anche per il risparmio. Un cambio repentino di velocità provoca un consumo di carburante maggiore, fino al 25% in più.
  • Fai i controlli dell’auto regolarmente. Fino al 30%- 50% degli sforamenti di budget sono causati da piccoli malfunzionamenti della macchina.

Come risparmiare su budget familiare correttamente

Come risparmiare correttamente - budget familiare
  • Tieni una contabilità familiare. E’ conveniente pianificare le spese non solo per mesi, ma anche per giorni. Questo ti consentirà di analizzare molto accuratamente ciò che sta accadendo. Il secondo punto importante è l’uso dei grafici. I blocchi colorati ti mostreranno dove viene spesa la maggior parte dei soldi. Ci sono diversi programmi e app per tenere la spesa familiare sotto controllo. Puoi anche farlo semplicemente usando i fogli di calcolo Exel.
  • Scegli i prestiti e i prodotti finanziari con saggezza. Secondo alcuni studi, uno dei primi motivi della creazione del buco finanziario è quella di scegliere il prestito in modo frettoloso e senza valutare rischi e benefici.

Puoi anche fare un corso gratuito di contabilità per capire meglio la logica di contabilizzare entrate e uscite familiari.

Pulizia di casa per cambiare vita

7 passi per cambiare la tua casa e la tua vita

Pulire la casa per cambiare la vita

Ti è mai capitato di iniziare a pulire… e non finire, e in casa c’era ancora più disordine di prima? Magari stavi per mettere una vecchia cartolina nella scatola, e dopo un paio d’ore eri ancora lì a rileggere le vecchie lettere di dieci anni fa? Un giorno di ferie perso nel vano tentativo di mettere in ordine la casa, ma dopo un po’ tutto è tornato come prima? Perché l’appartamento viene di nuovo riempito di cose inutili, giorno dopo giorno. Alla fine gli armadi sono strapieni, ma tu come al solito non hai niente da indossare. Poi ci si mettono anche i bambini e gli animali domestici che hanno una concezione del ordine tutta loro. Questi e altri casi simili hanno sicuramente depositato nel tuo cuore una struggente tristezza legata alla parola “pulizia”. Ma se ti dicessimo che il riordino è strettamente collegato ai cambiamenti positivi? In effetti, la pulizia di casa può essere utile per cambiare la tua vita in meglio.

Fare spazio al nuovo


Non ti piace pulire? Non sei l’unica. Ma si può prendere la pulizia con filosofia. Forse non lo sai che pulizia di casa è infatti un rito quasi magico per mettere in ordine non solo lo spazio circostante, ma anche la vita dei suoi abitanti. Mettendo in ordine le cose in casa, fai l’ordine nella tua testa, nei tuoi affari e persino nel tuo futuro. Lo so che può sembrare assurdo, ma è così. In effetti, affinché avvengano i cambiamenti desiderati, è necessario fare spazio per questi cambiamenti.

7 passaggi per pulire la casa:


Noi di UltraBeauty abbiamo raccolto alcuni segreti che forse ti faranno cambiare idea sulla pulizia della casa. Ecco i sette passaggi per mettere in ordine la tua casa e di conseguenza la tua vita:

Primo passo


Agisci rapidamente. Il segreto principale del successo nelle pulizie di casa è agire velocemente. Se lo fai in ​​un colpo solo, e non gradualmente, puoi cambiare in modo permanente il tuo pensiero e le tue abitudini di vita. Questo significa che non devi leggere gli appunti trovati, non devi riguardare le fotografie, non devi sfogliare i libri e non farti distrarre dalla tv. Agisci e tieni presente che l’unico tuo obiettivo è mettere le cose in ordine.

Poster Motivazionale sulla Positività

Secondo passo

Agisci in modo ordinato. Devi agire inesorabilmente e con decisione, una stanza alla volta, muovendosi in senso orario. Spostati nella stanza successiva solo quando tutto è in ordine nella precedente.

Terzo passo

Agisci con sicurezza. Una pulizia efficace prevede solo due passaggi essenziali, il primo è eliminare il superfluo e il secondo è determinare dove riporre il necessario. Ciò richiederà la tua determinazione a separarti da cose inutili.

Pulizia-della.casa-pulizia-della-vita

Passo quattro

Tira fuori tutto dagli armadi. In pratica non devi spostare le cose da uno scaffale all’altro, ma liberare completamente lo spazio dell’armadio. Il tuo compito quindi sarà quello di riportare sugli scaffali non tutto quello che c’era, ma solamente ciò di cui hai veramente bisogno, combinando le cose in gruppi e piegandole con cura.

Quinto passo

Prendi decisioni. Hai trovato una cosa vecchissima? Butta via. Hai delle cose rotte e rovinate, che non svolgono le funzioni al cento per cento? Butta via. Hai dubbi se ti serve o no? Butta via. Le cose vecchie e rovinate “rubano” le tue energie e occupano spazio che potrebbe essere occupato da qualcosa di nuovo e funzionante.

Leggi anche “Perché è importante avere un hobby”

Sesto passo

Implementa le idee. Al giorno d’oggi, quando l’informazione visiva regna sovrana, probabilmente ognuno di noi ha una raccolta più o meno ampia di idee per organizzare lo spazio e conservare le cose. Quelle stesse immagini magiche da Internet che toccano le corde sottili della nostra anima e restano per sempre in attesa di tempi migliori. Non aspettare questo giorno, metti in pratica i consigli e agisci ora facendo del tuo meglio.

Settimo passo

Credi nelle cose buone. I saggi dicono che non possiamo controllare gli eventi, ma possiamo interpretarli. E, se ci pensi, è una forza grande e potente, quella di dare significato alle cose. Quando scegli uno spazio, cerca di farlo a tutti i livelli, per cambiare in meglio la tua casa e la tua vita. 

Pulizia della casa

Dunque abbiamo scoperto che pulizia di casa serve per cambiare vita. Perché buttare via le cose inutili aiuta a separarsi da abitudini obsolete e dannose. Pulendo le finestre, ad esempio, fai entrare nuova energia in casa. Infine, investendo tempo e fatica nel riordino della tua casa, non dubitare mai che così facendo stai moltiplicando l’amore tra quelle mura. Buone pulizie e buona nuova vita!

Leggi anche “10 capi che non passeranno mai di moda”

Perché è importante avere un hobby

Come un hobby può influenzare la tua vita

Perché è importante avere un hobby

I nostri hobby sono una fonte di energia e positività. In età adulta, spesso spingiamo le nostre gioie personali ai margini della vita quotidiana, non vogliamo dedicare il tempo, ma non è un bene. Perché è importante avere un hobby e come questo può influenzare la tua vita, lo scopriamo insieme in questo articolo.

Il lavoro non è il senso della vita

Se vivi solo per il tuo lavoro, dovresti rifletterci seriamente. Quando il cervello è concentrato sempre e solo sul lavoro, il modo di pensare diventa limitato, le idee si esauriscono e alla fine anche il lavoro smette di portare i risultati necessari. Perché, anche se sembra strano, ma per lavorare bene e poter trovare delle nuove soluzioni, è necessario riservare spazio anche a qualcos’altro che sia completamente diverso dal tuo lavoro, energizzante, piacevole e rilassante. L’ispirazione e le nuove idee arrivano quando abbiamo la mente libera. La nostra psiche ha bisogno di riposo.

Un hobby ti fa sentire vivo

Perché è importante avere un hobby - Pittura
Hobby stimola costantemente il cervello a trovare nuove soluzioni, lo rende più creativo ed elastico.

Un hobby non è qualcosa a cui sei pigramente dipendente. Hobby è la tua vera passione, un qualcosa che ti dà piacere, quel qualcosa che ti fa ribollire il sangue nelle vene di eccitazione e fa brillare i tuoi occhi. Il tuo hobby è un’attività che ti piace esplorare a fondo e migliorare costantemente. Ecco perché è importante avere un hobby. Perché una vera passione concreta per una causa particolare stimola costantemente il cervello a trovare nuove soluzioni, lo rende più creativo e più “elastico” in generale.

Bottiglia Termica - Arty Collection
Bottiglia Termica – Arty Collection
23,92 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Ogni hobby apre delle nuove abilità

Un altro motivo del perché è importante avere un hobby, è che il cervello ama le sfide. Pertanto, la curiosità con cui impari qualcosa di nuovo ripagherà cento volte tanto. Potresti scoprire di essere in grado di fare qualcosa che nemmeno immaginavi. Puoi scoprire di avere un qualche tipo di talento e saper vedere qualcosa che gli altri non vedono. Con hobby scopri i tuoi nuovi lati positivi. Dedicando il tempo alla tua attività preferita puoi portarti su un nuovo percorso di vita, dove non ci sarà la noia sul lavoro. Questo può significare un nuovo slancio, una svolta insolita ed impensabile per il business e la tua vita in generale.

Gli hobby creano nuove connessioni

Seguire il tuo interesse e la tua passione porta a incontrare nuove persone interessanti ed entusiaste. E queste nuove connessioni sono spesso molto utili anche per la tua attività principale.

Hobby e creatività

Perché è importante avere un hobby - Creazione gioelli

La passione è sempre la pura gioia della creatività, perché insegna al cervello a pensare in modo creativo e aiuta ad entrare in uno stato di “flusso”, quando la soluzione migliore ci arriva in modo naturale.

Pensiero positivo e hobby

Il pensiero positivo non è scontato e ha bisogno di essere praticato. Ad esempio, quando vedi che qualcosa sta già funzionando e ti porta piacere, sei più stabile psicologicamente e percepisci la realtà in modo più positivo.

L’hobby infatti ha la funzione di compensazione, perché permette di fermarsi e “respirare”. Perché permette di essere felici almeno nel mezzo del processo. Questo è molto importante, e anche solo per questo vale la pena di avere un hobby.

Bottiglia Termica - Fiori Rossi
Bottiglia Termica – Fiori Rossi
23,92 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Leggi anche “Mindfulness che cos’è”

I figli delle stelle

Che aspetto potevano avere figli dei vip, se non si lasciavano ma mettevano su una famiglia

Figli dei Vip creati con App

Non ti è mai capitato di pensare perché questo celebre coppie di star non hanno fatto i bambini e se li avrebbero fatti che aspetto potevano avere oggi? Giochiamo con le app a creare i figli delle stelle!

Acquista Online su SorgenteNatura.it

Johnny Depp e Kate Moss

Ti ricordi quando Johnny stava con Kate? Erano i mitici anni ’90 e loro erano giovani e folli! La coppia bella e dannata. Anche se si sono lasciati più di venti anni fa, rimangono una delle coppie più belle ed iconiche di quei anni.

Kate ha dei ricordi molto belli sul Johnny, in un’intervista ha detto:

” Nessuno è mai riuscito a prendersi cura di me. Johnny l’ha fatto per un po'”.

Quando erano insieme Moss firmava i contratti con le case di moda più importanti, era il suo periodo d’oro. Depp stava ottenendo dei ruoli importanti come “Deade Man“, “Don Juan de Marco“, “Ed Wood“. Johnny aveva già alle spalle un matrimonio con una truccatrice e diversi fidanzamenti con le attrici più o meno famosi: Sherilyn Fenn, Jennifer Grey, Winona Ryder e Juliette Lewis.

red-rose-style
Torna di moda lo stile Minimal Chic! Acquista qui i prodotti con questa splendida rosa rossa.

Kate e Johnny si sono incontrati al Café Tabac di New York, Johnny era avvolto dal fumo della sigaretta e intento a bere il suo whisky, indossava una giacca di pelle ed era irresistibile, lei era spettinata con un vestitino leggero e look leggermente selvaggio che la contraddistingue da sempre. Fu un colpo di fulmine? Chi può dirlo?! Ma la loro storia è durata quattro anni, dal 1994 fino al 1998.

Leggi anche “Alice Cooper ha difeso Johnny Depp”

Dopo essersi separati entrambi hanno voluto costruire relazioni durature. Lei con Jefferson Hack, uno dei creatori della famosa rivista “Dazed & Confused” e lui con la modella Vanessa Paradis. Entrambi hanno avuto i figli dalle loro relazione. Ma se avessero avuto i figli mentre stavano ancora insieme, che aspetto avrebbero avuto i loro bambini?

Figli delle stelle Johnny Depp e Kate Moss:

Bambini di Johnny Depp e Kate Moss, se avessero fatto i bambini che aspetto avrebbero
Bambini di Johnny Depp e Kate Moss
Kit Anticellulite con Olio di Betulla + Coppetta "Addio Cellulite"
Kit Anticellulite con Olio di Betulla + Coppetta “Addio Cellulite”
34,90 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Brad Pitt e Jennifer Aniston

Brad e Jennifer sono stati insieme per sette anni, cinque dei quali da sposati. Per tutti era la coppia ideale prima che si sono lasciati. Non ci è dato sapere come si sono conosciuti ma correva l’anno 1998.

La coppia stellare aveva ufficializzato la loro storia comparendo insieme al concerto di Sting. In seguito si sono sposati nel 2000 e per un po’ erano considerati una delle coppie più felici di Hollywood. Finché lui non incontrò Angelina Jolie sul set di Mr. e Mrs. Smith. Sappiamo tutti come è andata a finire. Ma se Brad Pitt e Jennifer Aniston non si sarebbero lasciati, avrebbero potuti avere dei figli. Scopriamo che aspetto avrebbero potuto avere. Guardate quali bei bambini ha creato la App usando le foto delle due star, belli vero?

Figli delle stelle Brad Pitt e Jennifer Aniston:

Brad Pitt e Jennifer Anniston, figli delle stelle
Figli di Brad Pitt e Jennifer Aniston

Angelina Jolie e Billy Bob Tornton

Billy Bob Tornton era il secondo marito di Angelina Jolie. I due attori si sono innamorati sul set del film Pushing Tin nel 1999. Era un amore folle: i due indossavano le fiale del sangue uno dell’altro, si scambiavano la biancheria intima e concedevano dei comportamenti bizzarri.

Dalle foto che risalgono al tempo del loro matrimonio la Jolie sembra veramente innamorata, lo sguardo che forse non ha mai avuto per Brad Pitt…

Cioccolatini al Latte e Fondenti ripieni Assortiti Bio
Cioccolatini al Latte e Fondenti ripieni Assortiti Bio
12,65 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Comunque il loro folle matrimonio durò solo due anni dopodiché i due si lasciarono. Lei si è data alla politica e alla beneficenza e ha perso quello scintillio negli occhi, diventando la classica icona di Hollywood. Billy Bob continuò la vita di prima, scrivendo la musica e lavorando nel mondo del cinema. In una delle interviste ha ammesso che non si è mai sentito abbastanza per Angelina e addirittura aveva un po’ paura di lei. Forse venti anni di differenza nell’età si faceva sentire o forse la Jolie era troppo folle nell’amore? Chi può dirlo. Ma se durante quel breve matrimonio invece di adottare il suo primo figlio, Angelina Jolie avrebbe deciso di avere un figlio o una figlia da Billy Bob Tornton?

Figli delle stelle Angelina Jolie e Billy Bob Tornton :

Angelina Jolie e Billy Bob Tornton e figli delle stelle
Figli creati dalla app di Angelina Jolie e Billy Bob Tornton
Spumante Prosecco DOC Extra Dry “Collezione di Famiglia”
Spumante Prosecco DOC Extra Dry “Collezione di Famiglia”
9,90 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Keanu Reeves e Charlize Theron

Un’altra bellissima coppia erano Keanu Reeves e Charlize Theron. Prima di mettersi insieme i due attori avevano girato insieme due film: Avvocato del Diavolo nel 1997 e Sweet November nel 2001. La loro storia fu beve ma intensa, che durò tra il 2009 e il 2010.

Peccato che si sono lasciati, se la loro love story diventava un matrimonio potevano avere dei bambini bellissimi. Guardate cosa ci è uscito dal nostro sperimento.

Keanu Reeves e Charlize Theron, figli delle stelle

Tom Cruise e Nicole Kidman

Tom Cruise e Nicole Kidman, due attori holliwoodiani sono stati sposati per più di dieci anni. Era una delle coppie più ammirate e amate dal pubblico. Li chiamavano addirittura la coppia d’oro.

Primo Aiuto Capel Chic
Primo Aiuto Capel Chic
15,95 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Si sono conosciuti nel 1989 su set di Giorni di tuono. Nicole Kidman all’epoca aveva 22 anni a un’attrice emergente. Tom Cruise invece aveva 27 anni ed era già un attore molto conosciuto. Dopo un anno di fidanzamento la coppia si è sposata nel 1990, il giorno della vigilia di Natale. Tom faceva già parte di Scientology.

Durante il loro matrimonio Nicole Kidman rimase incinta due volte, ma in entrambi i casi aveva perso il bambino. La coppia aveva adottato due bambini ma se Nicole avesse avuto la sfortuna nelle gravidanze da Tom Cruise che aspetto avrebbero avuto i loro figli?

Tom Cruise e Nicole Kidman, figli delle stelle
Figli della ex coppia Tom Cruise-Nicole Kidman

Ben Affleck e Jennifer Lopez

Bel Affleck e Jennifer Lopez hanno iniziato a frequentarsi nei primi anni 2000, annunciando il loro fidanzamento nel 2002. Durante la loro storia d’amore, hanno recitato insieme in due film, Jersey Girl e Gigli. La coppia aveva deciso di sposarsi nel 2003 posticipando di seguito le nozze e, nel 2004 si sono lasciati.

Dopo tanti anni escono fuori gli argomenti che avevano portato la coppia alla decisione di separarsi. La continua presenza di paparazzi, l’incredulità dei fun sulla loro storia d’amore fino, addirittura, alla dimostrazione dell’odio nei confronti di J. Lo e le offese razziste non potevano giovare al rapporto. Jennifer Lopez, dopo quasi 15 anni dalla rottura, disse in un’intervista che quella storia l’aveva svuotato dentro, le aveva tolto tante energie e addirittura l’autostima e che per riprenersi le ci sono voluti due anni.

Floradix Kids - Ferro e Vitamine per Bambini (dai 4 anni)
Floradix Kids – Ferro e Vitamine per Bambini (dai 4 anni)
18,35 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Ricordiamo che Jennifer Lopez proviene dal Bronx, il quartiere più malfamato di New York, e ha dovuto lavorare sodo per arrivare dove è arrivata ma per le fun di Ben Affleck non era abbastanza, doveva essere bianca per stare con il attore preferito.

Se Jennifer Lopez si infischiava di tutti e convolava a nozze con Ben Affleck avrebbero potuto avere dei figli. Ecco cosa ci ha creato la App:

Ben Affleck e Jennifer Lopez, figli delle stelle
Figli di Ben Affleck e Jennifer Lopez

Edward Norton e Salma Hayek

Edward Norton e Salma Hayek iniziarono a frequentarsi nel 1999 e la loro storia durò fino al 2003. Non si sa moltissimo sulla loro relazione perché entrambi attori amano tenere la loro vita privata lontano dai riflettori.

Dopo la loro separazione Salma Hayek, in un’intervista all’Indipendent ha svelato come lei e Edward Norton hanno tenuto il loro rapporto lontano dalla stampa.

“Abbiamo fatto migliaia di cose e nessuno lo sa. La maggior parte di ciò che è scritto non è vero. Mi arrabbierei di più se prendessi il giornale e pensassi:”Oh mio Dio, come lo hanno saputo?”. E’ quasi come se avessi una vita parallela di cui nessuno è alla conoscenza.”

Kit da Viaggio con Detergenti e Deodorante Corpo
Kit da Viaggio con Detergenti e Deodorante Corpo
14,60 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

I due ex fidanzati sono rimasti in ottimi rapporti, tanto che Edward Norton sia stato sia al primo che al secondo matrimonio di Salma Hayek.

Giocando con la App abbiamo provato a creare i figli di Edward Norton e Salma Hayek e sono venuti bellissimi, non trovate?

Edward Norton e Salma Hayek, figli delle stelle
Figli dalla ex coppia stellare di Edward Norton e Salma Hayek

Justin Bieber e Selena Gomez

Quella di Justin Bieber e Selena Gomez è la ex coppia più giovane tra quelle che abbiamo visto oggi. Il oro primo appuntamento risale al 2010 quando sono stati visti insieme in un IHOP ( franchising di frittelle). Gomez all’epoca aveva 18 anni e Bieber 16 anni.

Dopo due anni di appuntamenti girano le voci sulla gravidanza di Selena Gomez. Poi seguono vari tira e molla e nel 2018 arriva la notizia definitiva sulla pausa della loro relazione tormentata, piena di colpi di scena, tradimenti, pause di riflessione e regali costosi.

Gel Mani Igienizzante al Tea Tree e Olio di Neem - Da Viaggio
Gel Mani Igienizzante al Tea Tree e Olio di Neem – Da Viaggio
5,60 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Non sappiamo se la gravidanza di Selena Gomez era vera e cosa era successo veramente ma con l’aiuto della App abbiamo ipotizzato l’aspetto dei figli di Justin Bieber e di Selena Gomez.

Figli delle stelle Justin Bieber e Selena Gomez.

Justin Bieber e Selena Gomez, figli delle stelle
Ecco che aspetto avrebbero avuto i figli della coppia Bieber-Gomez

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo con gli amici e lascia un commento.

Fiori Bach "Distacco dalla Mamma" per Bambino - Florinutriva My Baby
Fiori Bach “Distacco dalla Mamma” per Bambino – Florinutriva My Baby
14,50 €
Acquistalo su SorgenteNatura.it

Leggi anche “Disturbo del olfatto dopo coronavirus”